Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1614 - giovedì 8 luglio 2010

Sommario3
- Manovra: Errani, da Berlusconi per confrontarci
- Manovra: Polverini, si è aperta una via pattizia
- Formigoni: abbiamo evitato uno scontro istituzionale
- Manovra. Fitto, possibile confronto sui numeri
- Politiche sociali: Chiodi ottiene fondo aggiuntivo
- Sanità: Iorio, apprezzato piano di rientro

+T -T
Manovra: Errani, da Berlusconi per confrontarci

Possibile e necessaria una sintesi nella distribuzione dei pesi e dei tagli previsti

(regioni.it) “Andremo al confronto con il Presidente del Consiglio con spirito costruttivo e illustreremo le nostre buone ragioni, nella convinzione che non potranno che essere comprese in quanto oggettive e che quindi possa essere possibile una necessaria sintesi nella distribuzione dei pesi e dei tagli previsti”. Lo ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani.
“Sono convinto che questo è l’atteggiamento necessario anche in relazione al contributo che i diversi livelli istituzionali hanno dato alla crescita del debito pubblico, laddove – come è riscontrabile dai dati forniti dallo stesso Ministero dell’Economia e dalla Banca d’Italia – per le Regioni si registra dal 2007 al 2009 un -6,21%, mentre l’incremento delle Amministrazioni centrali per lo stesso periodo è +10,87%.
Anche analizzando la spesa per consumi intermedi – ha proseguito Errani - si evidenzia che i tagli per le Regioni sono stati effettivi e non altrettanto è accaduto per quelli realizzati a carico dello Stato, come sottolineato dalla Corte dei Conti. I dati Istat relativi alla dinamica dei consumi intermedi per il biennio 2008-2009 rispetto al 2007 mostrano una crescita nel conto economico dello Stato del 24,07%, delle Amministrazioni centrali del 20,5%, degli Enti sanitari del 13,99%, e infine in quello delle Regioni del 6,65%. Anche su queste basi – ha concluso Errani - con l’analisi complessiva dei dati contiamo di costruire un confronto e un percorso che possano permettere una revisione dell’attuale assetto della Manovra.”

(red.08.07.10)

+T -T
Manovra: Polverini, si è aperta una via pattizia

(regioni.it) Il presidente della Regione Lazio Renata Polverini si dice soddisfatta dell'incontro in agenda il 9 luglio con il premier Berlusconi e il ministro dell'Economia Tremonti e rileva come nella manovra allo studio del governo “c'è una posizione rigida sui saldi ma si è aperta una via pattizia”. Parlando a margine del forum sulla sostenibilità organizzato da Unicredit e l'università Luiss, la Polverini ha spiegato di essersi chiarita con il ministro Tremonti sull'attacco che questi aveva fatto alle Regioni del centro sud.
L'incontro, ha spiegato la Polverini, è così “un risultato importante''. Il presidente della Regione ha quindi aggiunto di aver ''gia' iniziato a lavorare per invertire la situazione di alto debito sanitario. Abbiamo iniziato - ha aggiunto - senza attendere la manovra perché pensiamo che ci sia spazio per destinare al meglio le risorse” verso finalità più utili ai cittadini.
 
(red/08.07.10)

+T -T
Formigoni: abbiamo evitato uno scontro istituzionale

Si' a una manovra da 25 miliardi; ma deve essere rimodulata la ripartizione dei tagli

(regioni.it) Soddisfazione per l'atteso incontro del 9 luglio delle Regioni con Silvio Berlusconi sulla manovra economica del Governo viene espressa dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. "Avevamo chiesto questo incontro - spiega Formigoni - e personalmente non ho mai dubitato che il Presidente avrebbe acconsentito a fissarlo. Credo di sapere - aggiunge Formigoni - che Berlusconi ha dovuto lavorare parecchio per far si che l'incontro fosse impostato secondo la formula giusta, e cioè tra Regioni, Province e Comuni da una parte e presidente del Consiglio, dall'altra, attorniato dai ministri che hanno competenza nella partita”.
“Abbiamo evitato - aggiunge il presidente della Lombardia – uno scontro istituzionale che sarebbe stato pesantissimo. Per giorni abbiamo segnalato che era opportuno che una parte della Repubblica (il Governo nazionale) accettasse di confrontarsi con le altre parti (Regioni ed Enti locali). Così è avvenuto. Così il primo passo in avanti e' fatto; domani (9 luglio, ndr) entreremo nel vivo dei contenuti della manovra”. Formigoni ricorda la posizione delle Regioni, "che è quella nota: noi diciamo si' alla manovra, dunque si' a farci carico con responsabilità della parte di sacrifici che ci competono, ma chiediamo che questi sacrifici siano equilibrati con gli altri comparti della Repubblica, cioè siano distribuiti equamente tra tutti. Domani dunque bisognerà confrontare i dati e renderci conto che il tanto che viene chiesto a Regioni Province e Comuni è assolutamente sproporzionato rispetto al poco che viene chiesto al livello centrale". "Sia chiaro - sottolinea Formigoni – il totale della manovra anche per noi deve essere blindato: abbiamo sempre detto si' a una manovra da 25 miliardi; ma deve essere rimodulata la ripartizione dei tagli. E' su questo che dobbiamo dialogare". La proposta di Formigoni (che definisce "quella dell'uomo della strada") e' di "distribuire in modo uguale per tutti i sacrifici. A conti fatti, si tratterebbe di un taglio pari al 3,4% dei bilanci di tutti: sforzo importante, ma sopportabile". Quello che non appare sopportabile e' la misura del taglio attualmente previsto per le Regioni, che "inciderebbe pesantemente - ribadisce Formigoni - su servizi essenziali per il cittadino - treni per i pendolari, sostegno alle famiglie, aiuti alle imprese".
 
