Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1378 - giovedì 28 maggio 2009

Sommario
- Berlusconi: prossimo Cipe su riparto fondi aree sottoutilizzate
- Ostillio: Regioni non hanno mai chiesto ministero turismo
- Abruzzo: infrastrutture per oltre 3 miliardi di euro
- Fas: delibera Cipe Riserva di programmazione strategica
- Turismo: in Gazzetta conferimento incarico ministro Brambilla
- In Gazzetta Fondo integrativo prestiti d'onore e borse di studio per 2008

+T -T
Turismo: in Gazzetta conferimento incarico ministro Brambilla

GU n. 115 del 20-5-2009

(regioni.it) E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU n. 115 del 20-5-2009) il DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 maggio 2009 - Conferimento dell'incarico e delega di funzioni del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di turismo al Ministro senza portafoglio on. Michela Vittoria Brambilla. (09A05835)
 
DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 maggio 2009
Conferimento dell'incarico e delega di funzioni del Presidente del
Consiglio dei Ministri in materia di turismo al Ministro senza
portafoglio on. Michela Vittoria Brambilla. (09A05835)
                            IL PRESIDENTE
                     DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
 Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 8 maggio
2009, con il quale l'on. Michela Vittoria Brambilla e' stata nominata
Ministro senza portafoglio;
 Visto l'art. 9 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante
disciplina dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza
del Consiglio dei Ministri;
 Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, e successive
modificazioni, recante ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri, a norma dell'art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59;
 Ritenuto opportuno delegare al Ministro senza portafoglio on.
Michela Vittoria Brambilla le funzioni di cui al presente decreto;
 Sentito il Consiglio dei Ministri;
                              Decreta:
 
                              Art. 1.
 
 Al Ministro senza portafoglio on. Michela Vittoria Brambilla e'
conferito l'incarico per il turismo.
                               Art. 2.
 
 Al Ministro per il turismo on. Michela Vittoria Brambilla, a
decorrere dalla data del presente decreto, sono delegate le funzioni
assegnate al Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di
turismo dal decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233.
 Sono altresi' delegate le funzioni strumentali al perseguimento dei
seguenti obiettivi:
   1) sviluppo delle capacita', delle potenzialita' e dell'immagine
del   «Sistema   Italia»   anche   con   appropriate   iniziative di
comunicazione   istituzionale,   a   partire   dalla promozione del
patrimonio culturale e della crescita delle attivita' turistiche e
dei settori produttivi ad essi collegati, rispetto al contesto
internazionale ed anche in relazione all'evento Expo Milano 2015 ed
agli altri «grandi eventi»;
   2) tutela e rilancio del «marchio Italia» per la promozione degli
interessi   e delle competenze italiane all'estero, individuando
strategie volte a realizzare ogni occorrente sinergia tra organi ed
enti operanti nei settori interessati, anche esercitando le funzioni
di   cui all'art. 12 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35,
convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80;
   3) coordinamento della politica nazionale di promozione del
turismo e dell'immagine dell'Italia all'estero;
   4) coordinamento delle attivita' volte allo sviluppo del turismo
ed alla promozione del «Sistema Italia» connesse ai «grandi eventi»,
in carico alla struttura di missione di cui all'art. 1, comma 1, del
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 15 giugno
2007, anche attraverso la programmazione di iniziative volte alla
presentazione al pubblico delle opere e dei servizi realizzati in
occasione dei predetti «grandi eventi», nonche' alla ideazione,
promozione   e   realizzazione   di manifestazioni, celebrazioni e
rappresentazioni mediatiche ad essi collegati;
   5) programmazione, indirizzo, coordinamento e potenziamento delle
attivita' della «Struttura di missione per il rilancio dell'immagine
dell'Italia», istituita con decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri in data 30 settembre 2008; al fine di intervenire per
sostenere l'offerta turistica dell'Italia o di specifiche aree del
Paese anche nei casi in cui risulti pregiudicata o compromessa in
conseguenza di eventi calamitosi o di altri fattori, anche sociali o
economici, generatori di crisi;
   6)   sviluppo di politiche organiche, d'intesa con gli enti
competenti, relative alle citta' storiche, ai piccoli comuni, alle
reti,   ai   distretti, agli itinerari turistico-culturali, delle
produzioni   tipiche e delle tradizioni popolari del territorio
italiano,   anche   attraverso   l'indirizzo,   la promozione e il
monitoraggio   di   iniziative   di «grandi eventi» e anniversari
finalizzati alla definizione di strategie multifunzionali per il
proficuo utilizzo delle risorse esistenti;
   7)   individuazione di forme e modalita' di raccordo, anche
procedimentale, con le regioni, le autonomie locali e gli enti
istituzionalmente  preposti allo sviluppo locale, nonche' di sostegno
alle azioni dei predetti soggetti nelle materie oggetto della
presente delega, al fine di fornire ogni possibile implementazione,
sinergia e coordinamento;
   8) partecipazione ad organi collegiali aventi competenze nelle
materie oggetto della presente delega e predisposizione, di concerto
con i Ministri competenti, di testi normativi di riforma e di norme
volte   all'accelerazione delle procedure per la programmazione,
progettazione  e realizzazione di progetti di rilevante valenza
strategica;
   9)   cooperazione   istituzionale per la determinazione di un
indirizzo   politico   unitario mediante la fissazione, ai sensi
dell'art. 117 della Costituzione, di norme e principi generali per la
disciplina del turismo, nonche' mediante la individuazione dei
«livelli essenziali delle prestazioni» relativi ai diritti degli
utenti nel settore turistico;
   10) ideazione e pianificazione di «grandi eventi» di rilievo
internazionale operanti quali «attrattori turistici»; ideazione e
pianificazione   di   «progetti strategici di interesse turistico
nazionale»;    pianificazione    concordata   con   le   Regioni   ed
individuazione   di   politiche   di sostegno alle stesse per la
realizzazione di progetti strategici di interesse turistico, a
valenza anche infrastrutturale, coinvolgenti vaste aree geografiche
omogenee;
   11)   iniziative volte all'attrazione di capitali esteri per
investimenti nel settore turistico;
   12) valorizzazione di beni demaniali di interesse turistico;
cooperazione istituzionale e coordinamento per la valorizzazione del
patrimonio di interesse turistico delle IPAB; valorizzazione, di
concerto con i Ministri competenti, del patrimonio d'interesse
turistico religioso appartenente al Fondo edifici per il culto;
   13)    fissazione,    d'intesa   con   il   competente   Ministero
dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, delle «norme
generali» in materia di «istruzione turistica» e dei cosiddetti
«livelli   essenziali delle prestazioni» che le Universita', le
Istituzioni   di   livello   universitario,   nonche'   gli istituti
professionali devono assicurare agli studenti affinche' i titoli che
rilasciano alla fine dei corsi (da istituire) siano in linea con le
esigenze del mercato; cooperazione istituzionale alla determinazione
di un indirizzo politico nazionale unitario in materia di formazione
professionale turistica.
 Per lo svolgimento delle funzioni di cui alla presente delega il
Ministro   si   avvale   del   Dipartimento per lo sviluppo e la
competitivita' del turismo, nonche', in relazione e nei limiti dei
rispettivi ambiti di operativita' e di competenza, delle strutture di
missione di cui ai numeri 4) e 5).
 Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, previa registrazione da parte della Corte dei
conti.
   Roma, 15 maggio 2009
 
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top