Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1368 - giovedì 14 maggio 2009

Sommario
- Edilizia:Decreto semplificazione, Governo non risponde a proposte Regioni
- Firmato contratto comparto sanità
- Terremoto Abruzzo: azioni Regioni al 13.05.09
- Berlusconi su rilancio edilizia
- Lombardo: Fiat, preoccupazione per lavoratori Termini Imerese
- Senato: via libera al Ddl sviluppo

+T -T
Firmato contratto comparto sanità

Errani: risultato positivo. Colozzi: ora basta ritardi

(regioni.it) 72euro in più sullo stipendio di 600mila lavoratori della sanità. E' una delle novità previste dall'ipotesi di accordo per il rinnovo del  contratto nazionale di lavoro per il comparto della sanità pubblica, firmato questa notte dai rappresentanti dei tre sindacati confederali, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fp. In particolare l'accordo, che riguarda il 2008-2009 e coinvolge 600 mila lavoratori della sanità, prevede un aumento retributivo medio mensile di circa 72 euro pro-capite, cui si aggiungono 20 euro medi di risorse aggiuntive regionali per premiare la produttività. Questi ultimi sono ottenuti dalla  possibilità di un incremento ulteriore dello 0,8% per i fondi della contrattazione aziendale con risorse delle Regioni da destinare però rigidamente ai premi meritati, senza distribuzioni 'a pioggia' uguali per tutti. Gli aumenti sono quelli stabiliti per tutto il pubblico impiego, cioè il 3,2% rispetto al monte salari 2007 (circa 698 milioni) che però, visto il ritardo con cui si firma il contratto, potrà essere assegnato tutto allo stipendio tabellare e non ai vari trattamenti accessori. Lo 0,8% che le  Regioni aggiungeranno potrà essere stanziato solo da quelle senza debiti. Quindi ne sono fuori Lazio, Campania, Abruzzo, Molise e Sicilia, e presto anche la Calabria. Ma le novità del contratto non sono solo sul fronte retributivo. Nella parte normativa, circa la questione della mobilità interaziendale, e' stata decisa la possibilità di mobilità entro 25 km al massimo e senza diretta discrezionalità dell'azienda, ma secondo una programmazione concordata con le organizzazioni dei lavoratori. L'accordo vede anche una scelta sul tema del lavoro precario in rapporto all'esigenza di assicurare i livelli essenziali di assistenza, decidendo anno per anno anche le modalità per la loro eventuale stabilizzazione: dunque niente licenziamenti. Infine e' stata decisa l'intangibilità delle retribuzioni in caso di assenza ''per donazione di midollo osseo, assistenza all'handicap, prevenzione e screening oncologico e per le attività di volontariato'', e la possibilità di aumentare, in sede locale, il valore del buono pasto. Soddisfatti i sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, che dovranno sottoporre l'accordo a consultazione certificata fra i lavoratori.
“E' un risultato importante. Sono stati riconosciuti miglioramenti retributivi che permettono di recuperare potere d'acquisto dei salari e possibilita' per le Regioni di utilizzare proprie risorse per il miglioramento dei servizi'', il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, commenta così l'accordo. “Esprimo soddisfazione - ha aggiunto Errani - per la sottoscrizione del contratto nazionale dei lavoratori del comparto sanita'. Si tratta di un importante risultato: oltre a riconoscere agli operatori i miglioramenti retributivi che consentono di recuperare il potere d'acquisito dei salari,permette alle Regioni, nel rispetto dei patti per la salute siglati con il Governo, di utilizzare proprie risorse per incentivare i lavoratori impegnati in progetti e programmi di miglioramento dei servizi'', a seguito della sottoscrizione, da parte di ARAN e delle organizzazioni sindacali, del contratto collettivo nazionale di lavoro per gli operatori del comparto sanità, biennio economico 2008-2009, avvenuta la notte scorsa. “Il contratto - ha concluso il Presidente - ha inoltre potenziato il livello di coordinamento regionale in materia contrattuale. Cio' significa che, a livello regionale, potranno essere trattate le problematiche relative al lavoro precario in connessione con l'erogazione dei LEA, alle prestazioni aggiuntive del personale sanitario e alla mobilità degli operatori, per la quale, peraltro, lo stesso contratto nazionale ha previsto una maggiore flessibilità finalizzata alla migliore organizzazione e prestazione dei servizi''.
Il Presidente del Comitato di Settore delle Regioni per il comparto sanità, Romano Colozzi (assessore alle Finanze della Lombardia) in relazione all'accordo siglato per il personale del Comparto (circa 550 mila fra infermieri, tecnici, amministrativi ecc..) aveva auspicato che il percorso contrattuale si chiudesse entro il mese di maggio. “Esprimo quindi – ha detto Colozzi - la mia piena soddisfazione per l'intesa raggiunta fra Aran, Regioni e Organizzazioni Sindacali”.”Ho già convocato il Comitato di settore per mercoledì 20 maggio alle 17.30 per il via libera definitivo - aggiunge l'assessore Colozzi - e auspico che anche il Governo possa formulare i pareri di sua competenza in modo rapido per fare in modo che già dal mese di luglio i dipendenti possano trovarsi in busta paga gli aumenti previsti". “Sono sicuro - conclude Romano Colozzi - che, sulla base dell'impegno assunto dal Ministro Renato Brunetta per velocizzare le procedure della contrattazione pubblica, questo sia l'ultimo accordo la cui entrata in vigore avviene con un ritardo di 17 mesi e, di fatto, a sette mesi dalla sua scadenza”.
 
(red/14.05.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top