Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1625 - venerdì 23 luglio 2010

Sommario
- Formigoni: la manovra è insostenibile
- Ansa su dati Copaff: peso tributi locali 2008
- Fiat in Serbia: Vito De Filippo, Cota, Vendola
- Alimenti per lattanti: parere su Decreto
- Protesi mammarie: parere sui istituzione Registri
- Stato-Regioni: il calendario II semestre 2010

+T -T
Alimenti per lattanti: parere su Decreto

Conferenza Regioni Doc 08.07.10

(regioni.it) Il Decreto sulle sanzioni per chi viola le norme che attuano le direttive europee relative agli alimenti per i lattanti ha ricevuto un parere favorevole condizionato però all’accoglimento di alcuni emendamenti presentati dalle Regioni nel corso della Conferenza Stato-Regioni dell’8 Luglio. Tali proposte sono contenute in un documento che è stato pubblicato nella sezione “conferenze” del sito www.regioni.it. Il link è:
Si riporta di seguito il testo integrale.
CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME - 10/050/SR27/C7
Punto 27) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime parere favorevole condizionato all’accoglimento delle seguenti proposte emendative:
• Si propone una riduzione del 25% degli importi delle sanzioni, con particolare riferimento ad adempimenti meramente formali come quelli di cui all’articolo 5 comma1.
• Nel titolo dello schema di decreto in parola è riportato l’oggetto D.M. n. 82/2009, in modo non corretto. Si propone di modificare il titolo dello schema di decreto come segue: "Decreto legislativo recante la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al Decreto del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 9 aprile 2009, n. 82, di attuazione della direttiva 2006/141/CE per la parte riguardante gli alimenti per lattanti e gli alimenti di proseguimento destinati alla Comunità europea ed all’esportazione presso Paesi terzi".
all’articolo 2, comma 5 la frase "...la stessa sanzione prevista dal comma 3 si applica a chiunque fabbrica o commercializza alimenti per lattanti in difformità ai criteri di composizione fissati nell’allegato I del Regolamento e senza tenere conto delle norme di cui all’allegato V dello stesso Regolamento, ovvero in
2
difformità rispetto ai criteri di cui ai commi 2 e 3 dell’articolo 6 del Regolamento, è soggetto al pagamento di una sanzione pecuniaria da euro quindicimila e euro novantamila...".
Tale formulazione potrebbe condurre ad interpretazioni non proprie. Si suggerisce di modificare il testo nel seguente modo "… la stessa sanzione prevista dal comma 3 si applica a chiunque fabbrica o commercializza alimenti per lattanti in difformità ai criteri di composizione di cui all’allegato V dello stesso Regolamento. Chiunque fabbrica o commercializza alimenti per lattanti in difformità rispetto ai criteri di cui ai commi 2 e 3 dell’articolo 6 del Regolamento, è soggetto al pagamento di una sanzione pecuniaria da euro quindicimila a euro novantamila ";
All’articolo 2, comma 6, lettera e) la frase"…ferma l’applicazione di quanto….", va sostituita con la frase "….ferma restando l’applicazione di quanto….";
All’articolo 2, comma 7, lettera b) la frase "…27 febbraio 1996, n. 209….", va sostituita con la frase "….27 febbraio 1996, n. 209 e successive modifiche ed integrazioni ";
All’articolo 3, comma 2 la frase "…di proseguimento previsti dagli articoli 9…", va sostituita con la frase "…di proseguimento previsti dall’articolo 9…";
All’articolo 4, comma 1 la frase "…dall’art. 10, comma 1 è soggetto…", va sostituita con la frase:2…dall’articolo 10, comma1 del Regolamento è soggetto…";
All’articolo 4, comma 3, la frase "…previste dagli articoli 9, commi …", va sostituita dalla frase "previste dall’articolo 9, commi…";
• Riformulazione dell’articolo 9
Art. 9
(Istituzione fondo)
1. E’ istituito nello stato di previsione del Ministero della Salute un fondo per le iniziative di ricerca e di informazione a favore della promozione dell’allattamento al seno ai senti dell’articolo 14 del Regolamento, da finanziarsi con le entrate derivanti dall’applicazione delle sanzioni previste dal presente decreto, che a tal fine sono versate al Bilancio dello Stato per la successiva rassegnazione al fondo medesimo, secondo le modalità di cui al successivo comma 2.
2. Le entrate derivanti dall’applicazione delle sanzioni previste dal presente decreto vengono introitate dalle Aziende Sanitarie locali, Autorità competenti ai sensi del Dlgs 193/2007 a livello territoriale; dette entrate vengono così ripartite:
3
il 65% al Ministero della Salute per iniziative di ricerca e di informazione a favore della promozione dell’allattamento al seno, ai sensi dell’articolo 14 del Regolamento e versati su apposito capitolo dello Stato, di cui al precedente comma 1;
il restante 35% viene ripartito secondo seguenti modalità:
- il 25% alle Aziende Sanitarie Locali;
- il 5% ai Laboratori del Controllo Ufficiale;
- il 5% alle Regioni e alle Province autonome di Trento e di Bolzano.
3. Il Ministero dell’Economia e Finanza provvede, con propri decreti, alle occorrenti variazioni di bilancio.
Roma, 8 luglio 2010
 
(red/23.07.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top