Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1488 - martedì 1 dicembre 2009

Sommario3
- Digitale terrestre: gli ultimi passaggi regionali del 2009
- Droga: accordo Conferenza Regioni e Comunità
- La governance nel settore delle dipendenze
- Federalismo fiscale: Durnwalder e Dellai su accordo con Governo
- Istat: disoccupazione all'8%
- Sacconi: in Finanziaria fondi per la non autosufficienza

+T -T
Digitale terrestre: gli ultimi passaggi regionali del 2009

Campania, Lazio, Valle d’Aosta, Piemonte Occidentale, Trentino

(regioni.it) Dopo che aveva iniziato la Sardegna nel 2008, anche in altre regioni si concludono gli ultimi passaggi al digitale terrestre televisivo. 
Nel 2009 sono state interessate la Campania, il Lazio, la Valle d’Aosta, il
Piemonte Occidentale e il Trentino Alto Adige.
Nel 2010 saranno digitalizzate le seguenti regioni: Piemonte Orientale, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria.
Nel 2011 il passaggio al digitale coinvolgerà Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia. 
Passaggio che si cocluderà nel 2012 con Toscana, Umbria, Sicilia e Calabria.
Antonio Bassolino, presidente della Regione Campania, spiega il digitale terrestre TV come una rivoluzione: "non si verifica infatti dal 3 gennaio del 1954, e cioè dalla nascita della tv nel nostro Paese''. La Campania e' stata divisa in sei aree tecniche con tempi e fasi diverse: Campania – Rai 2 e Rete 4 passano al digitale. Bassolino ha sottolineato inoltre che sulla banda larga è stato siglato un Accordo tra il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni – e la Regione Campania 
 

