Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1629 - giovedì 29 luglio 2010

Sommario3
- Manovra: lavorare per le giuste correzioni
- Errani: federalismo fiscale è fondamentale
- Promozione dell’internazionalizzazione
- Al Cipe i fondi Fas
- Regioni, Comuni, Province: tavolo sul federalismo fiscale
- De Filippo: iniquo Fondo carburanti

+T -T
Manovra: lavorare per le giuste correzioni

Errani: verificare i costi della pubblica amministrazione

(regioni.it) “Con l’approvazione definitiva della manovra non possiamo che ribadire che essa è insostenibile, I tagli sono pesanti e gravi ricadranno pesantemente su servizi e imprese - Lo ha dichiarato Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni - Se la Manovra resterà così le conseguenze saranno molto negative. Le Regioni non alzano bandiera bianca ma continuano a lavorare per le giuste correzioni alla Manovra economica, lavorando sempre in base al principio della leale collaborazione istituzionale. 
Per intervenire c’è tempo fino a dicembre, fino all’approvazione della legge di bilancio e di quella finanziaria. Ora si apra un confronto vero e di merito con il Governo, con l’obiettivo di cambiare i pesi quantitativi e qualitativi del decreto 78. 
Un passo essenziale in questa direzione è quello di fare chiarezza sui conti pubblici e in questo senso riteniamo che la manovra oramai approvata non ci sia nessun impedimento alla immediata attivazione alla Commissione mista Stato-Regioni e autonomie che consenta di verificare i costi della pubblica amministrazione, dai ministeri agli enti locali. Commissione non ancora attivata - sottolinea Errani -  nonostante la condivisione recentemente espressa dal Presidente del Consiglio”. 

allegato:
Errani: dichiarazione dopo Conferenza Regioni del 29 luglio 2010

 

 

 

  • Manovra: errani, basta demagogia, tagli insostenibili (2)
  • Federalismo: errani a governo, superare la propaganda
  • Manovra: errani, no a demagogia lavoreremo per cambiare tagli (2)
  • Manovra: errani, basta demagogia, tagli insostenibili
  • Manovra: errani, basta demagogia, tagli insostenibili (2)
  • Manovra: errani, governo mantenga impegni su commissione sprechi
  • Manovra: errani, no a demagogia lavoreremo per cambiare tagli
  • Manovra: errani, basta demagogia, tagli insostenibili

     



    (red/29.07.10)

     

     

  • +T -T
    Errani: federalismo fiscale è fondamentale

    (regioni.it) ''Vogliamo l'applicazione in tutte le sue parti della legge 42 sul federalismo fiscale per noi fondamentale per l'innovazione della pubblica amministrazione, e per la qualita' e l'efficienza dei servizi da erogare ai cittadini''. Così Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni, al termine della Conferenza delle Regioni del 29 luglio. ''Per fare questo -ha detto Errani - occorre definire i costi standard e i livelli essenziali di assistenza (Lea) e i livelli essenziali di prestazione (Lep). I cittadini con il federalismo fiscale devono sapere quali e quanti servizi devono essere erogati dalle diverse amministrazioni; il governo deve assolutamente concordare con noi la definizione di Lep e Lea.
    ''Sui costi standard - ha sottolineato Errani - e' bene che si superino le semplificazioni e i messaggi di propaganda che sono passati in questi mesi: ricordiamo che l'Italia e' agli ultimi posti nei dati Ocse per spesa sanitaria''.
    Constatazione espressa il 28 luglio anche nel corso dell’audizione della Conferenza delle Regioni alla Commissione parlamentare per l'Attuazione del federalismo fiscale. Errani ha espresso forti perplessità sulla considerazione del Governo che la spesa degli enti territoriali, in base a quanto si evince dalla relazione sul federalismo fiscale, siano maggiori della spesa discrezionale dello Stato.
    ''A noi risulta - ha spiegato Errani - che la spesa discrezionale dello Stato non sia di 84 miliardi bensi' di 195 (dati di contabilita' pubblica) contro quella degli enti territoriali che sarebbe di 176 miliardi. E' per questo che noi non condividiamo i numeri fatti dal governo, il federalismo fiscale cosi' per noi e' un albero storto. Si deve rientrare pienamente nel percorso e nello spirito della legge 42 e riattivare quella collaborazione che la stessa legge sancisce''.
    Errani e' poi tornato a parlare delle risorse relative alle competenze trasferite, in base alla Bassanini, alle Regioni: ''quelle risorse - ha ricordato - errano bloccate al '99 con una perdita di valore, a fronte dell'inflazione, del 25,5%. Le regioni non hanno trasferimenti; le nostre fonti di finanziamento sono la Sanita' e appunto le risorse sulle competenze''. Secondo Errani con la manovra si tagliano quelle risorse mettendo in discussione una 'gamba' della legge 42.
    Errani ha puntualizzato anche l’aspetto invalidità e ha fatto presente che se un aumento della spesa in quest'ambito c'e' stata non e' repentina, come sostenuto dal governo ma si sarebbe passati da 6 a 16 miliardi in diciannove anni. Errani ha poi ricordato che le regioni hanno responsabilita' in materia dal 2003 e che fino al 2005 hanno dovuto smaltire il lavoro arretrato che inizialmente svolgevano insieme al ministero dell'Economia e successivamente quest'ultimo lo ha ceduto all'Inps. ''Se sono stati - ha detto Errani - assegni sbagliati abbiamo sempre sostenuto che condividiamo pienamente che si debba intervenire. Voglio pero' ricordare che oltre il 70% dei contenziosi attivati dall'Inps sono stati persi con costi giganteschi''. Errani ha quindi ribadito che le regioni sono disposte a verifiche puntuali senza scaricare inadempienze di cui non sono responsabili.
     
