Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1362 - mercoledì 6 maggio 2009

Sommario
- Terremoto Abruzzo: Errani, occorre un nuovo patto sociale
- Welfare: presentato Libro Bianco
- Sanità: rapporto 2008 Tribunale dei diritti del malato
- Decreto Abruzzo: prossimamente 3 emendamenti
- Protezione civile: Ordinanza 3671 per terremoto Abruzzo
- Il mare più blu

+T -T
Sanità: rapporto 2008 Tribunale dei diritti del malato

(regioni.it) E’ stato presentato il rapporto del Tribunale per i diritti del malato realizzato su un campione di 25 mila segnalazioni in merito allo stato di salute della sanità italiana dal puntio di vista dei cittadini. Nel XII Rapporto PIT Salute di Cittadinanzattiva, "Cittadini al primo posto. Per una sanità più umana ed accessibile", emerge un quadro diluci ed ombre.
Malpractice, invalidità, liste di attesa ed intramoenia, assistenza territoriale, assistenza ospedaliera, farmaci, salute e lavoro, malattie rare, cure all'estero, sono alcuni dei principali temi affrontati. Si evidenzia una sanita' con una sempre minore attenzione al lato umano e un continuo aumento dei costi. Ai primi posti per carenze di attenzioni, i cittadini mettono i pediatri (31,87%), poi i medici di medicina generale (25,4%) e la riabilitazione ambulatoriale (21%). In aumento anche le segnalazioni di casi di errori medici o diagnostici.
Seguono la assistenza residenziale (20%), le strutture riabilitative (18%) e i ricoveri (10%). L'esigenza di maggior garbo ed interesse nei confronti dei pazienti e' sentita da 10 regioni sulle 19 che hanno partecipato alla stesura del Rapporto. La carenza di umanizzazione si colloca, in queste Regioni, tra il secondo e il quarto posto. Per Trentino, Emilia Romagna e Toscana rappresenta la seconda voce; la terza invece per Friuli Venezia Giulia, Puglia e Basilicata; al quarto posto in Lombardia, Veneto, Abruzzo e Marche.
Circa il 74% delle Regioni individuano, tra le principali criticita', la difficolta' di accesso alle prestazioni a causa delle lunghe liste d'attesa. In particolare, secondo il Rapporto di Tdm, questo problema e' percepito nelle regioni meridionali: Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata. Seguono le Marche, l'Umbria e l'Abruzzo per il Centro e, per il Nord, la Liguria, la Lombardia, il Piemonte, il Veneto ed il Friuli Venezia Giulia.
L'area maggiormente interessata dal fenomeno delle liste d'attesa e' la diagnostica con il 51% delle segnalazioni, seguita dalla specialistica con il 23% e dagli interventi chirurgici (20%). Crescono notevolmente rispetto al 2007 (+ 11%) le segnalazioni riguardanti le attese per interventi chirurgici.
I cittadini segnalano, oltre ai tempi incompatibili rispetto alle esigenze di cura, la difficolta' nel ricevere informazioni rispetto alla posizione che si occupa all'interno delle liste d'attesa (il che rileva, quindi, una scarsa trasparenza nella gestione delle pratiche); da sottolineare anche ritardi nell'erogazione e mancato inserimento in lista d'attesa.
Sul fronte della malpractice dal Rapporto del Tdm emerge che in quasi un caso su cinque le segnalazioni giunte riguardano presunti errori medici o diagnostici, confermandosi come il principale problema segnalato dai cittadini.
Tra le tipologie di sospetti errori figurano gli interventi (53%) e le diagnosi errate (26%). La gran parte si registra in strutture pubbliche (88%). Sette le aree specialistiche maggiormente interessate da presunti errori medici, nell'ordine: ortopedia (17,5%), oncologia (13,9%), ginecologia e ostetricia(7,7%), chirurgia generale ed oculistica (5,4%), odontoiatria (5,2%), emergenza e pronto soccorso (2,8%).
 
 (red/06.05.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top