Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1109 - mercoledì 19 marzo 2008

Sommario
- Il "Codice beni culturali e paesaggio" è legge
- Errani convoca Conferenza delle Regioni per il 20 marzo
- "Cittadinanzattiva": rapporto Pit Salute 2007
- Istat: dati su commercio estero e internazionalizzazione
- Marrazzo: migliora deficit sanità Lazio
- Rifiuti radioattivi: gruppo di lavoro per criteri di individuazione sito

+T -T
"Cittadinanzattiva": rapporto Pit Salute 2007

(regioni.it) E’ stato presentato da "Cittadinanzattiva-Tribunale dei diritti del malato" il Rapporto Pit Salute 2007. Nel 2007 per quel che riguarda i medici di base si e' registrato un aggravamento dei casi di indisponibilita' e irreperibilita', passati dal 15,8% del 2006 al 23,1% del 2007. A seguire, come altri problemi segnalati dai cittadini, si trovano la mancanza d'informazioni (19,7%), il rifiuto di prescrizioni (14,5%) e la malpractices (13,7%).
Sui pediatri di libera scelta invece, il rapporto ha rilevato una diminuzione delle lamentele per l'indisponibilità dei pediatri, scesa dal 25% del 2006 al 19% del 2007, mentre sono aumentate le segnalazioni di casi di errori sospetti (29% nel 2007), comportamenti inadeguati (14%).
Due - secondo il rapporto Pit Salute - i motivi principali che inducono a cambiare regione per curarsi: nel 55% dei casi la necessità di un intervento chirurgico (rispetto al 45% dell'anno precedente), nel 10% il bisogno di sottoporsi a riabilitazione.
Mobilità sanitaria e “viaggi della speranza”: si parte alla volta di un'altra regione soprattutto per cure oncologiche (34% delle segnalazioni), ortopediche (32%) e neurologiche (10%). Si viaggia lungo la Penisola da Nord a Nord (l'88% di cittadini settentrionali rimangono comunque nella stessa area geografica), dal Centro al Nord (58%) e dalle isole al Nord (53%). Non e' una sorpresa, ma l'ennesima conferma di un Paese spaccato e dello stato in cui versa la sanita meridionale: nessuno sceglie di andarsi a curare nelle isole e nessuno dal Nord pensa di farlo al Sud.Il 24% delle segnalazioni riguarda, infine, gli spostamenti all'interno della propria regione di residenza. Il Tribunale dei diritti del malato la definisce una mobilità "forzata": in questo caso, gli spostamenti non sono solo frutto di scelta o di capriccio, ma puro stato di necessita', per una serie di motivi tra cui spiccano la carenza di strutture sul territorio (44%), le lunghe liste di attesa (22%) e la mancanza di posti letto per ricoveri nei presidi sul territorio (18%), piuttosto che di apparecchiature diagnostiche avanzate (15%). Anche nel caso degli spostamenti intraregionali, il principale motivo riguarda la necessità di interventi chirurgici (40%), seguiti da esami diagnostici (18%), riabilitazione (16%) e visite specialistiche (10%).
 
(red/19.03.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top