Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1146 - venerdì 16 maggio 2008

Sommario3
- Sicurezza: richiesto tavolo congiunto Governo, Regioni, Enti locali
- EuroP.A. dal 4 al 7 giugno
- Pubblica amministrazione: Forum P.A. premia gli innovatori
- Cooperazione: soluzioni condivise per i programmi
- Porti: in Gazzetta variazione su programma opere
- UE: cambia volto la politica di coesione 2007-2013

+T -T
Sicurezza: richiesto tavolo congiunto Governo, Regioni, Enti locali

Maggio 2003: Documento Conferenza Regioni, Anci e Upi

(regioni.it) Maggiore sicurezza per i cittadini. Il 15 maggio l’ufficio di presidenza della Conferenza delle Regioni, composto anche dal presidente Vasco Errani e dal presidente del Molise e vice presidente della Conferenza delle Regioni, Michele Iorio, ha incontrato il ministro Maroni. Motivo della riunione è stata la presentazione informale dei “titoli” del prossimo pacchetto sicurezza. Il provvedimento sarà varato dal Governo nel primo consiglio dei ministri.
Un tavolo congiunto tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali per una politica coordinata sulla sicurezza: è stata questa la richiesta. Il ministro inoltre è stato informato in particolare del documento predisposto dalla Conferenza delle Regioni e dalle autonomie locali (Anci e Upi) nel maggio del 2003 sul tema sicurezza.
''La sicurezza - ha detto il Presidente Iorio - rappresenta sicuramente una delle priorita' da affrontare. I cittadini si aspettano misure adeguate che permettano alle forze dell'ordine di avere un controllo sempre piu' capillare del territorio per garantire la sicurezza e il necessario contrasto ai fenomeni malavitosi di ogni genere''. ''Il Molise - ha aggiunto Iorio - non sente molto il fenomeno dell'immigrazione clandestina, pur tuttavia, si trova in una posizione baricentrica rispetto al Paese e a contatto con territori che evidenziano una preoccupante presenza di malavita organizzata e di delinquenza comune. Chiediamo, quindi, al Governo - ha concluso - che vengano presi i provvedimenti necessari a garantire il mantenimento, in questo nostro territorio, dell'elevato grado di tranquillita' sociale che lo ha sempre caratterizzato''.
Spiega il coordinatore degli assessori regionali al Bilancio e assessore in Lombardia, Romano Colozzi: 'Sulla sicurezza, tema che le Regioni considerano fondamentale, chiediamo un tavolo unitario tra il governo, le grandi citta' e le Regioni: l'esperienza precedente dei tavoli separati deve essere superata, il tema ha bisogno della sinergia di tutti i livelli istituzionali''. Ne e' ''Siamo pronti a collaborare col Governo anche sulla sicurezza - ha spiegato Errani - per questo abbiamo chiesto di dar vita ad un tavolo unico tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali per poter costruire insieme una politica coordinata''.
Errani e Iorio si sono quindi  riservati una valutazione complessiva del testo del Decreto in sede di Conferenza delle Regioni non appena se ne avra' conoscenza completa.
 
(red/16.05.08)

+T -T
EuroP.A. dal 4 al 7 giugno

Salone delle Autonomie Locali

(regioni.it) La manifestazione EuroP.A. si svolgerà a Rimini dal 4 al 7 giugno 2008. Si tratta dell’ottava edizione del Salone delle Autonomie Locali, dove si farà il punto, oltre sul nuovo scenario politico-istituzionale, sulle principali novità che coinvolgono utenti, Aziende, Associazioni ed Enti locali. Sono previsti convegni, workshop e tavole rotonde che vedono coinvolti circa 800 relatori per oltre 600 ore di aggiornamento professionale gratuito su tutti i temi più importanti ed attuali della Pubblica Amministrazione.
Il 2007 ha visto una crescita del Salone in termini di spazio espositivo, con ben 18.000 mq., circa 30mila visitatori e 202 espositori tra aziende, Pubblica Amministrazione Locale, Centrale e Associazioni.
Programma Convegni & Seminari
Il sapere e l'aggiornamento per le Autonomie Locali. EuroP.A. propone ad amministratori, dirigenti e funzionari degli Enti Locali un ricco programma di seminari e convegni volti a favorire lo scambio di esperienze innovative. Oltre 130 tra Convegni, seminari e workshop gratuiti su tutti i temi più importanti e attuali. La completezza dei
temi trattati, affrontati dai più prestigiosi e qualificati esperti del mondo delle Autonomie Locali, fanno di EuroP.A. il punto di riferimento per l’innovazione della Pubblica Amministrazione Locale nel quadro Europeo. On line la Newsletter di EuroP.A. per tutti gli aggiornamenti sulla manifestazione. 
PROGRAMMA PROVVISORIO CRONOLOGICO 2008  www.euro-pa.it
• Mercoledi 4 giugno 2008
-
mattina
- pomeriggio
• Giovedi 5 giugno 2008
-
mattina
- pomeriggio
• Venerdi 6 giugno 2008
-
mattina
- pomeriggio
• Sabato 7 giugno 2008
-
mattina
• Dal 4 al 7 giugno 2008
-
tutte le giornate
PROGRAMMA PROVVISORIO TEMATICO 2008
Altro
 
