Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1333 - lunedì 23 marzo 2009

Sommario
- Piano casa: 25 marzo vertice delle Regioni
- Piano casa: i contenuti secondo i mass media
- Permessi di soggiorno: più di 2 milioni a gennaio
- Marcegaglia: Confindustria; incontro nostro con presidenti di Regione
- Sardegna: Giunta e programma
- Agenas: Moirano nuovo Direttore

+T -T
Piano casa: 25 marzo vertice delle Regioni

Alle 12.30 Conferenza Unificata a Palazzo Chigi

(regioni.it) il 25 marzo sarà una data cruciale per il destino del “piano casa” preannunciato dal Governo. In agenda c’è infatti (cfr. “regioni.it” n. 1332) l’incontro, in mattinata (ore 9.30), fra i Presidenti delle Regioni e alle 12,30 la Conferenza Unificata (Stato-Regioni ed enti locali) convocata dal ministro Raffaele Fitto a Palazzo Chigi con l’obiettivo di “avviare un confronto con le autonomie". 
Alla Conferenza Unificata - secondo quanto preannunciato dal presidente della Regione Lombardia - è  prevista "una riunione con il presidente del Consiglio"."Il piano casa e' utile dal punto di vista economico - ha spiegato Formigoni - io lo guardo con un occhio positivo: si tratta di trovare le corresponsabilita' tra le Regioni e lo Stato.
Nel frattempo il dibattito politico in corso sulle nuove normative che interesseranno il settore edilizio mostra da un lato qualche segnale di apertura, dall’altro anche alcune riserve di fondo.
Sul fronte regionale, spiega Vasco Errani (in un’intervista rilascia a “La Stampa”), il Decreto mostra “chiari profili di incostituzionalità” e avverte  “o il governo mette da parte la bozza e apre un confronto oppure si rischia di aprire un conflitto istituzionale”.“Mi rivolgo direttamente a Berlusconi: se mette da parte quel testo, prosegue il presidente della Conferenza delle regioni -  si può discutere di tutto”. “L'appartenenza non c'entra nulla” e “lo abbiamo dimostrato con l'accordo sui fondi regionali per gli ammortizzatori sociali. Qui si parla di rispetto delle competenze e della Costituzione, che è un dovere per tutti, compreso il governo e il premier". Il conflitto di competenze comporterebbe da parte di molte regioni "il ricorso alla Corte Costituzionale dato che in materia edilizia al governo spetta solo la legislazione di principio". O il testo cambierà o anche l'Emilia Romagna "farà ricorso", ha fatto presente Errani che ha poi aggiunto di essere "personalmente contrario all'aumento generalizzato delle volumetrie, senza regola e controllo. Mi preoccupa molto il silenzio assenso delle sovrintendenze che potrebbe produrre problemi gravissimi per il patrimonio artistico dei centri storici”. Infine, per quanto riguarda il piano di vendita degli alloggi popolari pubblici, al quale le Regioni, secondo il Ministro Brunetta sarebbero contrarie solo per ragioni di potere, Errani afferma che “sono parole che si commentano da sole”, che non “è vero che le gestioni siano tutte in rosso” e che “il problema più serio per le famiglie povere oggi è quello degli affitti a prezzo sociale, Ci vuole un piano nazionale di edilizia residenziale pubblica". "Il problema e' avere più appartamenti, non venderli" e fare valere “la legge che prevede parametri di reddito precisi per evitare che persone benestanti vivano in alloggi pubblici di grande pregio a prezzi stracciati”. Il decreto del governo è in odore di incostituzionalità fin da adesso” dice il presidente del Piemonte, Mercedes Bresso aggiungendo che ''e' giusto far ripartire la piccola edilizia ma con metodi meno devastanti''. Anche la Toscana e' pronta a ricorrere alla Consulta ''se il governo vorrà andare avanti con un decreto così invasivo”, promette il Presidente Claudio Martini che è tra quelli che già lavora su una ''controproposta per fluidificare ulteriormente le procedure”.  “Faccio un appello – aggiunge Martini in un’intervista a l’Unità - ai colleghi della Lega e a tutti i sindaci del Carroccio. Si è tanto parlato di federalismo, e poi su una materia concorrente come questa ci si chiede di accettare un atto d'imperio come questo? Quel testo è inaccettabile. Sostanzialmente abolisce tutti i vincoli su tutto il territorio nazionale, istituendo una nuova norma generale a cui in un secondo momento le Regioni dovrebbero adeguarsi con norme regionali. Ebbene, al premier dico: io la legge regionale ce l'ho già. Ma se lui procede per decreto, vuol dire che quando ha annunciato che le Regioni in disaccordo erano libere di non adottare il provvedimento ha mentito” Al piano casa del governo così com'è, per quel che se ne sa, diremo di no. Siamo preoccupati perché per la Calabria sarebbe insostenibile qualsiasi nuova violenza al territorio''. E' questa la posizione, al di là delle competenze che sono delle Regioni, che Agazio Loiero, presidente della Regione Calabria, sosterrà con il governo. Secondo Loiero ''c'e' bisogno di ben altro che di interventi che possono risultare devastanti. C'e' bisogno di politiche di sostegno per chi non riesce a pagare l'affitto a fine mese, per ì chi deve farsi una famiglia, per coloro che la casa l'hanno persa. Su queste cose la giunta regionale della Calabria mesi fa ha varato un suo piano gia' approvato dal Consiglio regionale''. ''Ribadisco - conclude Loiero - che solo con interventi di sostegno, la costruzione di nuovi alloggi popolari e una politica di incentivi reali si puo' veramente dare soddisfazione ai bisogni. A tutto il resto diremo di no. In Calabria ci sono stati tanti abusi e abbiamo un patrimonio naturale, urbanistico e paesaggistico da difendere e ogni allentamento dei vincoli e' una minaccia". Il Lazio dovrà dire di no al Piano casa del Governo che presenta anche dei dubbi di  costituzionalità”. E' questa la scelta che il Presidente della  Regione Lazio Piero Marrazzo comunichera' al premier Silvio  Berlusconi nel corso dell'incontro di mercoledì. Marrazzo spiega che ''Non si tratta di avere dei pregiudizi  ma di guardare in faccia alla realtà. L'economia si rilancia  anche con una strategia che aiuti le famiglie a pagare i mutui e  gli affitti senza far pagare il prezzo della crisi economica al territorio, che ha già dato anche troppo in passato. Nel Lazio - ricorda - abbiamo previsto 550 mln di euro per le politiche  della casa e abbiamo sbloccato fondi per oltre 300 mln con l'  obiettivo di costruire migliaia di nuovi alloggi per giovani  coppie, per anziani e per le forze dell'ordine. Questa - spiega  Marrazzo - e' la nostra risposta: una risposta razionale che  guarda al futuro senza scommettere su interventi invasivi che  finirebbero per pesare ancora una volta sulle prossime  generazioni'. Secondo il Presidente della Lombardia, Roberto Formigoni – scrive il Sole 24 ore (del 21 marzo), ”non è possibile un decreto che contenga norme di dettaglio in questa materia”. Dal Pirellone, comunque favorevole al merito del provvedimento, viene pronunciata una critica di metodo: “Ci sono – dice Formigoni - dei limiti costituzionali non valicabili dal governo”. “Ad esempio, l'esecutivo potrebbe fissare semplicemente dei limiti, all'interno dei quali starebbe poi alle Regioni muoversi, anziché andare così nel dettaglio degli interventi. Un testo che non piaccia a livello locale,nota Formigoni, sarebbe controproducente per tutti: “Semplicemente, il decreto verrebbe impugnato quasi subito”.
