Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1196 - mercoledì 30 luglio 2008

Sommario
- Federalismo fiscale: proposta delle Regioni
- 31 luglio: confronto Regioni-Berlusconi
- Federalismo fiscale: contributo importante e unitario da Regioni
- Trasporto pubblico locale: in autunno tavolo Governo-Regioni-Enti locali
- Sanità: agenda Governo su Lea e liste d'attesa
- Iorio: positiva "bozza" Calderoli

+T -T
Federalismo fiscale: contributo importante e unitario da Regioni

(regioni.it) “Abbiamo definitivamente deliberato il nostro testo di delega sul federalismo fiscale". Ad affermarlo il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani, al termine della riunione del 30 lugliori, svoltasi oggi in seduta straordinaria proprio in vista dell'incontro che si svolge nella stessa giornata , alle 18, con il ministro per la semplificazione Roberto Calderoli.
"E' estremamente positivo -ha proseguito Errani- Tutte le Regioni sono arrivate a un punto di incontro: il documento e' stato approvato all'unanimita' e lo consegneremo formalmente a Calderoli". La 'bozza Calderoli' ha "una traccia profondissima della nostra proposta -ha sottolineato Errani- occorre lavorare a una sintesi positiva che coinvolga anche gli enti locali".
"Abbiamo un testo, approvato un anno fa, che non e' stato toccato di una virgola. In verita', la 'bozza Calderoli' ha tenuto conto in piu' punti di questo nostro testo e cio' e' un buon inizio". E' quanto ha affermato il presidente della  Regione Calabria Agazio Loiero  a margine della conferenza delle  Regioni."Il fatto positivo -ha detto Loiero- e' che la 'bozza Calderoli'tiene conto piu' del nostro testo che del 'modello Lombardia'. Ci  accingiamo ad iniziare un discorso". "Speriamo che, questa volta,  sulla scorta di un lavoro che facciamo da anni si tengano in conto le  nostre esigenze", ha detto il Presidente della Calabria ricordando che per arrivare  al testo che le regioni condivisero un anno fa "gia' sono state fatte  delle rinunce". Loiero ha sottolineato che i governatori vanno uniti  al confronto sul federalismo fiscale: "Ci sono stati dei piccoli  rilievi -ha precisato- ma vogliamo andare uniti all'incontro".
Per il Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo quella della Conferenza delle Regioni è stata una  una discussione  "delicata ed importante", che ha toccato anche un problema "di carattere giuridico-istituzionale che riguarda la preservazione della  specialita': Brunetta parla con eccessiva leggerezza dell'abolizione  delle specialita'. Lombardo che oggi 30 luglio  ha partecipato, per la prima volta dalla  sua elezione, alla Conferenza delle Regioni ha pii sottolineato che: "C'e' poi un tema di carattere finanziario -ha aggiunto  Lombardo- perche' il federalismo fiscale non puo' non essere un  federalismo solidale". "Non vedo perche' non possano essere toccate  anche le accise sul petrolio" ha sottolineato Lombardo ricordando che  una buona parte "viene raffinato in Sicilia".  Una questione che invece Lombardo porrà domani, in occasione dell’incontro con Berlusconi (vedi notizia precedente) e' la contraddizione tra la volonta' di attuare il federalismo fiscale e "la centralità nell'utilizzo dei fondi per le aree sottoutilizzate (fas). Tra  l'altro, sentiamo anche parlare di una cabina di regia per i fondi  strutturali". Sul tema della specialità da registrare anche la posizione della Valle d’Aosta. Il confronto tra lo Stato e le Regioni autonome ''deve partire da una seria analisi delle competenze degli Statuti speciali che sono costituzionalmente garantiti'', ha affermato il presidente della Regione autonoma Valle d'Aosta, Augusto Rollandin,  con riferimento all’incontro con Berlusconi ha aggiunto: ''sara' questa l'occasione per capire qual e' il reale atteggiamento del Governo nei confronti delle Regioni a Statuto speciale. E soprattutto vi sarà l'opportunità per valutare se le esternazioni fatte dal Ministro Brunetta, nei confronti delle autonomie speciali, e non solo a riguardo della manovra Finanziaria, hanno un reale significato oppure sono state dichiarazioni estemporanee''.  Dalla Lombardia apprezzamenti per il lavoro fatto:"Abbiamo compiuto un percorso  articolato e da un documento di principi siamo arrivati, oggi, a un  articolato. Abbiamo concluso un lavoro di 7 anni con un testo  approvato all'unanimità da tutte le regioni". Cosi' l'assessore al  Bilancio della Regione Lombardia e coordinatore della commissione  affari finanziari della Conferenza delle Regioni Romano  Colozzi ha commentato il testo sul federalismo fiscale al quale oggi  le Regioni hanno dato l'ok e che presenteranno stasera al ministro perla Semplificazione Roberto Calderoli. Una proposta, quella delle regioni, che Colozzi ha definito "un grande contributo che mettiamo sul tavolo del ministro".Colozzi ha poi sottolineato il fatto che tutte le regioni hanno approvato l'articolato e che la 'bozza Calderoli' ha "dal punto di  vista dei contenuti una buona corrispondenza di principi" con la  proposta della Conferenza delle Regioni. Su alcuni punti, ha pero', affermato Colozzi occorre ancora lavorare per trovare una sintesi. Tra questi, ha spiegato l'assessore, il fatto "nella proposta delle Regioni sono  esplicitate in modo chiaro le garanzie che lo Stato deve dare sulla  congruita' delle risorse rispetto alle funzioni e la verifica, nel  tempo, che la fiscalizzazione di queste risorse abbia una tenuta. Un  punto che nel testo di Calderoli e' troppo 'sfumato'".
"L'impianto teorico" della 'bozza Calderoli' sul federalismo fiscale "e' molto simile alla proposta delle Regioni. Pensiamo che un accordo puo' essere raggiunto". Ad affermarlo la Presidente del Piemonte Mercedes Bresso. Nonostante i testi siano simili, ha spiegato la Bresso, "ci sono alcune differenze". Tra queste, ha detto, "la modalita' con cui si calcola l'aliquota o le aliquote di  riferimento per finanziare integralmente le funzioni essenziali". Un altro nodo da sciogliere, ha puntualizzato la Bresso, la  previsione di un "superamento dell'Irap". "L'Irap vale 40 mld di euro  - ha sottolineato il governatore - se si decide di superarla vogliamo  sapere come si puo' sostituire". "Riteniamo corretta - ha proseguito Bresso riferendosi alla 'bozza Calderoli' - un'impostazione che  incentra il federalismo sulle Regioni. Con l'articolato approvato oggi le Regioni hanno concluso un  lavoro proseguito negli ultimi anni, che aveva portato gia' nel  febbraio 2007 alla definizione di principi generali e nei mesi  successivi a una proposta costruita sulla base di emendamenti al testo elaborato, in materia, dal precedente governo.
 
(red/30.07.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top