 
(red/16.05.08)

+T -T
Pubblica amministrazione: Forum P.A. premia gli innovatori

Riconoscimenti per Emilia-Romagna e Trento

(regioni.it) Quest’anno “Forum della pubblica amministrazione” (cfr. “regioni.it” n. 1140) ha deciso di premiare i singoli individui, e non più le pubbliche amministrazioni, che hanno introdotto cambiamenti significativi nella propria area di competenza (cfr. “regioni.it” n. 1134). Oltre 50mila votanti, in poco più di due settimane, hanno espresso la loro preferenza sul sito di Forum PA (www.forumpa.it), scegliendo l’innovatore (uno per ciascuna delle cinque categorie).
Riconoscimenti significativi per la Regione Emilia-Romagna e per la Provincia autonoma di Trento. Il popolo del web ha infatti scelto: Luciano Malfer, dirigente della provincia autonoma di Trento, per la categoria Inclusione, con 1.531 voti; Claudio Dario, direttore generale della Ulss 9 di Treviso, per la Sanità, con 2.866 voti;Gaudenzio Garavini, dirigente della regione Emilia Romagna, per la Semplificazione, con 1.828 voti; Antonino Gentile, dirigente dell’Agenzia delle Entrate del Trentino, per la Lotta agli sprechi, con 1.620 voti; Luca Attias, dirigente informatico della Corte dei Conti, per la categoria Tecnologie, con 1944 voti.
La categoria “più votata” è quella della Sanità con 8.570 voti complessivi. Sono 5.147, invece, i consensi ottenuti dalla sezione Sprechi; 5.005 i voti per la Semplificazione; 4.935 per le Tecnologie e, infine, 3.767 quelli destinati all’Inclusione.
Trenta innovatori su 124, dopo aver superato la prima selezione, sono approdati in finale. Ma solo cinque di loro hanno ricevuto la targa “Forum PA – Il Sole 24 Ore”. Il popolo della Rete ha voluto così riconoscere il merito di chi, con idee, progetti e creatività ha contribuito a semplificare, modernizzare e innovare i servizi offerti dalle amministrazioni centrali e locali.
 
(red/16.05.08)

+T -T
Cooperazione: soluzioni condivise per i programmi

Conferenza Regioni Doc 15.05.08

(regioni) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, tenutasi a Roma il 15 maggio e presieduta da Vasco Errani, ha approvato il seguente documento.
 
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome con riferimento ai programmi di cooperazione territoriale nell’ambito dell’Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013 e in particolare alle caratteristiche generali del sistema nazionale di controllo di tali programmi, ha condiviso le seguenti considerazioni e proposte.
Premesso che:
-         con Delibera CIPE del 21 dicembre 2007, attualmente in fase di registrazione, sono state condivise le modalità per l’attuazione dell’Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea;
-         il MEF/IGRUE ha trasmesso l’8 aprile scorso alle Regioni e Province autonome una bozza di documento che, oltre a definire le caratteristiche generali del sistema nazionale di controllo dei programmi dell’Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2007–2013, individua specifiche responsabilità in capo alle Regioni e alle Province autonome in materia di controlli di primo livello e recupero delle risorse indebitamente erogate;
-         le Regioni/PA, come concordato durante l’incontro tenutosi in data 18 aprile 2008, hanno trasmesso al MEF/IGRUE la posizione tecnica sul documento, ribadendo che la responsabilità in merito ai due aspetti succitati deve essere in capo all’Amministrazione Centrale;
-         il MEF/IGRUE ha inviato in data 12 maggio 2008 un testo emendato del documento, al fine di acquisire l’assenso delle Regioni e delle Province autonome, riconfermando la responsabilità in capo alle stesse dei due aspetti succitati.
Ribadita la validità della posizione già espressa in sede tecnica in merito ai controlli di primo livello e al recupero delle risorse indebitamente erogate, in quanto:
     la Delibera CIPE citata individua nell’Amministrazione Centrale (MISE/DPS), il ruolo di Autorità nazionale di riferimento per la Commissione europea e per gli altri Stati membri, in relazione all’obiettivo di cooperazione territoriale europea, nonché di capo delegazione nei Comitati di Sorveglianza dei programmi di cooperazione transnazionale e interregionale. Tale ruolo, che comporta assunzioni di responsabilità nei confronti della Commissione europea, delle Autorità di Gestione estere dei programmi transnazionali e interregionali e degli altri Stati Membri, non viene richiamato in nessun modo nel documento in oggetto, che invece trasferisce alle Regioni le responsabilità che i Regolamenti pongono in capo agli Stati Membri in merito ai controlli di primo livello e al recupero delle risorse indebitamente erogate, di cui agli art. 70 del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e artt. 16-17 del Regolamento (CE) n. 1080/2006;
     infatti, nei programmi suddetti le Regioni e le Province autonome non hanno alcuna responsabilità nell’erogazione delle risorse né esercitano alcun ruolo nell’ambito dei circuiti di pagamento delle quote FESR e di cofinanziamento nazionale, queste ultime attivate dal MISE/DPS ed erogate da IGRUE;
     la proposta dell’IGRUE determina un sistema di governance nel quale non vi è corrispondenza di ruoli e responsabilità, presupposto necessario per il corretto funzionamento del sistema stesso.
Alla luce di queste considerazioni, la Conferenza non ritiene giustificabile l’onere, in capo alle Regioni e alle Province autonome, della responsabilità del recupero delle somme indebitamente erogate e non restituite dai beneficiari, in assenza di un ruolo decisionale delle Regioni e delle Province autonome nel processo stesso di erogazione delle risorse.
La Conferenza, stante l’urgenza della questione, sottolinea la necessità di individuare soluzioni condivise che determinino un sistema di governance dei programmi efficiente e con chiare attribuzioni e corrispondenze di responsabilità e ruoli sia nella fase decisionale sia in quella di controllo sia, infine, in quella del recupero delle somme indebitamente versate.
Ritiene necessari, pertanto, un approfondimento del confronto tecnico e una successiva condivisione politica delle soluzioni individuate, in sede di Conferenza Stato-Regioni, secondo il metodo previsto nel Quadro Strategico Nazionale.
Roma, 15 maggio 2008
 
