Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1662 - lunedì 11 ottobre 2010

Sommario
- Caldoro: federalismo fiscale e sviluppo Sud
- Lazio: sanità, piano di rientro sotto esame
- Lazio: Sentinelli nuovo assessore all'istruzione
- UE: 143 firme per mantenere obiettivo 2
- Governo impugna leggi regionali
- Osservatorio economico regioni Mezzogiorno

+T -T
Caldoro: federalismo fiscale e sviluppo Sud

(regioni.it) Sul federalismo fiscale il presidente della Campania, Stefano Caldoro, il 9 ottobre ha rilasciato un'intervista al “Il Sole 24 Ore” nella quale tra l’altro afferma: “Il virtuosismo non puo' essere l'ente virtuoso in termini di spesa storica. Vanno premiate le performance, i miglioramenti sui singoli comportamenti virtuosi. Se hai capacita' di cambiamento, le performance possono essere valutate nel breve termine''.
''Il federalismo obbliga al cambiamento e per il Sud e' essenziale per diventare davvero competitivo, ma dev'essere equilibrato nel suo avvio per pareggiare le condizioni di partenza'', dice Caldoro. ''Per noi sono centrali due aspetti: il riavvicinamento graduale delle differenze fiscali dei territori e il giusto equilibrio dei costi standard con i livelli essenziali delle prestazioni, i cosiddetti Lea e Lep, che sono uno degli argomenti da definire subito con il governo''.
La Campania, aggiunge Caldoro, sulla sanita' e' penalizzata. ''Oggi il criterio per il riparto dei fondi e' basato
sull'indice dell'eta' della popolazione, quando tutti gli studi dicono che a costare di piu' e' la prevenzione per i giovani e che esistono altri fattori, come gli indici di deprivazione o sull'aspettativa di vita, che invece non vengono considerati''.
Il risultato, spiega Caldoro e' che ''oggi la Campania prende in media 100 euro in meno pro capite della media nazionale: quasi 450 milioni di euro in meno di trasferimenti. Abbiamo un deficit di 700 milioni nel 2009 e siamo commissariati e sotto piano di rientro''.
In un’altra occasione Caldoro ha ribadito che ci vuole un migliore riequilibrio territoriale. Caldoro interviene anche dalle colonne del quotidiano “Il Mattino”:  ''Al Nord ci sono un po' di pregiudizi e tanta paura nei confronti della Campania e del Sud. La verita' e' che loro difendono rendite di posizione, noi abbiamo grandi potenzialita' di crescita e vinceremo la sfida''.
Caldoro ha poi ribadito in un convegno su federalismo e sistema sanitario: ''La legge 42, impalcatura del federalismo, e' una buona norma perche' contiene in se' i giusti principi di opportunita', organizzazione e competitivita'''. E aggiunge: ''cio' che dice il cardinale Bagnasco quando parla disolidarieta' necessaria per garantire equilibrio al Paese''.
Sul fronte della sanita', la Campania con il federalismo ''si gioca una grande partita'', ma non mancano le ''preoccupazioni''.
''Non sono pero' legate ai principi contenuti nella legge - ha precisato Caldoro - quanto alle fasi di avvio del processo''.
Il ''punto forte'' del testo sul federalismo e' il passaggio in cui si evidenzia che vanno ''individuati i costi standard, rapportati ai livelli essenziali delle prestazioni, trovate forse di equilibrio necessario'' e a tutto questo ''si aggiunge poi il fondo perequativo''.
''Nessuna preoccupazione se la legge e' cosi' – ha sottolineato Caldoro - perche' si tratta di tasselli che portano a un equilibrio naturale del sistema''. La preoccupazione nasce quando ''viene a mancare anche uno solo di questi pezzi, gli standard sono basati sulla spesa storica e quindi indici pregressi''.
''In questo caso noi nasciamo con una tara genetica chi ha difficolta' di partenza non le recupera piu'''. Garantire, dunque, condizioni di partenza uguali per tutte le regioni diventa ''un tema centrale nella fase di avvio''.
''La preoccupazione deriva da come si origina la partenza - afferma Caldoro- perche' se la Campania perde circa 100 euro a testa per i trasferimenti in sanita', cio' accade perche' si decise di stabilire che l'indice di riferimento era l'anzianita' della popolazione, senza considerare altri aspetti che pure riguardano la sanita'''.

- domenica 10 ottobre 2010
- sabato 9 ottobre 2010
 
 (red/011.10.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top