Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1375 - lunedì 25 maggio 2009

Sommario
- Lombardo annuncia una nuova Giunta
- Commercio: Regioni su aperture festive
- Turismo: giudizio negativo riguarda Ministero, non Brambilla
- Decreto Abruzzo e extrasconti farmaci
- Carburanti: documento su distribuzione
- Medicina penitenziaria: ripartizione Fondo sanitario 2008

+T -T
Decreto Abruzzo e extrasconti farmaci

Conferenza Regioni Doc 21.05.09

09/045/CU/C7
Articolo 13
(Spesa farmaceutica ed altre misure in materia di spesa sanitaria)
Osservazioni di carattere generale
L’articolo in oggetto dovrebbe rappresentare la trasformazione in legge dell’accordo fra Governo, Regioni, Farmindustria e la filiera distributiva, intermedia e finale del farmaco del 15 ottobre 2008. Detto accordo fu sottoscritto, dalle parti, per consentire, al Servizio sanitario Nazionale, il recupero del danno economico subito in conseguenza al fenomeno degli extrasconti praticati dall’industria alla distribuzione intermedia e finale. 
L’accordo di cui sopra prevedeva:
a)      per i farmaci unbranded l’aumento di otto punti percentuali della quota di spettanza alla distribuzione intermedia e finale;
b)      la conferma, sia per i farmaci sotto tutela brevettuale che per gli altri farmaci a brevetto scaduto dei margini di cui alla legge 662/96;
c)      riduzione del prezzo dei farmaci unbranded, inseriti nelle cosiddette liste di trasparenza, del sette per cento;
d)      una trattenuta alle farmacie del 1,4 % calcolata sul valore dei farmaci erogati dalle stesse in regime di SSN come recupero del danno subito nell’anno 2008;
Le discrepanze fra l’accordo e l’articolo 13 del D.L. 39/2009 possono essere così riepilogate:
1)      Economie
Tutti i risparmi derivanti dall’applicazione della manovra vengono sottratti al Servizio sanitario Nazionale.
2)      Riduzione del prezzo dei farmaci
La riduzione del prezzo dei farmaci, nell’accordo, era intesa come una manovra per accelerare il riallineamento dei prezzi verso valori più bassi, riallineamento ostacolato dalla pratica degli extrasconti. La riduzione del prezzo per un periodo limitato di tempo è in evidente contrasto con lo spirito dell’accordo. L’incremento della quota di variazione degli stessi prezzi trova giustificazione nel ritardo (oltre sei mesi) con cui detto decreto è stato adottato.
3)      Sanzioni previste per gli extra sconti
Il decreto, pur ribadendo l’obbligo del rispetto delle quote di spettanza sul prezzo di vendita al pubblico prevede sanzioni solo nel caso del mancato rispetto di dette quote nella cessione idi farmaci unbranded. Cio porta ad una distorsione del mercato.
4)      Trattenuta a carico della farmacie
L’accordo, stipulato ad ottobre 2008, prevedeva di porre a carico della farmacia una quota pari al 1,4 % per un periodo di dodici mesi per far recuperare al SSN il maggiore onere sostenuto nell’anno 2008. Dal momento che detta pratica si è protratta fino ad oggi è ragionevole, come fatto per il taglio dei prezzi, prevedere, come riportato nelle precedenti versioni del decreto protrarre nel tempo detto recupero.
5)      Quote di spettanza sul prezzo di vendita al pubblico
Mediamente la reale quota di spettanza per il grossista, fissata dall’articolo 1 comma 40 della legge 662/96 nel 6,65 del prezzo al pubblico del farmaco, a causa di extrasconti che il grossista pratica alla farmacia è valutabile nel 3% del prezzo al pubblico del medicinale.
Sulla base di quanto esposto si propongono i seguenti emendamenti :
I)                   Al primo periodo del comma 1 lettera a) eliminare le parole “ e fino al 31 dicembre 2009” ;
II)                 Al terzo periodo del comma 1 lettera a) sostituire le parole “ dodici mesi” con “ diciotto mesi”
III)             all’ultimo periodo del comma 1 lettera b sostituire le parole “ Per la fornitura dei medicinali equivalenti di cui all’articolo 7, comma 1, del decreto-legge 16 novembre 2001, n. 347 , convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2001, n.405, il mancato rispetto delle quote di spettanza previste dal primo periodo del presente comma ” con le seguenti “Il mancato rispetto delle quote di spettanza di cui al precedente capoverso e di quelle previste dall’articolo 1 comma 40 della legge 662/96” ;
IV)             sostituire la lettera c) di cui al comma 1 con : “ La quota di spettanza dei grossisti, sul prezzo di vendita al pubblico delle specialità medicinali di classe a) di cui all’articolo 8, comma 10 della legge 24 dicembre 1993, n. 537 , prevista dall’articolo 1 comma 40 della legge 662/96 in 6,65 percento è rideterminata nel 3 percento. Il SSN nel corrispondere alle farmacie di quanto dovuto trattiene una quota pari al 3,65 per cento sul prezzo di vendita al pubblico al netto dell’imposta sul valore aggiunto ”
V)                Al comma 2 sostituire le parole “le economie derivanti dall’attuazione del presente articolo” con “Per un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge le economie derivanti dall’attuazione del comma 1 lettera c)”
VI)              Al comma 3 sostituire le parole “ le complessive economie derivanti per l’anno 2009 dalle disposizioni di cui al comma 1” con “le economie derivanti dall’attuazione del presente articolo” con “Per un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge le economie derivanti dall’attuazione del comma 1 lettera c)”
Inserire un ultimo comma all’articolo:
Le Regioni a Statuto speciale e le Province autonome di Trento e di Bolzano concorrono alle finalità del presente decreto ai sensi dei rispettivi statuti speciali e delle relative norme di attuazione, sulla base di apposito accordo bilaterale con i competenti organi dello Stato, destinando le economie derivanti dall’applicazione del comma 1 conseguite nei rispettive territori”.
Roma, 21 maggio 2009
 
(red/25.05.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top