+T -T
Droga: accordo Conferenza Regioni e Comunità

Conferenza Regioni Doc 29.10.09

(regioni.it) la Conferenza delle Regioni del 29 ottobre ha approvato il testo di un accordo fra la Conferenza stessa e la Federazione Italiana Comunità terapeutiche (Fict) e il Coordinamento Nazionale Comunità di accoglienza (Cnca)
Si riporta il documento integrale, pubblicato (in formato pdf) nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it .
Il giorno 29 del mese di ottobre dell'anno 2009
si sono riuniti:
Il Dr. Enrico Rossi, Assessore al Diritto alla Salute della Regione Toscana e Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
Il Dr. Stefano Valdegamberi, Assessore alle Politiche Sociali della Regione Veneto e Coordinatore della Commissione Politiche Sociali della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
Il Dr.ssa Mariafederica Massobrio, in rappresentanza della Federazione Italiana Comunità
Terapeutiche (FICT)
Il Dr. Lucio Giuliano Babolin, in rappresentanza del Coordinamento Nazionale Comunità di
Accoglienza (CNCA) .
E' presente alla firma del presente Accordo il Presidente della Consulta delle Società Scientifiche e delle Associazioni Professionali del campo delle Dipendenze Patologiche che ha partecipato ai lavori preparatori del presente documento e che ne condivide i contenuti.
Premessa
Con il Piano Italiano di Azione sulle Droghe oggetto di Accordo, ai sensi dell'art. 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano e gli Enti Locali (Rep. Atti n. 4 della Conferenza Unificata del 24 gennaio 2008), le Regioni e Province Autonome si sono impegnate, tra l'altro, a: ricostituire il Coordinamento tecnico permanente e tematico in materia di droghe tra le Regioni e PA;
~ creare luoghi di coordinamento stabile tra le Regioni e PA e le Associazioni maggiormente rappresentative nel settore delle dipendenze;
~ contribuire fattivamente alla mappatura delle risorse destinate al settore delle dipendenze.
Il Coordinamento tecnico ha proweduto ad effettuare nel corso del 2008 una prima ricognizione/mappatura da cui si sono evidenziate alcune criticità. Il presente accordo affronta quelle ritenute più urgenti, che riguardano in particolare alcune Regioni. o gravi ritardi nel pagamento delle rette per i trattamenti residenziali e semiresidenziali non sempre rispettosi dei tempi previsti dagli accordi/convenzioni sottoscritti tra le Aziende USL e le Associazioni del privato, nelle Regioni con deficit sanitari e con piani di rientro; o eccessiva variabilità nell'identificazione dell'ammontare delle rette previste per i trattamenti residenziali e semiresidenziali, a fronte di identica denominazione di tipologie di servizi e di prestazioni;
o ritardi nei processi di accreditamento istituzionale' e nel grado di integrazione del sistema territoriale pubblico/privato
Le criticità rilevate non investono in eguale misura tutte le Regioni e le Province Autonome ed è pertanto interesse comune strutturare un sistema integrato che, pur nel rispetto delle singole autonomie regionali, sia capace di fornire il più possibile alle persone che lo richiedono prestazioni di qualità in tutto il territorio nazionale a costi omogenei.
A tal fine le parti concordano la sottoscrizione del presente accordo con la finalità di:
1. pervenire in tempi brevi al pagamento degli arretrati dovuti alle Associazioni del privato per trattamenti di recupero e riabilitazione effettuati in regime residenziale e semiresidenziale;
2. avviare su tutto il territorio nazionale tavoli tecnici locali tra Regioni e tutti gli attori del sistema dei servizi che, nel rispetto delle singole autonomie regionali, consentano di affrontare in modo omogeneo le problematiche e le istanze specifiche dei cittadini interessati e del settore delle dipendenze;
3. consolidare il confronto tra il Gruppo tecnico interregionale sulle dipendenze e le rappresentanze del sistema dei servizi per fe dipendenze, per monitorare le previsioni del presente accordo ed affrontare le criticità emerse e non ricomprese nel presente accordo.
Le Regioni e P.A. si impegnano a:
a. attivare le necessarie procedure e atti, nelle realtà regionali dove tale problema è presente, finalizzati alla liquidazione degli arretrati dovuti (compresi gli interessi nel frattempo maturati), da effettuarsi entro 180 giorni dalla sottoscrizione del presente accordo;
b. affrontare entro il 2009, nelle realtà regionali dove tale problema è presente, il ritardo dei pagamenti delle rette agli Enti gestori, anche prevedendo eventuali percorsi privilegiati per le ONLUS e comunque stabilendo che i tempi di pagamento non debbano superare i 90 giorni dal ricevimento delle fatture;
c. avviare entro il 2009 nelle realtà regionali che erogano rette inferiori alla media nazionale un processo di analisi finalizzato alla ridefinizione delle rette stesse, sulla base delle prestazioni e della tipologia dei servizi definiti;
d. avviare o completare, come previsto dal D.Lgs. 229/99, e nel rispetto delle normative e degli indirizzi vigenti nelle diverse Regioni e P.A, il percorso di accreditamento dei servizi pubblici e privati
Gli Enti sottoscrittori si impegnano a:
a. definire, in accordo con le Regioni, il prodotto terapeutico erogato;
b. diversificare progressivamente l'offerta terapeutica in base ai bisogni delle persone con problemi di dipendenza, opportunamente rilevati, e delle linee di indirizzo della programmazione regionale;
c. adottare modalità organizzative che favoriscano la più ampia integrazione tra i propri interventi e quelli offerti dalle reti pubbliche; .
d. promuovere una formazione permanente ed integrata del proprio personale;
e. adottare una metodologia di intervento fondata sulla valutazione del risultati, nel rispetto del diritto delle persone con problemi di dipendenza ad accedere a cure ed interventi di comprovata efficacia su tutto il territorio nazionale .
Letto. firmato e sottoscritto
Per la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome
Vasco Errani
per la Commissione salute
II Coordinatore Dr. Enrico Rossi
Per la Commissione politiche sociali
Il Coordinatore Dr. Stefano Valdegamberi
per la Federazione Italiana Comunità Terapeutiche – FICT
Dott.ssa Maria Federica Massobrio
per ii Coordinamento Nazionale Comunità di accoglienza (Cnca)
Dr. Giuliano Barbolin
Firmato anche dal Rappresentante della Consulta delle Società Scientifiche e delle Associazioni Professionali nel Campo delle Dipendenze
 
