Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1153 - martedì 27 maggio 2008

Sommario
- Valle d’Aosta elegge Consiglio regionale
- Sanità: vertice a via XX settembre sui piani di Lazio e Abruzzo
- Comunità montane: 150 in meno
- Federalismo fiscale: Errani, partire da Documento Conferenza Regioni
- Energia: impegno del Piemonte
- In Gazzetta Ufficiale Dichiarazione dello stato di emergenza insediamenti nomadi in Campania, Lazio e Lombardia

+T -T
Federalismo fiscale: Errani, partire da Documento Conferenza Regioni

(regioni.it) Federalismo fiscale: “modello lombardo” impraticabile, federalismo differenziato possibile, ma in un quadro di regole definite, dialogo sul tema partendo dal Documento unitario della Conferenza delle Regioni. E’ questo, in sintesi, il punto di vista del Presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani, ribadito anche in un’intervista pubblicata sul quotidiano “Europa”.
“Credo che la legge approvata dal Consiglio regionale della Lombardia – spiega Errani – non abbia alcuna possibilità di dare risposte credibili perché non parte dalle competenze. Anzi fa una perequazione orizzontale al cinquanta per cento e non tiene conto dell’assetto complessivo delle regioni italiane”. Per questo, spiega il Presidente Errani, occorre partire da una diversa base: “la Conferenza delle Regioni ha ribadito all’unanimità alcuni principi in un documento che rappresenta una base unitaria importante e, soprattutto, condivisa”, “a partire , ad esempio, dal finanziamento assicurato per quello che riguarda i livelli essenziali di assistenza attraverso, fra l’altro, la valutazione dei parametri delle prestazioni. Ma non è tutto. Si è stabilito anche l’utilizzo della perequazione senza tuttavia invertire l’ordine tra chi da' e chi riceve, ma anzi favorendo la possibilità di garantire il processo di efficacia e di razionalizzazione della spesa. Quanto al federalismo “differenziato”, per Errani “la possibilità di avere forme particolari di autonomia è prevista dalla Costituzione; tuttavia perché ciò accada, occorre che il Governo metta a punto un quadro di regole definite a livello nazionale”.
Tenendo conto delle diverse variabili, Errani "si dice comunque fermamente convinto che ci siano tutte le condizioni per mettere mano a una riforma federalista", ma c'è "la necessità di partire con il piede giusto senza porre pregiudiziali di sorta"
 
(red/27.05.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top