     
    (red/29.07.10)

    +T -T
    Promozione dell’internazionalizzazione

    Conferenza degli Ambasciatori d'Italia

    (regioni.it) “Il presidente Napolitano ha fatto bene a ribadire la competenza esclusiva dello Stato in materia di politica estera. E un ruolo attivo delle Regioni e delle autonomie è positivo e significativo solo all’interno di un quadro istituzionale chiaro e coordinato”. 
    Lo ha detto il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, intervenendo alla Farnesina  alla VII Conferenza degli Ambasciatori d'Italia, nella terza sessione plenaria dedicata a "La promozione del sistema paese".
    “Va rafforzata la promozione dell’internazionalizzazione e lo sviluppo delle attività di cooperazione decentrata, attivando in particolare i programmi Paese, promossi dallo Stato e partecipati dalle Regioni, al fine di migliorare i sistemi di relazioni istituzionali e le opportunità per le nostre imprese in ogni area. E questo è anche un ottimo modo per ottimizzare l’impiego delle risorse e delle competenze sia statali che regionali.
    E’ inoltre necessario procedere a un riforma della legge sulla cooperazione internazionale, per meglio definire i ruoli e responsabilità dei diversi attori istituzionali e non, sviluppando più efficaci azioni di aiuto ai Paesi in via di sviluppo. In questo modo è possibile incrementare l’impegno dell’Italia in funzione del rispetto degli obblighi internazionali, dal quale siamo lontani.
    Altra frontiera fondamentale è quella dell’ integrazione economica europea: e le Regioni sono pronte a costruire reti di Regioni europee per programmi e iniziative che favoriscano lo sviluppo, anche istituzionale, dei sistemi territoriali del continente.
    In questo contesto e considerato il progetto di riforma della Farnesina, occorrerà pensare – ha concluso Errani – ad un vero e proprio patto fra Regioni e Ministero, che rinnovi le intese in corso, per un migliore coordinamento delle attività all’estero”.

     

    (red/29.07.10)

    +T -T
    Al Cipe i fondi Fas

    Polverini, Colozzi, De Filippo

    (regioni.it)  ''Stiamo lavorando sui fondi Fas: c'e' un gruppo di lavoro tecnico ministero-Conferenza delle
    Regioni che sta lavorando per approfondire la delibera che il ministro agli affari regionali Raffaele Fitto portera' domani al Cipe''. Lo ha detto la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, a margine della Conferenza unificata del 29 luglio. ''Insieme a Fitto - ha spiegato la Polverini - stiamo riprogrammando per
    capire come impiegare le risorse europee soprattutto per quelle Regioni che non le hanno utilizzate bene''.
    L'assessore regionale della Lombardia e coordinatore della Commissione affari finanziari della Conferenza delle Regioni, Romano Colozzi, ha sottolineato che ''le regioni hanno presentato una serie di modifiche alla delibera sui fondi Fas che dovra' andare al Cipe; il governo si e' riservato di valutarli'': lo ha spiegato, al termine della Conferenza Stato-Regioni del 29 luglio che ha esaminato la bozza di delibera, che dovra' andare al Cipe.
     ''Io ho fatto notare - ha detto Colozzi – una contraddizione evidente della delibera che prevede una relazione tra lo sblocco delle risorse 2007-2013 e la verifica delle somme spese dalla precedente programmazione, quella 2000-2006. Questo blocco riguarda anche regioni come la Lombardia che ha gia'
    speso il 98% delle risorse assegnate e che spendera' il 100% entro dicembre. Lo blocco delle nuove risorse avviene per noi come per chi ha speso il 27% delle risorse assegnate. Insomma il meccanismo e' penalizzante, come al solito, per chi ha fatto il proprio dovere''.
    Il presidente della Basilicata, Vito De Filippo, ha aggiunto: ''Ci sono tabelle imprecise e procedure non condivisibili''. ''La Basilicata - ha detto De Filippo - e' pronta a fare qualsiasi verifica ma spero che si usino le stesse procedure per valutare i fondi che hanno utlizzato le Regioni e quelle che hanno utilizzato i ministeri''.
     
