Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1320 - mercoledì 4 marzo 2009

Sommario
- Nuovo Patto Salute 2010-2012: presto una proposta dal Governo
- Crisi:Errani, subito risorse per lavoratori parasubordinati
- Biblioteca: Rapporto '08 sui sistemi produttivi delle regioni meridionali
- Emilia-Romagna e Marche: accordo per risparmi telematici
- Vendola: impegno in Regione e' un lavoro cui tengo moltissimo
- Conferenza delle Regioni il 5 marzo,

+T -T
Crisi:Errani, subito risorse per lavoratori parasubordinati

Regioni entrano nel "tavolo sul credito"

(regioni.it) "Bisogna trovare immediatamente risposte per i lavoratori parasubordinati". E’ questa la richiesta che in termini netti è stata posta dal presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani,nel corso  della riunione Governo-Regioni-parti sociali per trovare risposte alla crisi economica.
Secondo Errani "serve velocizzare sulle infrastrutture e sugli investimenti e - aggiunge- se si fara' questo, come e' auspicabile, occorrerà intervenire sul patto di stabilità interno". Errani, nel confermare l'interesse delle regioni a far parte del tavolo del credito, perche' molte di loro sono gia' protagoniste di accordi con i sistemi bancari locali al fine di erogare risorse alle imprese sottolinea come "si debba lavorare per avere una politica che affronti l'emergenza". Già nei giorni scorsi il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani aveva rimarcato la necessità che il Governo faccia di più “per i parasubordinati mettendo nuove risorse per gli ammortizzatori", e nel lanciare l'allarme all'esecutivo Errani ha ricordato come: "lo scorso 12 febbraio regioni e governo siglarono un importante accordo che ha consentito di stanziare 8 miliardi di euro per gli ammortizzatori sociali. Dev'essere però chiaro un punto, che gia' allora – dice Errani - sottolineai con forza che si trattava di un primo importante passo non esaustivo. Non possono accedere a tali risorse i lavoratori parasubordinati (cococo, cocopro etc.) e neanche i giovani lavoratori che non abbiano versato almeno 52 settimane di contributi. Per questi lavoratori - prosegue Errani – il governo si deve impegnare a investire nuove risorse mentre la crisi, a dispetto delle ricorrenti valutazioni, continua in queste settimane a mordere l'economia italiana". Per il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, gli occhi sono puntati sulla riunione del Cipe prevista per venerdi'. "Si annuncia 'un grande' Cipe - dice De Filippo – e cosi' avremo la tabella precisa con le cifre e le opere che saranno a valere sui fondi per le aree sottoutilizzate (FAS). Per il Vicepresidente della Conferenza delle regioni e Presidente della Regione Molise, Michele Iorio, "quello di oggi e' stato un incontro positivo. Attendiamo il Cipe di venerdi' prossimo".
Per la Cgil è ancora ampia la distanza che c’è - nell’azione di governo - fra concretezza e propaganda e quella odierna è stata  una “riunione strana", cosi' il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni ha definito l'incontro tra governo, regioni e parti sociali a Palazzo Chigi. "La riunione - ha spiegato Fammoni - è iniziata con il governo che ci ha detto di averci convocato per chiedere quali fossero le nostre priorità” in vista della riunione del Cipe di venerdì. “Non è stato dato però nessun piano sulle infrastrutture – ha continuato Fammoni - non si e' parlato di risorse e non sono state dettagliate le opere cantierabili". Se potesse definirla con una battuta il dirigente sindacale direbbe che in questa riunione "tra le cose concrete e la propaganda il governo mette molta distanza. E noi invece abbiamo bisogno di concretezza”.
Per la Cisl il sostegno al reddito "e' un  obiettivo che abbiamo perseguito per diversi mesi'' e con gli accordi  raggiunti tra governo e regioni sugli ammortizzatori sociali e' stato  dimostrato "senso di responsabilita' verso i cittadini-lavoratori''. Lo ha affermato il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, al termine  dell'incontro nel corso del quale e' stata annunciata una nuova tabella, che sara' presentata al Cipe, su  occupazione e imprese. Secondo il segretario, da qui bisogna partire  "per rendere piu' efficace possibile questo accordo''. Gli interventi, sottolinea Bonanni, dovranno "migliorare soprattutto in confronti dei  precari, di coloro che sono piu' deboli". Gli otto miliardi che saranno destinati per gli ammortizzatori  sociali "e' una cifra rilevante", ribadisce Bonanni. Secondo cui pero' "non basta investire, certo e' importante, ma occorre rendere anche  efficace e veloce l'investimento". Occorre quindi una "cabina di regia che politicamente viene concepita e gestita".
L’Ugl chiede di accelerare i tempi per l'erogazione delle risorse sugli ammortizzatori sociali. A chiederlo è il segretario generale dell'Ugl, Renata Polverini, per evitare che succeda quanto sta avvenendo nella vicenda Alitalia. "Bisogna velocizzare i tempi - ha detto Polverini - per scendere all'applicazione dell'accordo tra governo e regioni su gli ammortizzatori sociali. Questo per evitare che succeda quanto sta accadendo anche per la vicenda Alitalia, dove pur avendo diritto agli ammortizzatori e Cig poi i lavoratori vedranno passare troppi mesi prima dell'erogazione effettiva".
Per la Confindustria occorre concentrare gli interventi su alcuni elementi che "permettano la sopravvivenza di imprese e lavoratori per uscire dalla crisi con un sistema imprenditorialepiù forte". A sostenerlo è il Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, nel corso della riunione governo-parti sociali.  Per Confindustria, l'accordo sugli ammortizzatori "e' positivo ma ora bisogna definire tempi e modi per renderlo operativo".
Secono la Uil va reso “strutturale un  altro modello di salvaguardia dei lavoratori: bisogna finanziare  il mantenimento dei posti di lavoro. Se c'e' meno lavoro si puo'  ridurre l'orario e la conseguente perdita di salario dovrebbe  essere compensata con l'intervento paritetico di aziende, Stato  e lavoratori. Anche i contratti a termine devono essere  rinnovati. Queste sono le priorità” indicate dal segretario  generale della Uil, Luigi Angeletti, parlando al tavolo con il  governo a Palazzo Chigi.”Per quel che riguarda gli investimenti - ha aggiunto - sono  interessato a conoscere quali sono gli strumenti di cui il  governo si vuole dotare per fare tutti quelli possibili''.  Secondo Angeletti, ''su questo punto il governo deve  calendarizzare incontri di verifica, per dirci cosa si e' fatto  e cosa no”.
 
(sm/04.03.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top