Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1561 - giovedì 22 aprile 2010

Sommario3
- Federalismo demaniale: proposte dalle Regioni
- Edilizia scolastica: chiesto incontro al ministro Gelmini
- Federalismo demaniale: dossier della Camera
- Edilizia scolastica: Iorio scrive ad Errani
- Basilicata: la "Giunta De Filippo"
- Istat e Ministero P.A.: monitoraggio assenze

+T -T
Federalismo demaniale: proposte dalle Regioni

L'argomento è stato discusso nel corso della Conferenza delle Regioni del 22 aprile

(regioni.it) “In generale da parte delle Regioni c'è una valutazione positiva dell'avvio del federalismo ma non si condividono alcuni punti. Avanzeremo ad esempio delle proposte "per una corretta applicazione" del federalismo  demaniale”, lo ha dichiarato  il Presidente della Basilicata, Vito De Filippo, che il 22 aprile ha presieduto la Conferenza delle Regioni che aveva tra i due temi all'ordine del giorno proprio il federalismo  demaniale. Le Regioni “non condividono molti punti del decreto legislativo del federalismo demaniale e ci sono elementi di difficoltà per la concreta applicazione del testo''. Lo ha detto. De Filippo ha annunciato che le Regioni hanno steso un “documento tecnico, che rappresenta una base di discussione. Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Errani, chiederà poi un incontro  con il ministro Calderoli”. Dopo l'incontro con il ministro  della Semplificazione, “ci sarà una nuova discussione politica in sede di Conferenza delle Regioni”.
Quello sul federalismo demaniale è il primo decreto  attuativo del federalismo fiscale e prevede che gran parte dei beni del Demanio passino a Comuni, Province e Regioni. “Abbiamo ventilato l'ipotesi che le agenzie territoriali del demanio diventino un agenzia del demanio regionale'', ha spiegato Romano Colozzi, assessore della Regione Lombardia. Su questo tema, ha aggiunto Colozzi, “restano problemi di ordine istituzionale e di impatto finanziario”.”Pur non contestando la pari opportunità dei diversi livelli istituzionali coinvolti - ha spiegato - alle Regioni spetta da Costituzione un ruolo di coordinamento sulla finanza pubblica, su cui hanno una potestà legislativa concorrente in materia. Ma nel decreto questo aspetto è molto, molto sfumato. Anzi - ha rimarcato Colozzi - l'aggettivo più adatto sarebbe 'assente' “.“Vogliamo poi richiamare l'attenzione di Calderoli – ha aggiunto - sul fatto che questo processo deve essere realizzato senza oneri aggiuntivi per la Pubblica amministrazione. Ma c'è un problema legato alle strutture tecniche sul territorio che finora hanno gestito il patrimonio demaniale. Con il decreto non avranno di che occuparsi o comunque si ridurrà drasticamente la loro attività”. Da qui l'ipotesi di un'agenzia regionale del demanio.
Secondo la Presidente della Regione Lazio, Renato Polverini: “il ruolo delle Regioni in molti casi e' da salvaguardare, soprattutto in vista del federalismo e del primo provvedimento sul demanio, perché alcuni decreti non vanno in quella direzione”.
Sul decreto attuativo del federalismo demaniale ''siamo partiti con il piede giusto. In questo modo restituiremo il maltolto al territorio''. Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha commentato i lavori della Conferenza delle Regioni. Dalle Regioni ''sono arrivate solo osservazioni di natura formale - ha aggiunto Zaia - e noi vigileremo sull'applicazione''. Zaia, parlando poi della Regione Veneto ha ribadito che quest’ultima è pronta a presentare, sul federalismo una "piattaforma negoziale" per l'applicazione dell'articolo 116 della Costituzione” e ha aggiunto che l'obiettivo è quello “di dare vita ad un sistema di autonomie a geometrie variabili”.
Il Decreto legislativo sul federalismo demaniale è il primo passo attuativo della legge delega sul federalismo fiscale, un tema quest’ultimo- ha sottolineato la presidente dell’Umbria, Catiuscia Marini, che “non e' solo per il nord ma è per tutti, ci deve essere un equilibrio nella sua attuazione e non ci può essere qualcuno che prende e qualcuno che dà”.

