Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1609 - giovedì 1 luglio 2010

Sommario
- Manovra: confronto vero su merito e dimensione tagli
- Errani: non si può fare il federalismo fiscale contro Regioni ed enti locali
- Regioni: il 2 Luglio incontro con Schifani
- Polverini: bene documento Regioni
- Zaia: volontà è dialogare ancora per trovare soluzione
- Il 2 luglio manifestazione Coldiretti

+T -T
Errani: non si può fare il federalismo fiscale contro Regioni ed enti locali

(regioni.it) “Nessuno può pensare di fare il  federalismo fiscale in modo avverso alle regioni e agli enti locali”.  Ad affermarlo è stato il Presidente della Conferenza delle Regioni,  Vasco Errani, al termine della riunione del 1° luglio in cui la Conferenza è tornata a ribadire le richieste di modifiche alla manovra e ha discusso della relazione sul federalismo fiscale presentata il 30 giugno dal  ministro dell'Economia Giulio Tremonti, in cui, fra l’altro, si fa riferimento alla finanza pubblica italiana diventata un “albero storto”. “Se l'albero è piegato – ha detto Errani - non si risana l'albero tagliando i rami fondamentali del federalismo". Quanto ai rapporti fra il Governo e le Regioni Errani ha spiegato: “non abbiamo fatto e non vogliamo  fare la guerra ma se si parla di pace, la pace si realizza trovando un punto di incontro”. E' quanto ha affermato il presidente della  Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine della riunione del 1° luglio, tornando così sulle affermazioni del ministro  per le Riforme, Umberto Bossi, che aveva parlato di pace fatta  tra le Regioni e il ministro dell'Economia Giulio Tremonti.
“Noi aspettiamo l'incontro con il premier che tra l'altro  dall'estero ha già dato la sua disponibilità a incontrarci. E'  chiaro - ha detto Errani - che il dialogo prevede la disponibilità di tutti a trovare un'intesa”.
Le Regioni nel documento approvato il 1° luglio confermano la loro  richiesta di una manovra più equilibrata e ribadiscono la necessità di modificare il peso dei tagli tra i diversi comparti e di aprire un “confronto vero e nel merito”. Nel documento sottoscritto all'unanimità le Regioni ribadiscono che il peso degli interventi previsti si scafrica sulle autonomie, “azzerando i trasferimenti che dovrebbero essere la base del federalismo fiscale per le Regioni”.
Nel corso della conferenza stampa il presidente Errani ha ribadito la volontà delle Regioni di voler sottoscrivere un accordo con il governo, tuttavia, ha ammonito, ''ognuno deve tenere un atteggiamento istituzionale, come continuiamo a fare noi. Non mi sembra assolutamente giusto, quindi, il 'passaggio del cerino' da un livello istituzionale ad un altro. Noi - ha avvertito - non abbiamo un obiettivo diverso da quello del governo sul fronte della realizzazione del federalismo fiscale, è necessario però che Palazzo Chigi continui a tenere alto il confronto istituzionale''. Le Regioni italiane hanno anche ribadito la piena disponibilità “a contribuire alla riduzione complessiva della spesa pubblica e alla sua qualificazione attraverso una significativa compressione della spesa improduttiva a favore di quella per servizi e investimenti''.
Quanto alla relazione sul federalismo fiscale,resa nota a Palazzo Ghigi, ''esprime alcuni giudizi
suigoverni territoriale che le Regioni non condividono e contiene incongruenze rispetto alla legge 42 del 2009'', e afronte di ciò “urge un confronto finalmente di merito”. Infine si “ritiene non accettabile che l'attuazione della legga 42 del 2009 sull'autonomia fiscale avvenga in tempi diversi per Enti locali e Regioni, perché ciò rischia - ha sottolineato – di creare un sistema non equilibrato e ultimamente più oneroso per i cittadini”.
-      Il link al file audio della conferenza stampa del Presidente Vasco Errani, tenuta al termine della Conferenza delle Regioni del 1° Luglio 2010: http://www.regioni.it/upload/ConfStampaStraord010710.mp3
(red/01.07.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top