Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1377 - mercoledì 27 maggio 2009

Sommario
- Errani: rilancio edilizia; si può fare di più
- Cipe: Lombardo e Galan critici
- Cure palliative: Iorio, impegno cui devono corrispondere risorse
- Rinnovati Accordi per medici famiglia, pediatri e specialisti ambulatoriali
- Lombardia ricostruirà Casa dello Studente dell'Aquila
- Istat: retribuzioni e occupazione

+T -T
Errani: rilancio edilizia; si può fare di più

(regioni.it) E' stato pubblicato sul quotidianio "Italia Oggi" un intervento di Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni, in merito al provvedimento di semplificazione per il rilancio dell'edilizia:
"Ho letto con interesse [...] l’editoriale che Pierluigi Magnaschi ha dedicato al Piano per il rilancio dell’edilizia. Vorrei, in premessa, precisare che non c’è da parte delle Regioni alcuna voglia di “frenare” i provvedimenti legati ad un accordo che abbiamo contribuito a definire.Le proposte che abbiamo fatto al Governo per i successivi decreti di semplificazione sono state adottate dalla Conferenza delle Regioni in modo unitario e stiamo attendendo le necessarie risposte dall’esecutivo. Le Regioni, per prima la Toscana, stanno già lavorando per il varo delle leggi regionali che concretizzano l’accordo Stato-Regioni e che mi auguro contribuiscano alla tutela della qualità urbana, senza dannosi automatismi sul cambio di destinazione d’uso, tutelando centri storici, beni paesaggistici e sicurezza da un uso incontrollato dell’aumento delle cubature. E per quello che riguarda l’Emilia-Romagna la proposta è in fase avanzata e all’attenzione della competente Commissione consiliare.
Mi preme però puntualizzare meglio alcuni aspetti che hanno caratterizzato la dialettica Governo-Regioni e che meritano di essere approfonditi Dopo il terremoto a L’Aquila si è detto che era giunto il momento di voltare pagina rispetto alla speculazione edilizia e si è in più sedi insistito sul rispetto delle norme antisismiche. Tutti concordi. Poi, però, quelle esigenze andavano mitigandosi, confuse da una certa retorica e da annunci estemporanei.
Ci aspetta invece un lavoro non facile: dobbiamo ripensare le nostre città in termini di vivibilità, sicurezza e qualità urbana. L’obiettivo non è irraggiungibile: si può fare se siamo coerenti e facciamo scelte coraggiose e impegnative. Con questa consapevolezza le Regioni sono intervenute in positivo sul Piano Casa - cambiando nel profondo l’impostazione iniziale del provvedimento - concepito “in deroga” alla legislazione nazionale e regionale. E ora contribuiranno con le loro leggi a realizzarlo. Adesso stiamo lavorando per un testo condiviso di “provvedimenti per la semplificazione” legati a quel piano. 
Governo e Regioni sono oggi però di fronte ad un bivio. Da un lato una strada che modifica e migliora qualcosa ma lascia inalterato il quadro della “disattenzione edilizia” che caratterizza tante parti d’Italia. Dall’altro un percorso più ambizioso per promuovere la cultura della prevenzione antisismica, in un paese dal delicato equilibrio territoriale. Penso sia una occasione da cogliere. Prima di tutto dando vita ad un Piano pubblico per adeguare scuole, ospedali, edifici pubblici. Poi promuovendo sgravi fiscali (le Regioni hanno proposto il 55%) per tutti quei privati che intervengono sulla propria abitazione in chiave antisismica, magari partendo dalle zone ad alto rischio. Rispondendo così in parte anche alla crisi economica, favorendo l’occupazione e l’edilizia. Insomma, dobbiamo partire adesso per non fermarci più. Non possiamo attendere il prossimo dramma, ma dobbiamo promuovere oggi la prevenzione. Dalle Regioni viene dunque uno stimolo positivo: nessun blocco e nessun “no”."

(red/27.05.09)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top