-     
[file audio] Regioni: De Filippo su edilizia scolastica e federalismo demaniale
 
(sm/22.04.10)

+T -T
Edilizia scolastica: chiesto incontro al ministro Gelmini

De Filippo: stralcio per un piano da 350 milioni

(regioni.it) E' un problema di primaria importanza la messa in sicurezza delle scuole, "lo abbiamo affrontato quindi con un approccio molto responsabile". Lo ha dichiarato il presidente della regione Basilicata, Vito De Filippo, che ha presieduto il 22 aprile la Conferenza delle Regioni. Le Regioni, ha ribadito De Filippo, chiedono "un incontro urgente alla Gelmini perche' il tema della sicurezza delle scuole è prioritario".
Rispetto ai mille milioni di euro stanziati in Finanziaria 2009, 235 sono andati per l'emergenza terremoto in Abruzzo. ''C'e' stato uno stralcio per un piano da 350 milioni - ha spiegato De Filippo - ma molte regioni non si ritrovano con le assegnazioni, la ripartizione delle somme e con gli interventi da fare''. A questo punto le Regioni vogliono chiarezza sia sugli interventi sia sui 650 milioni a copertura del miliardo di euro di partenza. Sono quindi 350 milioni di euro che dovranno ora ottenere il via libera del Cipe. 
De Filippo ha voluto comunque aggiungere come presidente della regione Basilicata: "alcune Regioni, come la mia - ha sottolineato De Filippo - non condividono il fatto che si usino ancora una volta risorse del fondo Fas: lo considero un'altra puntata di una serie di scippi sul fondo per le aree sottoutilizzate".
Anche l'assessore della Regione Emilia Romagna, Gian Carlo Muzzarelli, ha tenuto a sottolineare come "la sicurezza nelle scuole è un tema prioritario per le Regioni. Abbiamo bisogno di recuperare le risorse per mettere in sicurezza tutte le scuole italiane. Pertanto bisogna lavorare per ottenere il pacchetto complessivo di queste risorse".


 (red/22.04.10)

+T -T
Federalismo demaniale: dossier della Camera

(regioni.it) E’ stato pubblicato dal servizio studi della Camera un “dossier” sullo schema di decreto legislativo sul federalismo fiscale, primo passo in attuazione della delega sul federalismo fiscale.  Il Decreto – che è stato oggetto di un confronto nella Conferenza delle Regioni del 22 Aprile (vedi notizia precedente)  - è ora all’esame in sede consultiva delle Commissioni bilancio di Camera e Senato.  La Commissione bilancio della Camera ha peraltro previsto un’audizione della Conferenza delle Regioni unitamente ad Anci e Upi, per il prossimo giovedì, 29 aprile. Il Dossier è scaricabile anche dal sito www.regioni.it, sezione “InParlamento”, il link è:
(red/22.04.10)