(red/01.12.09

+T -T
La governance nel settore delle dipendenze

Seminario a Torino

(regioni.it) Prima giornata a Torino del seminario 'La governance nel settore delle dipendenze'.
''Enti istituzionali, societa' scientifiche, il privato sociale e le organizzazioni sindacali - ha sostenuto Eleonora Artesio, assessore regionale alla Tutela della salute e sanita' della Regione Piemonte - vogliono proseguire lungo il cammino intrapreso insieme nei mesi scorsi, che consenta di individuare le responsabilita' di ciascun attore sociale nella lotta e nella cura delle dipendenze''.
Inoltre l'Artesio ha sottolineato ''l'assenza dei rappresentanti del governo nazionale. Ci stupisce - ha detto - perche' le rispettive competenze sono molto chiare: le Regioni devono concretizzare sul territorio i livelli essenziali di assistenza (lea) definiti dal governo. E' importante - ha aggiunto Eleonora Artesio - continuare a lavorare in un clima istituzionale capace di tutelare e comprendere il ricco patrimonio di esperienze sul tema del contrasto alle dipendenze che offrono le singole Regioni''.
 
 
 (red/01.12.09)

+T -T
Federalismo fiscale: Durnwalder e Dellai su accordo con Governo

(regioni.it) Il presidente della Provincia Durnwalder ha riferito in consiglio provinciale a Bolzano gli accordi sul federalismo fiscale concordati con i ministri Calderoli e Tremonti.
Le Regioni a Statuto speciale, ha comunicato Durnwalder, dovranno rinunciare a qualcosa per il fondo di solidarieta' destinato ad aiutare regioni in difficolta': la Provincia di Bolzano ha dato il suo assenso e si è detta disponibile a contribuire, anche tramite l'assunzione di nuove competenze. 
La sovranità fiscale è stata ovviamente richiesta, “ma noi non la otterremo mai, a meno che non venga data a tutte le regioni. Otterremo invece, come in questo caso, piccole concessioni”. 
“L’accordo verrà presentato - spiega Durnwalder  - alla commissione parlamentare competente, e non abbiamo ancora la certezza che essa l’approverà, anche se i due ministri lo sosterranno”.
Il Trentino perderà risorse ma  guadagna innanzitutto le deleghe su universita' e ammortizzatori sociali.
Il presidente della provincia autonoma di Trento Lorenzo Dellai ha ricordato che ''ancora prima che il federalismo fiscale diventasse legge - ha detto Dellai - mi sono battuto affinche' ciascuna Provincia e Regione a Statuto speciale avesse un tavolo di trattativa col governo. Varata la legge da parte del governo, dissi subito che ci avrebbe tolto 750 milioni di euro l'anno e sono gli stessi dati che si possono rilevare ad accordo fatto. Li compensano 200 milioni di euro annui, negoziati per le nuove competenze, universita' e ammortizzatori sociali, e col raggiungimento della totalita' dei nove decimi di tutti i tributi''.

 Consiglio Bolzano | 01.12.2009 | 13:13

+T -T
Istat: disoccupazione all'8%

(regioni.it) L’Istat rileva che i tassi di disoccupazione nel nostro Paese sono ai massimi dagli ultimi ciinque anni.
Il tasso di disoccupazione di ottobre e' salito infatti all'8%, A settembre si era fermato al 7,8%. E' il livello piu' alto da novembre 2004. I senza lavoro superano i 2 milioni per la prima volta da marzo 2004.
L'occupazione a ottobre e' rimasta stabile rispetto a settembre, mentre ha perso 284mila unita' rispetto a ottobre 2008 (-1,2%). Nei Paesi dell'euro il tasso di disoccupazione e' stato stabile al 9,8%.
  •  Lavoro. A ottobre 2009 il tasso di disoccupazione è all’8%
 (red/01.12.09)

+T -T
Sacconi: in Finanziaria fondi per la non autosufficienza

(regioni.it) Maurizio Sacconi annuncia che il Fondo per la non autosufficienza ''sara' integrato''. 
Spiega il ministro del Welfare: ''E' in corso con le Regioni un negoziato sul servizio sanitario e socio-assistenziale, ed e' probabile un accordo su una consistente dotazione del Fondo per la non autosufficienza'' ha spiegato il ministro, che non ha voluto fornire le cifre. Questa integrazione, secondo Sacconi, ''concorrerà a rispondere ai bisogni di cura delle famiglie''.
''E' probabile che si raggiunga presto un accordo con le regioni” afferma Sacconi, Il fondo sarà integrato e "concorrera' con la riorganizzazione dei servizi sociosanitari''. Il ministro non ha fatto cifre sulle risorse, ma ha annunciato che saranno contenute nella Finanziaria 2010.
 
(red/01.12.09)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top