Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1138 - martedì 6 maggio 2008

Sommario
- UE: rifiuti Campania; deferimento dell'Italia a Corte di giustizia
- Marche: fondi per la sicurezza
- Affari regionali: Fitto ministro indicato
- Burlando: al via retroporto di Alessandria
- Ambiente: protocollo Toscana e Wwf per difesa biodiversità
- Risorse idriche: Vendola e De Filippo per gestione condivisa

+T -T
Ambiente: protocollo Toscana e Wwf per difesa biodiversità

(regioni.it)  Firmato tra la Regione Toscana e il Wwf un patto per la protezione della biodiversità. La Toscana è una delle aree più ricche di biodiversità dell’intero bacino del Mediterraneo. La Regione si pone il problema di come preservare le sue peculiarità ambientali e naturalistiche.Tra le azioni previste c’è la creazione e la tutela delle zone umide, la progettazione di veri e propri corridoi ecologici, oltre ad un sistema di monitoraggio ambientale.
In Toscana sono a rischio di estinzione 510 specie animali e 472 vegetali: pipistrelli, lontra, lepre italica, martora, puzzola, gatto selvatico, tarabuso, berte, ululone appenninico, parnassius mnemosine, cardo appenninico, asparago amaro, cicerbita violetta, lauro alessandrino, erba di San Giovanni…
L’assessore alle aree protette e alla biodiversità, Marco Betti, spiega che “in questo delicato settore la Toscana non parte certo da zero. Disponiamo di un patrimonio invidiabile, formato per metà della superficie da boschi e foreste, il 10% del nostro territorio è un parco o un’area protetta e abbiamo strumenti come il Repertorio naturalistico toscano (Re.na.to) e il progetto Biomart per l’ecosistema marino, che rappresentano una formidabile base di partenza. Da oggi, grazie alla collaborazione con il Wwf, lavoreremo per essere la prima regione del Mediterraneo ad avere un piano d’azione per la tutela della biodiversità”.
Sono 124 le specie in pericolo critico. Si tratta di 108 vegetali (dal trifoglio acquatico comune, al garofano, al cisto laurino, al salice erbaceo, alla genzianella stellata, alla salvia nemorosa, all'erba vescica, al giunco natante), di 1 mollusco, 5 insetti, 1 rettile (la tartaruga comune di mare), 7 uccelli (tra cui il tarabuso, il piccione selvatico, il fraticello e l'ortolano) e 2 mammiferi (la lontra e il gatto selvatico). Quelle considerate in pericolo sono 123 tra cui 83 di flora (come il crescione dei Pirenei, il ribes multifloro, la cicerchia gorgonio, il cardo appenninico, l'asparago amaro), 4 molluschi, 5 insetti (tra cui la farfalla Apollo), 5 pesci (come il cavedano dell'Ombrone e lo spinarello), 1 rettile, 15 uccelli (tra cui la berta minore, il falco di palude, la pernice rossa, il gabbiano corso) e 10 mammiferi (dalla lepre italica, al topo quercino, alla puzzola, alla martora).
( red /06.05.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top