+T -T
Edilizia scolastica: Iorio scrive ad Errani

(regioni.it) Il presidente della Regione Molise, Michele Iorio, ha sottolineato il fatto che il Molise è l'unica regione fra quelle a statuto ordinario esclusa, per ora, dai finanziamenti per la messa in sicurezza degli edifici scolastici.
Iorio ha quindi scritto al presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, per segnalare la situazione e chiedere un intervento. La lettera puntualizza sul 'Primo programma straordinario di interventi urgenti finalizzati alla prevenzione e riduzione del rischio sismico connesso alla vulnerabilita' degli elementi anche non strutturali negli edifici', un piano che prevede un primo finanziamento da 350 milioni per la messa in sicurezza degli edifici scolastici predisposto dai ministri Matteoli e Gelmini."
Apprendo dalla nota pervenuta da parte dei ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Pubblica Istruzione'', rileva Iorio che ''il Molise e' l'unica regione a statuto ordinario - unita a quelle a statuto speciale - per la quale non e' previsto un euro per la messa in sicurezza delle scuole, a valere sulla prima tranche finanziaria di 350 milioni di euro. Qualsiasi motivazione - sottolinea il governatore - e' ritenuta da noi inaccettabile e causa di una esclusione ingiusta e incomprensibile. Mi aspetto percio' - conclude Iorio - che si possano trovare gli spazi e i tempi perche' al Molise venga riconosciuta quanto meno pari dignita' sul piano di ripartizione''.
 
(red/22.04.10)

 

+T -T
Basilicata: la "Giunta De Filippo"

(regioni.it) Il Presidente della Regione  Basilicata, Vito De Filippo, ha formato la nuova Giunta.
  1. Presidente: Vito De Filippo (Pd);
  2. Vice Presidente: Agatino Mancusi (Udc) assessore all'Ambiente, al Territorio ed alle Politiche della  sostenibilità;
  3. Rosa Gentile: Assessore Infrastrutture, Opere Pubbliche e  Mobilità;
  4. Attilio Martorano: Assessore Salute, Sicurezza e Solidarieta'  Sociale, Servizi alla Persona e alla Comunità;
  5. Wilma Mazzocco (Api) Assessore Agricoltura, Sviluppo Rurale,  Economia Montana;
  6. Erminio Restaino (Pd); Assessore Attività Produttive, Politiche dell'Impresa, Innovazione Tecnologica;
  7. Donato  Viggiano: Assessore Formazione, Lavoro, Cultura e Sport.
La Giunta sarà presentata ufficialmente venerdì 23 aprile nella Sala Verrastro del Palazzo della Regione a Potenza.
 
-      On line le biografie dei componenti la Giunta: il link è http://www.basilicatanet.it/news/article.asp?id=733001
(red/22.04.10)

+T -T
Istat e Ministero P.A.: monitoraggio assenze

(regioni.it) Sul monitoraggio delle assenze nella P.A. collaborazione tra il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione e l'Istat in base ai dati trasmessi in via telematica da 4.483 amministrazioni pubbliche. Le assenze per malattia dei dipendenti pubblici a marzo, rispetto allo stesso mese del 2009, sono aumentate del 5,3% mentre hanno subito una contrazione sia gli eventi di assenza per malattia superiori a 10 giorni (-2,3%) sia le assenze per altri motivi (-6,5%). Si tratta di stime riferite al complesso delle amministrazioni pubbliche a esclusione dei comparti scuola, universita' e pubblica sicurezza.
Nelle diverse macro-aree del Paese le assenze per malattia registrano variazioni percentuali comprese tra il -2,8% delle Regioni del Sud e nelle Isole e il +12,0% di quelle del Nord Ovest e del Nord Est. Gli eventi di assenza per malattia superiori a 10 giorni registrano invece variazioni percentuali comprese tra il -6,3% del Sud e Isole e il +8,8% del Nord Est.
Le assenze per altri motivi evidenziano infine (a fronte di un dato medio nazionale pari al -2,2%) riduzioni di rilievo nel Sud e nelle Isole.
Nel comparto Ministeri spiccano i dati del Ministero dell'Interno (-18,7%), del Ministero dell'Economia e Finanze (-10,5%), del Ministero delle Infrastrutture (+11,6%) e del Ministero della Giustizia (+13,5%).  Le Regioni in cui si registrano le diminuzioni o gli aumenti piu' sensibili di assenze per malattia sono invece Liguria (-9,7%), Valle d'Aosta (-9,3%), Provincia autonoma di Bolzano (+8,3%) e Puglia (+9,2%).
 
 
(red/22.04.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top