Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1330 - mercoledì 18 marzo 2009

Sommario
- Casa: slitta confronto Governo-Regioni
- Conferenza delle Regioni il 19 marzo
- Inps: dati disoccupazione 2008
- Crisi: Bonanni rilancia patto regioni, parti sociali e governo
- Produzione industriale: diminuzione tendenziale del 16,7 %
- Durnwalder incontra Cancelliere austriaco

+T -T
Casa: slitta confronto Governo-Regioni

Probabile un incontro la prossima settimana

(regioni.it) Le agenzie di stampa hanno annunciato il 17 marzo l’arrivo un maxi-piano per la vendita delle case popolari, che potranno essere acquistate dagli attuali inquilini attraverso mutui agevolati. Il governo – secono l’Adn Kronos - avrebbe studiato una serie di incentivi, per l'avvio di un grande piano di dismissione del patrimonio Erp (edilizia residenziale pubblica), che in sostanza dovrebbero trasformare  l'attuale affitto in un mutuo. Saranno circa un milione di cittadini a poter diventare proprietari degli immobili in cui vivono. Il provvedimento, secondo le intenzioni dell'esecutivo, sarebbe un'altra misura per il sostegno alle famiglie piu' deboli, che potrebbero cosi' acquistare la casa.
Secondo il Ministro Renato Brunetta gli Enti locali bloccherebbero “il progetto per ragioni di puro potere''. In un'intervista a La Stampa, Brunetta parla del progetto di vendita delle case degli Istituti autonomi delle case popolari agli inquilini, con un mutuo a tasso agevolato. Il potere di cui parla Brunetta, riferendosi agli Enti locali ''nessuno escluso'' e' un potere ''di governare le persone, subordinandole al loro condizionamento politico'', aggiunge.  Il progetto, secondo il ministro avrebbe il vantaggio di far diventare proprietari di case circa un milione di inquilini e ''rafforzerebbe la tendenza delle famiglie a spendere e investire'', puntando sulle ristrutturazioni. Il prezzo delle abitazioni andrebbe stabilito ''sulla base del rendimento effettivo che oggi ha per gli istituti proprietari'' e gli introiti potrebbero essere usati per ridurre il debito pubblico o costruire nuovi alloggi ''per chi l'appartamento non se lo puo' davvero permettere''.  Dal canto suo, però, il sottosegretario alle Infrastrutture Mario Mantovani precisa che “non c'e' nessun piano del governo  di dismissione del patrimonio immobiliare. Ne' potrebbe esserci”. “C'e' l'art.13 della legge 133 del  2008 che da' indicazioni alle Regioni per un'alienazione con  criteri che tengano conto anche del reddito - ha detto Mantovani - ma  si tratta di moral suasion, non ha carattere di vincolo. Quasi  tutte le Regioni pero' hanno impugnato quella norma, altre ci  stanno ragionando. No, - conclude il sottosegretario - che io  sappia non c'e' nessun piano del governo di dismissione del  governo di alloggi popolari''. L'articolo della legge 133 cui fa riferimento il  sottosegretario si riferisce a misure per la valorizzazione del  patrimonio pubblico, con la finalita' di ''valorizzare gli  immobili residenziali costituenti il patrimonio degli Istituti  autonomi per le case popolari e di favorire il soddisfacimento  dei fabbisogni abitativi''. Nel provvedimento citato, si fa  riferimento alla conclusione di accordi, entro sei mesi  dall'approvazione ''con regioni ed enti locali aventi ad oggetto  la semplificazione delle procedure di alienazione degli immobili  di proprieta' dei predetti istituti''. Ma, come spiega  Mantovani, ''quasi tutte le Regioni hanno impugnato al Tar  quella norma”.
L’ipotesi ha comunque suscitato subito la reazione del Sunia- ''Dopo la bocciatura anche da parte delle Regioni amiche del precedente analogo piano di vendita di tutto il patrimonio pubblico, il Governo non puo' vantare neanche una casa da dare ai cittadini soggetti a sfratto che non possono accedere al mercato''. E' quanto afferma il segretario generale del Sunia, Luigi Pallotta giudicando ''impossibile da realizzare'' un eventuale piano di dismissioni da parte del governo, ipotesi comunque gia' smentita dallo stesso sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Mario Mantovani. Un progetto che sarebbe comunque ''completamente sbagliato - ribadisce Pallotta - perche' le competenze in materia sono delle Regioni e perche' non produrrebbe nessun effetto a sostegno dei ceti piu' deboli che, anzi, si vedrebbero gravati dal peso economico della manutenzione di un patrimonio fatiscente''. Per quanto riguarda i 5.000-6.000 alloggi che sarebbero realizzati a breve - prosegue Pallotta in una nota - giova ricordare ancora una volta che si parla di una parte di soldi stanziati dalla finanziaria per il 2008 e bloccati da oltre un anno dallo stesso Governo per dirottarli su questo fantomatico e sempre piu' confuso piano casa”. Per il Governatore della Banca d'Italia Mario Draghi Il Piano Casa che il governo si prepara a varare "potrebbe avere effetti di stimolo" per l'economia, ma ha avvertito che la complessità della materia, la presenza di competenze concorrenti fra Stato e regioni, la necessita' di congegnare l'intervento in modo da preservare ambiente naturale ed equilibrio urbanistico ne rendono pero' incerta la portata da un punto di vista congiunturale".
Nella giornata del 17 marzo incontro fra il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi “Con il Capo dello Stato ci siamo trovati assolutamente concordi. Facciamo un Dl o una aggregazione ad un decreto legge gia' in corso e poi una legge quadro sull'edilizia che affidiamo ad un Disegno di legge delega". Cosi' Silvio Berlusconi traccia il percorso del "Piano casa" e parla dell'incontro tenutosi al Quirinale
