Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1176 - martedì 1 luglio 2008

Sommario
- Vendola: rifiuti e qualità della spesa sanitaria
- De Filippo: tasse petrolifere; misura paritaria Stato-Regione
- Imprese: obiettivo internazionalizzazione
- Istat: natalità in aumento
- In Gazzetta Decreto proroghe legislative
- Relazione tossicodipendenze 2007

+T -T
Vendola: rifiuti e qualità della spesa sanitaria

Affrontare sfida qualificazione spesa pubblica

(regioni.it) ''Attualmente non vi e' alcuna intesa tra le Regioni Puglia e Campania, ma vi e' la disponibilita' che ho manifestato al presidente del Consiglio Berlusconi a esprimere solidarieta' nei confronti della Campania'', ha detto all'ANSA il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a proposito di notizie secondo cui ci sarebbe un accordo tra le Regioni Puglia e Campania affinche' arrivino nel territorio pugliese una parte di rifiuti campani.
''E' la stessa solidarieta' - ha detto Vendola - che abbiamo espresso quando vi era il precedente governo. Ho detto a Prodi in passato e ho detto a Berlusconi nel tempo presente, che la Campania, la crisi dei rifiuti, e' un danno per l'intera economia nazionale, e' una minaccia per il futuro del Mezzogiorno d'Italia e quindi io mi comporto di conseguenza''.  
''Domani - ha annunciato Vendola - ci sara', su mia richiesta, un tavolo di confronto con il sottosegretario Bertolaso per discutere di tutte le partite legate alle problematiche dei rifiuti a cavallo tra Campania e Puglia''. E a chi parla gia' di quantitativi che arriveranno in Puglia (circa 30 mila tonnellate), Vendola risponde: ''Questo sara' l'oggetto della riunione di domani. La discussione che e' stata fatta finora appartiene alla conversazione privata tra me e il sottosegretario Bertolaso, tra me e il presidente Berlusconi''.
Vendola affronta anche il tema dell’ipotizzato aumento in Puglia di un euro delle sigarette e di un euro delle bottiglie di alcol per far fronte al mancato rispetto del Patto salute da parte del Governo con l’introduzione automatica del ticket sanitari da gennaio 2009:  ''tutto cio' che in qualche maniera inasprisce le accise o le tassazioni su prodotti voluttuari che abbiano anche l'effetto di danneggiare la salute rappresentano una tendenza mondiale e quindi si tratta di vedere se al tavolo nazionale questa, tra le altre, puo' essere considerata una proposta accettabile''.
Proposta che la Puglia avanzera' in sede di Conferenza delle Regioni.
 ''Devo dire – aggiunge Vendola - che questa puo' essere una proposta di buon senso, puo' essere una proposta di buon senso anche ridurre le indennita' del management sanitario, ma vorrei far notare che stiamo parlando di cifre assolutamente minuscole''.
''Se l'entita' del deficit - ha aggiunto - e' quella di 800 e rotti milioni di euro, anche se abolissimo le indennita' a tutto il management sanitario nazionali, non credo che riusciremmo a coprire, se non una percentuale quasi insignificante o minima di quella entita' cosi' gigantesca''.
 ''Credo che nella sanita' occorre si' compiere azioni di razionalizzazione della spesa. Pero' tutti insieme dobbiamo concentrarci sul problema di fondo che e' la lotta agli sprechi occulti nella sanita'. Che riguardano per esempio la orizzontalita' dei circuiti affaristici, della loro riproduzione, del loro attecchimento in forme francamente difficili da vedere a occhio nudo''.
''Penso - ha sottolineato Vendola - che abbiamo tutti il problema di affrontare la sfida della qualificazione della spesa pubblica e di capire che la qualificazione della spesa pubblica passa anche attraverso una politica di rigore e di tagli''.    
Bisogna, pero', secondo Vendola, ''stare molto attenti, perche' il rischio e' che alla fine vengano tagliati i servizi e i diritti dei cittadini e che rimanga invece immacolata tutta l'area dello spreco, della dissipazione, e magari dell'alimentazione di circuiti affaristici''. ''Allora, - ha concluso Vendola - piuttosto che immaginare formule magiche, lo dico nel confronto col governo e in maniera del tutto costruttiva, sarebbe bello approfondire molto la questione di qual e' l'area dello spreco, di qual e' l'area della qualificazione della spesa sanitaria e piu' in generale della spesa pubblica. Questo puo' essere un lavoro delle prossime stagioni, dei prossimi anni: ognuno di noi puo' dare un importante contributo. Perche' questo e' un modo per far bene all'Italia''.
 
(red/01.07.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top