La Sardegna, anch'essa in linea generale favorevole al piano casa, addirittura si chiama fuori dall'applicazione immediata del decreto. Ne parla il neo-Presidente, Ugo Cappellacci (Pdl). “In quanto Regione a statuto speciale abbiamo una competenza primaria in materia di urbanistica: prima dell'entrata in vigore del Piano casa servirà un nostro esplicito recepimento". Questo nonostante la norma all'articolo 1 parli di “applicazione su tutto il territorio nazionale”. Quindi la Sardegna, a decreto varato, dovrà ancora aspettare una legge? «Certo - risponde Cappellacci – ma la approveremo in tempi brevissimi”. Il Presidente delle Marche Gian Mario Spacca è favorevole a un intervento ''che rimetta al  centro dell'attenzione il lavoro e lo sviluppo. Ne sentiamo  tutti l'urgenza e il sostegno all'edilizia ha questa valenza''.  Ma sarebbe ''innaccettabile'' se sul Piano Casa il Governo  ricorresse ad un decreto legge, o si sostituisse alle Regioni con norme di dettaglio.
"Un piano casa per gli italiani può essere una risposta anticiclica importante, muovere alcuni punti di Pil in un momento in cui il paese rischia grosso". E’ quanto afferma Francesco Rutelli in un'intervista al Messaggero in cui apre alla proposta del governo di un 'piano casa' per rilanciare l'economia. Tuttavia, aggiunge Rutelli, "bisogna farlo bene, non provocando guasti ingovernabili". Le norme annunciate dall'esecutivo "vanno nella direzione giusta: c'e' un vasto parco edilizio da rinnovare, c'e' lavoro per la filiera edilizia, mentre si migliorano le città e si riduce la bolletta". Ma a proposito di regole, "governo e Parlamento dovrebbero definire una cornice e dare un tempo preciso alle regioni per legiferare e ai comuni per definire regolamenti attuativi". Ma se il decreto legge si sovrapponesse di fatto alle scelte delle Regioni, ci sarebbe il rischio di uno scontro e “Sarebbe la certezza del suo fallimento: le Regioni hanno la competenza in questo campo. E non possiamo avere un "federalismo pasticcione" e incostituzionale, con regioni che vanno ciascuna in una direzione diversa. La Corte – prosegue Rutelli – accoglierebbe i ricorsi. Risultato: la paralisi. Ecco perché governo e parlamento dovrebbero definire una cornice e dare un tempo preciso alle regioni per legiferare e ai Comuni per definire regolamenti attuativi. Senza rapidità, perderemmo un'occasione contro la crisi.
Tenta di rasserenare il clima il Ministro dei rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto (in un’intervista a il Mattino), secondo il quale Il 'Piano Casa' “non e' un testo chiuso. Ci aspettiamo dalle Regioni suggerimenti e siamo pronti ad accogliere le modifiche utili a migliorare il provvedimento. C'è la massima disponibilità al confronto". Lo ha detto a 'Il Mattino' il ministro per gli Affari Regionali, Raffaele Fitto, garantendo che "il  confronto di mercoledì sul piano casa non sarà solo una formalità”. Fitto ha detto che i Presidenti delle Regioni dovrebbero apprezzare il fatto che il governo "prima di portare il provvedimento in Consiglio dei Ministri ha convocato la Conferenza e ha inviato preventivamente il testo dando quindi loro la possibilità di entrare nel merito". Per quanto riguarda l'accusa di incostituzionalità del decreto legge il ministro ha fatto presente che un decreto "lo e' se al suo interno contiene norme che prevaricano le competenze e prerogative delle Regioni" e che "il Governo recepirà senza ombra di dubbio i suggerimenti".Comunque sia "tutti i sondaggi dicono che la stragrande maggioranza degli italiani e' favorevole", ha ricordato Fitto, e che con il Piano casa "il risparmio degli italiani, oggi fermo per le paure create dalla crisi economica può essere rimesso in circolo", rimettendo a sua volta in moto il settore edilizio.
 
(Stefano Mirabelli/23.03.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top