Il governo resta quindi intenzionato a proporre per decreto legge alcune norme del piano casa anticrisi  in fase di elaborazione. Il premier Silvio Berlusconi ha ascoltato le osservazioni del presidente della Repubblica, ha fornito chiarimenti e si e'  riservato di approfondire le questioni piu' delicate. Una  riflessione che comunque porta il governo a rinviare di qualche giorno il varo del piano che era stato annunciato per venerdi':
Il confronto al Quirinale, definito da fonti del Colle ''sereno e approfondito'', si e' svolto a margine del pranzo di  lavoro al quale, oltre al premier, hanno partecipato numerosi  ministri, per discutere com'e' consuetudine alla vigilia dei  vertici europei, delle questioni sul tappeto. L'incontro è stato dedicato ai temi in agenda al prossimo Consiglio  Europeo di Bruxelles e al G20 in programma a Londra il prossimo  2 aprile, ma subito dopo il pranzo, Berlusconi ha colto l'occasione per  parlare del piano casa su cui c'è già stato un primo giro di tavolo, venerdi' scorso, in Consiglio dei ministri. L'ipotesi su cui si ragiona prevede la possibilità di sdoppiare  il provvedimento in un decreto legge, con le misure urgenti per rilanciare il settore dell'edilizia, e un disegno di legge contenente le parti più controverse da discutere in Parlamento. Il problema piu' delicato emerso nel dibattito politico  riguarda proprio il raccordo fra queste due parti, le misure  straordinarie per aprire in tempi brevi nuovi cantieri, da  rendere subito effettive in forza del decreto legge, e le  ricadute di queste misure sulla normativa vigente in materia di  autorizzazione dei lavori edilizi.  Ogni volta che si interviene su una materia con un decreto legge, fra gli altri problemi, nasce quello degli effetti che  esso produce nel breve termine e che devono essere sanabili nel  caso che il provvedimento non dovesse essere convertito in legge entro sessanta giorni e dovesse percio' decadere. Il modo più sicuro di superare questo problema e' quello di cambiare la  legge esistente con un'altra legge. Un altro aspetto riguarda la sussistenza dei criteri di necessità e urgenza previsti dalla Costituzione e il rispetto  di altri profili costituzionali, dei quali si fa garante il capo  dello Stato firmando il provvedimento del governo.  In questo caso, uno dei punti piu' delicati emersi dal dibattito politico riguarda la salvaguardia delle competenze delle Regioni: una questione e' ben presente al  governo. La scorsa settimana Berlusconi ha infatti assicurato  una consultazione preventiva delle Regioni prima di varare il  piano.
Il Presidente della regione Lazio, Piero Marrazzo, avverte “il piano casa il governo non lo  faccia con un decreto legge perche' questo aprirebbe una  frizione tra lo Stato e le Regioni''. “La semplificazione– ha spiegato Marrazzo - è un tema sul quale siamo d'accordo con il  governo, le regioni sono pero' convinte che questa materia sia  di loro specifica competenza, il governo deve limitarsi a dare delle indicazioni di criteri generali e lo deve fare con gli  strumenti adeguati, non lo faccia con un decreto legge''.
Ancora più duro il commento del Presidente della Toscana: “se il decreto sarà scritto sulla base delle anticipazioni che abbiamo letto, non adotteremo questo piano casa, visto anche che sara' lasciata liberta' alle regioni di adottarlo'', ha detto il presidente della Regione, Claudio Martini. “mi sembra un provvedimento di deregulation e di decadimento di tutte le regole e dai benefici ben scarsi anche per il settore dell'edilizia''. “Nelle leggi regionali - prosegue Martini - ci sono gia' gli strumenti per i cittadini che vogliono adeguare le loro abitazioni, ma per fare questo non c'e' bisogno di smontare i piani urbanistici ed edilizi. Stiamo parlando di un provvedimento, quello del governo, di cui abbiamo letto solo le anticipazioni sui giornali. Non c'e' stato ancora nessun incontro tra governo e regioni, ed e' bizzarro, considerato che poi si chiede alle regioni di essere gli enti che attuano le direttive. Mi sembra che in tempi di discussione sul federalismo, e' un non senso che le regioni vengano trattate così. Se si vuol dare una mano all'edilizia - conclude il presidente della Regione Toscana - potremmo invece incentivare e sostenere costruzioni e ristrutturazioni di edifici con i criteri della bioedilizia e dell'efficienza energetica''.
E dal Governo, dopo il clamore dei giorni scorsi, arrivano precisazioni sui tempi: “non c'e' uno slittamento ma  venerdi' il presidente del Consiglio sarà impegnato nel vertice  europeo di Bruxelles, quindi è legittimo pensare che si andrà alla  prossima settimana”,spiega il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti. Il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola, ha confermato poi che “il presidente del Consiglio ha detto che una parte'' del piano casa ''verra' attuata con decreto legge e  una parte con un disegno di legge. Sempre pero' - ha concluso  Scajola - con un confronto con le Regioni''.
Appare dunque probabile che  il piano casa all'esame del Governo sarà al centro di un confronto tra l'esecutivo e le Regioni la prossima settimana, in una Conferenza Stato-Regioni che si dovrebbe svolgere a palazzo Chigi, prima di approdare al Consiglio dei ministri. Secondo le agenzie di stampa la riunione potrebbe essere convocata nelle prossime ore. E "un incontro urgente, prima dell'approvazione in Consiglio dei Ministri, del 'Piano Casa', è stato chiesto anche dal Presidente dell'Anci, Leonardo Domenici.
 
(red/18.03.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top