Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1150 - giovedì 22 maggio 2008

Sommario
- Governo: via libera a "pacchetto sicurezza"
- Sicurezza: serve lavoro congiunto
- Martini: federalismo fiscale condiviso con Anci e Upi
- Federalismo fiscale: Fitto, partire dal Sud
- Rifiuti Campania: ministero predispone Piano intervento operativo sulla salute
- VII giornata nazionale del sollievo

+T -T
Governo: via libera a "pacchetto sicurezza"

(regioni.it) Il Consiglio dei Ministri che si è riunito il 21 maggio 2008 (presso la Prefettura di Napoli, (on line il video della conferenza stampa) ha approvato alcuni provvedimenti, ai quali il Governo annette fondamentale rilevanza, in materia di sicurezza pubblica, diminuzione del carico fiscale, superamento dell’emergenza rifiuti nella città di Napoli e nell’intera regione Campania.  Il pacchetto di norme in materia di sicurezza, su proposta dei Ministri dell’interno, Maroni e della giustizia, Alfano, prevede i seguenti interventi normativi:
- un decreto-legge ed un disegno di legge dove è stato inserito il reato di immigrazione clandestina con il quale può essere perseguito un ingresso illegale sul territorio dello Stato.
- tre schemi di decreti legislativi che intervengono su norme di recepimento di direttive comunitarie sui seguenti aspetti:
1) La modifica della disciplina relativa al diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini extracomunitari con la previsione che il coniuge del quale si chiede il ricongiungimento non debba essere separato e debba avere più di diciotto anni. Sono inoltre previsti requisiti più stringenti per considerare a carico del cittadino extracomunitario il figlio maggiorenne ed il genitore. In mancanza di documentazione rilasciata dall’autorità competente circa il possesso dello stato che dà diritto al ricongiungimento è concessa all’interessato la facoltà di provare tale qualità in base all’esame del DNA.
2) In materia di soggiorno dei cittadini comunitari vengono imposte le iscrizioni anagrafiche e stabiliti criteri aggiuntivi per le valutazioni da porre a base dei provvedimenti di allontanamento dei cittadini comunitari per motivi imperativi di pubblica sicurezza, tra i quali quelli attinenti alla moralità pubblica ed al buon costume.
3) quanto alle procedure applicate per il riconoscimento della qualifica di rifugiato viene previsto che il prefetto stabilisca un’area geografica in cui possa circolare chi richiede la protezione internazionale; se lo straniero già destinatario di un provvedimento di espulsione presenta domanda di protezione internazionale, resta trattenuto nei centri di permanenza temporanea.
Alcune delle novità annunciate, secondo una sintesi diffusa dal Ministero dell’Interno:
·                     divieto di patteggiamento in appello per i reati di mafia e semplificazioni per la confisca dei beni appartenenti ai mafiosi
·                     reato di impiego di minori per accattonaggio
·                     espulsioni più facili e confisca degli immobili che vengono affittati a immigrati clandestini
·                     prolungamento fino a 18 mesi del tempo di permanenza dei clandestini nei centri di accoglienza temporanea
·                     norme più severe per chi guida sotto l’uso di alcol o stupefacenti, con la revoca della patente e la confisca del mezzo
·                     più poteri ai Sindaci per il controllo del territorio e per agire sul degrado urbano
·                     semplificazioni per la distruzione delle merci contraffatte.
Il pacchetto è completato da una dichiarazione di stato d’emergenza che consentirà di fare fronte con rapidità alla situazione di estrema criticità che si è determinata in Campania, in Lombardia e nel Lazio per la presenza di numerosi cittadini extracomunitari irregolari e nomadi stabilmente insediati in talune aree.
Il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, Maurizio Sacconi, ha svolto un’informativa al Consiglio sui flussi migratori; in proposito il Ministro Carfagna ha illustrato una specifica norma che contribuirà a risolvere il problema delle badanti. Il Ministro Sacconi ha poi riferito sul piano per la protezione sanitaria connessa all’emergenza rifiuti a Napoli, che si articola su tre principali linee: la corretta informazione al pubblico circa i rischi, l’aggiornamento permanente degli operatori sanitari, il monitoraggio dell’ambiente e degli alimenti. Il Consiglio ne ha preso atto ed ha condiviso.
Il tema delle politiche integrate per la sicurezza è anche all’ordine del giorno dela Conferenza delle Regioni che il Presidente Vasco Errani ha convocato per le 14.30 del 22 maggio.
 
(red/22.05.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top