     
    (red/29.07.10)
     

    +T -T
    Regioni, Comuni, Province: tavolo sul federalismo fiscale

    (regioni.it) Regioni, Comuni e Province chiedono di lavorare insieme al Governo per accelerare l’attuazione del federalismo fiscale.
    ''Abbiamo deciso questo gruppo di lavoro comune - ha detto al termine di un incontro Errani con Chiamparino e Castiglione nella sede dell’Anci a Roma  - per metterci tutti sullo stesso piano per discutere dell'impianto e delle scelte strategiche del federalismo''.
    ''Insieme - ha detto  Sergio Chiamparino, presidente dell’Anci - dovremo cercare di trovare un percorso che ci porti approfondimenti e proposti sulle funzioni e le modalità della perequazione oltre che sui costi standard''.
    Per Giuseppe Castiglione, presidente dell’Upi, il gruppo di lavoro sara' utile per preparare un percorso che porti anche per le province in settembre a definire la loro autonomia tributaria.
    Chiamparino ha aggiunto: "Abbiamo deciso di dar vita a un gruppo di lavoro comune che sciolga i nodi della 42 e di attivare, vediamo se ora o dopo Ferragosto, un tavolo degli enti locali per accompagnare il federalismo fiscale. Lavoreremo per fare una proposta al Governo con l'obiettivo di valutare problemi e accelerare i tempi".
     
    (red/29.07.10)

    +T -T
    De Filippo: iniquo Fondo carburanti

    (regioni.it) Il presidente della Basilicata, Vito De Filippo, ha rappresentato in Conferenza Unificata del 29 luglio l’iniquità del provvedimento per la regione derivante da una bozza di decreto del ministro dell'Economia: Parere sullo schema di decreto interministeriale concernente l’istituzione del Fondo per la riduzione del prezzo dei carburanti nelle Regioni interessate dalla estrazione di idrocarburi liquidi e gassosi, ai sensi dell’articolo 45 della legge 23 luglio 2009, n. 99.
    Ai patentati lucani andrà molto meno “di quello che la Regione Basilicata ha dato con lo sconto-gas, una media di 120 euro a famiglia che, per i nuclei piu' numerosi e a seconda dei casi, e' arrivato fino a 210 euro l'anno'', ha spiegato De Filippo
    Si tratta di ''appena 70 euro di bonus-carburante per ogni patentato'', a cui si aggiunge ''l'impossibilita' di prevedere vantaggi maggiori per le famiglie a basso reddito e per la Basilicata, a differenza delle altre Regioni, la gestione dei fondi fatta direttamente dal ministero con la detrazione dei costi per far realizzare una sorta di carta prepagata, sul modello di quella utilizzata per social-card e col rischio, proprio come in quella esperienza, che le spese di gestione del sistema sottraggano ingenti risorse ai possibili incentivi''.
    ''Se, quindi, nel resto d'Italia le Regioni potranno decidere, come equo che sia, di destinare il bonus alle fasce sociali piu' deboli, escludendo i redditi piu' alti, e graduando l'entita' della somma da erogare, in Basilicata invece - concluso De Filippo - la gestione centralizzata ministeriale fara' avere esattamente la stessa somma, quelle poche decine di euro, sia al disoccupato che al ricco imprenditore, sia all'operaio Sata che al sottosegretario di Stato o al presidente della Regione che, ovviamente, per giustizia e dignita' non la utilizzera', destinando quello scarso pieno di benzina a una onlus''.
    Nel corso della Conferenza Unificata del 29 luglio il punto è stato rinviato dal Governo per approfondimenti.
     
     (red/29.07.10)
    Regioni.it
    periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

    Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

    Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
    Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
    Capo redattore: Giuseppe Schifini
    Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
    via Parigi, 11 - 00185 - Roma
    Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
    Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

    Conferenza Stato-Regioni
    Conferenza Stato-Regioni

    Conferenza delle Regioni e Province autonome
    Conferenza delle Regioni

    Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
    Conferenza Unificata



    Go To Top