Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1318 - lunedì 2 marzo 2009

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 5 marzo
- Piano casa: serve intesa "preliminare"
- Sanità: ipotesi commissariamento Calabria
- Sicurezza sul lavoro: osservazioni delle Regioni su "morti bianche"
- Dati Istat su Pil 2008
- Conferenza Regioni 26 febbraio: i patrocini

+T -T
Sanità: ipotesi commissariamento Calabria

(regioni.it) Sembra proprio che il governo stia valutando l'ipotesi di commissariare la sanità calabrese. A preannunciarlo è stato lo stesso ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, sottolineando che un confronto ai fini del commissariamento è stato già avviato con il presidente della stessa Regione.  “La Calabria - ha detto Sacconi a margine di un convegno sulle malattie rare promosso dalla fondazione Duca Barbareschi - è già commissariata ai sensi addirittura della Protezione civile e credo che si debba passare ad un commissariamento nella logica dei piani di rientro per la sanità”. In questa Regione, ha rilevato Sacconi, ''c'e' una situazione disastrosa con due miliardi di debito registrato. Bisogna - ha avvertito - cominciare davvero un percorso di profondo risanamento per quanto riguarda il servizio socio-sanitario, nel quale sembrano  essersi concentrate in forma probabilmente unica in Italia tante anomalie da rimuovere''. Attraverso un ''confronto con lo stesso presidente della Regione si sta dunque valutando il commissariamento. Finalmente - ha concluso il ministro - cominciamo ad avere i conti per difetto, e sono spaventevoli''.
Per il Presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero sarebbe “bene, pero', ricordare la situazione storica della sanita' calabrese. La Regione Calabria si trova di fronte ad un deficit strutturale della sanità, che si e' accumulato negli anni passati, per una gestione ''allegra'' e per la mancanza di adeguati controlli contabili. L'inattendibilita' dei bilanci - sostiene Loiero - che venivano approvati, ha fatto si' che, anche i provvedimenti di ripiano, posti in essere nel passato a livello nazionale, in particolare per il periodo antecedente al 2005, si sono rivelati insufficienti allo scopo ed hanno mantenuto in piedi una enorme massa debitoria sommersa''.
La Giunta Loiero, che si e' insediata a meta' del 2005, “ha cercato di effettuare una operazione verita' sui propri conti. Anzitutto, ha negato l'approvazione dei bilanci a tutte quelle Aziende, dove era palese la presenza di importanti situazioni debitorie occultate, imponendone la riformulazione, con l'inserimento delle sopravvenienze passive”.
“L'azione di regolarizzazione dei bilanci e l'abbandono di tutti quegli accorgimenti ed artifici contabili, che avevano mantenuto in falso equilibrio il sistema ha determinato un'esplosione della spesa, tant'e' che, verso la fine dell'anno, quando sempre piu' forte e' stata avvertita la gravita' della situazione, la Regione ha dato l'intesa al Governo per la dichiarazione dell'emergenza economica in sanita' e, su iniziativa congiunta con il Ministro Livia Turco, ha costituito una commissione d'indagine congiunta, presieduta dai Prefetti Serra (prima) e Riccio (dopo), commissione che ha stimato approssimativamente il debito in circa 900 MLN di euro. Anche a seguito dell'attrazione alla competenza del Commissario delegato dallo Stato delle iniziative e delle misure in materia di emergenza economica in sanita', la Regione ha continuato a collaborare - dice Loiero - per procedere ad una piu' esatta ricognizione del deficit”.
“Nell'ottobre 2008, per la verifica dei conti si e' aggiunto anche l'advisor - ricorda Loiero - indicato dal nuovo Governo (KPMG), che sta procedendo, con l'ausilio di tutte le strutture regionali ed aziendali, ad accertare l'entita' del deficit che, dalle prime stime, si attesterebbe intorno ad 1,7 MLD di euro. La stima del debito e' presupposto essenziale affinche' si proceda alla sottoscrizione del piano di rientro, che la Regione Calabria ha estremo interesse ad accelerare, perché alla sua definizione, il Ministero dell'Economia ed il Ministero della Salute hanno rinviato l'erogazione di finanziamenti aggiuntivi, ad oggi non corrisposti ed accantonati, per circa635,5 MLN di euro. L'impossibilita' di utilizzare queste somme ha determinato una forte crisi di liquidità del sistema, generando interessi passivi per un livello non piu' sopportabile (76,826 MLN negli ultimi cinque anni; 25 MLN solo nel 2007 e 17 MLN nel 2008)”. “Pur non potendo procedere alla formulazione del piano di rientro - dice Loiero - la Giunta regionale ha in corso un importante riflessione sulle forme necessarie per porre in equilibrio il sistema, che passano attraverso l'immissione di nuova liquidita' e la razionalizzazione della rete ospedaliera. In ogni caso, incontrero' nei prossimi giorni il ministro Sacconi insieme al Presidente della conferenza delle Regioni, Vasco Errani, e allo stesso advisor, per fare il punto definitivo sulla situazione contabile della Sanita' in Calabria e assumere insieme al Governo i conseguenti provvedimenti''.
(red/02.03.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top