Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1178 - giovedì 3 luglio 2008

Sommario
- Parere su Dpef 2009-12
- Errani: tagli sanità; impossibile fare il nuovo Patto della salute
- Colozzi: tagli sanità; cifre irrealisitiche e inaccettabili
- In Gazzetta Ordinanza rifiuti Campania
- Riforma contrattazione: prime ipotesi
- Turismo: un'intesa per un "Piano strategico"

+T -T
Errani: tagli sanità; impossibile fare il nuovo Patto della salute

(regioni.it) Parere "negativo" delle Regioni al Dpef 2009-2013, in particolare preoccupano soprattutto i tagli alla sanità in quanto irrealistici, al di fuori di una corretta gestione e di mantenimento degli attuali livelli dei servizi sanitari. Tra i punti su cui le Regioni esprimono “contrarietà” chiedendo un tavolo di confronto, il nuovo Patto sulla salute, l'utilizzo dei fondi per le aree sotto utilizzate e il Piano Casa. Inoltre, chiedono risorse adeguate sul tema della non autosufficienza.
“Abbiamo espresso fortissima preoccupazione per la sanità. Sulla questione dei ticket per il 2009 il governo deve darci una risposta per il rispetto pieno del Patto della salute 2009 che prevede anche 2 mld aggiuntivi relativi al tema della compartecipazione". Così il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani, al termine della conferenza unificata del 3 luglio. "Siamo preoccupati per il fabbisogno sanitario 2010-2011 -ha detto Errani- con quelle cifre e' impossibile fare il nuovo Patto della salute. Dunque, bisogna modificare quel fabbisogno sulla base di un confronto leale con le Regioni: questo per noi e' un punto  irrinunciabile".
Ma non solo Dpef. Al Governo sono state anticipate anche alcune questioni riguardanti la manovra finanziaria."Abbiamo anticipato alcuni elementi di sostanza riguardo il decreto legge, che ha alcuni profili di incostituzionalità”. E' quanto ha affermato Errani, che ha spiegato che la manovra "non affronta con attenzione il tema del riordino degli enti li' dove sono presenti anche le Regioni" e ha inoltre sottolineato il "problema dell'utilizzo dei fondi per le aree sotto utilizzate". Le Regioni avrebbero infatti osservato che la manovra incide su delle competenze primarie delle Regioni in varie materie.
"Abbiamo dato in anticipo questo nostro documento -ha detto Errani- perché speriamo che il governo voglia valutare le nostre richieste e alla prossima conferenza unificata sia in grado di dare risposte soddisfacenti". "No -ha concluso Errani- a scelte che hanno ricadute dirette sui cittadini".
Riguardo al patto di stabilità, le Regioni chiedono di, prevedere un diverso metodo che permetta di differenziare gli apporti dati da ciascuno sulla base di principi premiali o di sanzioni a seconda dei comportamenti finanziari tenuti dalle amministrazioni negli anni precedenti. Le Regioni sono scettiche sul fatto che si riesca a siglare entro il 31 luglio 2008 il nuovo Patto sulla salute, visti i tagli già definiti nella manovra.
Riguardo all'utilizzo dei fondi Fas le Regioni giudicano "inaccettabile" sia la centralizzazione sia la riduzione dei fondi perché ciò pregiudicherebbe intervenuti per lo sviluppo. Sul Piano Casa le Regioni obiettano poi l'accentramento delle risorse, già oggetto di programmazione regionale. Tra le misure invise anche quella sulle royalties petrolifere ("che vanno a favore esclusivo dello Stato" senza benefici riconosciuti al territorio) e quelle sul taglio dei cosiddetti enti inutili, con meno di 50 dipendenti. Su quest'ultimo punto le Regioni chiedono infatti un "pieno coinvolgimento".
E’ indispensabile una collaborazione col Governo attraverso il metodo dei 'patti'. Serve un 'patto di legislatura' per costruire nei prossimi 5 anni "soluzioni condivise ed omogenee".

Errani: dichiarazioni Conferenze Regioni e Unificata 030708:http://www.regioni.it/mhonarc/details_news.aspx?id=144044 cfr: allegato
(red/03.07.08)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top