(red/16.05.08)

+T -T
Porti: in Gazzetta variazione su programma opere

(regioni.it) E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU n. 110 del 12-5-2008) il DECRETO 28 dicembre 2007 di Approvazione delle variazioni del programma di interventi per la realizzazione di opere infrastrutturali di ampliamento, ammodernamento e riqualificazione dei porti e approvazione della ripartizione delle relative risorse.
DECRETO 28 dicembre 2007: ammodernamento e riqualificazione dei porti e approvazione della...


(gs /16.05.08)

 

+T -T
UE: cambia volto la politica di coesione 2007-2013

(regioni.it) Avrà un’impostazione completamente diversa la politica di  coesione europea per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 con l’obiettivo di avvicinare le regioni in ritardo economico alle  aree piu' ricche in Europa.
Gli Stati membri e le Regioni dell'Ue, rispetto al passato, hanno infatti ''modificato radicalmente le loro priorità” con i circa 450 programmi di rilancio socio-economico che verranno realizzati nei prossimi sette anni, come sottolineato oggi a Bruxelles dai commissari europei alla politica regionale, Danuta Hubner, e all'occupazione e affari sociali, Vladimir Spidla. La nuova  politica di coesione 2007-2013 permettera' un'iniezione nei 27 stati membri di finanziamenti europei per oltre 338,3 miliardi di euro a cui si aggiungono i finanziamenti pubblici e privati.
L'Italia, come ha sottolineato la commissaria Hubner, ''si è distinta con altri partner europei nell'impegno sulla lotta al  cambiamento climatico'', ma non solo. Rispetto ai 27,8 miliardi di stanziamenti europei per il 2007-2013, l'Italia e le Regioni hanno destinato la maggior parte dei fondi alle seguenti sfide: il 34,7% in favore dell'innovazione; il 32% per la tutela dell'ambiente: il 16,9% alla prevenzione e alla lotta contro il cambiamento climatico; il 15% per i trasporti; il 10% per sostenere le piccole e medie imprese; il 6,8% per lo sviluppo energetico; il 5,8% per la societa' dell'informazione con investimenti per infrastrutture, prodotti e servizi.
Anche tra le priorita' per i 27 stati membri si inserisce l'innovazione che, con la ricerca e lo sviluppo, accaparra circa un quarto dei fondi comunitari del bilancio di coesione 2007-2013 e contribuira' alla crescita del 3% del Pil. Particolarmente importante sara' anche l'impegno dei 27 per  la tutela dell'ambiente e, nell'ambito di questo obiettivo, la  prevenzione e la lotta al cambiamento climatico, grazie al 14%  dei contributo globali europei. Si investe soprattutto nei  settori dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili.  La parte del leone, con il 24% dei fondi di coesione, la fanno anche le infrastrutture per incrementare la viabilita', tramite il finanziamento delle grandi reti transeuropee ma anche i trasporti sostenibili che da soli riceveranno il 10% dei stanziamenti comunitari. In Europa ''il tempo e' tiranno - ha concluso la commissaria Hubner - tocca ora agli Stati e alle Regioni attuare questo cambiamento''.
 
(red/16.05.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top