(red/08.07.10)

+T -T
Manovra. Fitto, possibile confronto sui numeri

(regioni.it) Nell'incontro del 9 luglio a Palazzo Chigi tra Governo, Regioni ed autonomie locali, “sarà possibile aprire una riflessione sui numeri'': e' quanto ha riferito il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, al termine della Conferenza Stato-Regioni, tenutasi l’8 luglio presso il dicastero in via della Stamperia.
Nell'incontro con il presidente del Consiglio e il ministro dell’economia “ci sono i margini per avviare una discussione di merito, su cui il Governo è disponibile, ma non è in discussione ne' l'entita' del taglio, ne' l'attribuzione ai diversi livelli istituzionali''. Il parere sulla manovra verra' dato dalla Conferenza unificata, ha annunciato Fitto, la prossima settimana.
 
(red/08.07.10)

+T -T
Politiche sociali: Chiodi ottiene fondo aggiuntivo

(regioni) Accolta da tutte le Regioni italiane la richiesta del Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, di uno stanziamento aggiuntivo per l'Abruzzo nel riparto del fondo nazionale per le politiche sociali per il 2010, a fronte della grave situazione conseguente il terremoto.
Chiodi, l’8 luglio, in Conferenza unificata, a Roma, ha proposto la modifica dell'art. 6 all'intesa sullo schema di decreto del ministro del Lavoro sul riparto del Fondo, chiedendo che “ulteriori risorse derivanti da provvedimenti di reintegro siano prioritariamente indirizzate al reintegro della quota 2009 destinata alla Regione Abruzzo, vista la situazione di straordinaria necessità a causa dell'evento sismico, e che ulteriori risorse residuali siano ripartite con le stesse modalità e criteri previsti dal decreto”.
Le Regioni hanno espresso parere favorevole, ma a questo punto si attende un ulteriore passaggio, ossia la decisione della Conferenza Stato-Regioni.
“E' un dato sicuramente significativo - ha commentato Chiodi - il fatto che le Regioni italiane abbiano già accolto la nostra richiesta, convinte della necessità di stanziare ulteriori risorse in favore dell'Abruzzo. Su questo avevamo già lavorato con l'assessore Paolo Gatti nei tavoli tecnici, sostenendo la particolare specificità di questa regione. Una decisione che ha tutto il mio apprezzamento, alla luce del pesante taglio che impone limitazioni nella programmazione e nell'erogazione di servizi da parte delle amministrazioni locali”.
 
(red/08.07.10)

+T -T
Sanità: Iorio, apprezzato piano di rientro

(regioni.it) E' stata una valutazione sostanzialmente positiva quella fatta dal Tavolo Tecnico Interministeriale in riunione l’8 luglio a Roma presso il Ministero delle Economia sulle procedure di ristrutturazione della rete ospedaliera e della riorganizzazione sanitaria proposta dalla Regione Molise nell'ambito delle iniziative del Piano di rientro del deficit sanitario.
“Abbiamo presentato il nuovo Piano sanitario - ha detto a margine dell'incontro il Presidente Iorio - e ad abbiamo evidenziato i sui elementi innovativi e di razionalizzazione e ristrutturazione dell'intero sistema. Il Piano è stato in gran parte condiviso in sede di valutazione tecnica. Per la parte relativa alla copertura del deficit del 2009 abbiamo illustrato le iniziative finanziarie prese e abbiamo spiegato che esse avranno una concretizzazione operativa in tempi brevi”.
“Sono comunque convinto - ha aggiunto - che il Molise potrà, entro la fine dell'anno, arrivare ad attuare il nuovo Piano sanitario e giungere alla pareggio di bilancio per quanto riguarda il deficit pregresso e sono altrettanto convinto che il Governo comprenderà questo nostro sforzo assegnandoci le opportune tempistiche per attuarlo in ogni sua parte scongiurando anche ogni idea di attuazione operativa della misura dell'aumento delle tasse per i molisani”.
 
(red/08.07.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top