Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1669 - mercoledì 20 ottobre 2010

Sommario
- Una delega per la riforma del sistema Conferenze
- Manovra: Upi chiede un incontro urgente a Berlusconi
- Fitto su federalismo, Sud e Fas
- Cota: è finita una pagina non bella
- Rifiuti Napoli: Caldoro, servono volontà e rispetto delle regole
- 4,1 milioni i disabili in Italia

+T -T
4,1 milioni i disabili in Italia

E "il sociale continua ad essere una Cenerentola", sottolinea Lorena Rambaudi

(regioni.it) Sono 4,1 milioni le persone disabili che vivono in Italia, secondo le stime del Censis e della Fondazione Cesare Serono, pari al 6,7% della popolazione. Il Centro studi investimenti sociali lo rende noto e il dato e' frutto della rilevazione a campione effettuata telefonicamente su 1500 persone. Un dato che supera non di poco quello diffuso dall'Istat a maggio scorso: secondo l'Istituto di statistica i disabili in Italia sono 2,6 milioni, pari al 4,8 % della popolazione, numero riferito al 2004, in base all'analisi multiscopo sulle "Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari", integrata con i dati dell'indagine sui "Presidi residenziali socio-assistenziali", che fa riferimento alle persone di eta' superiore ai 6 anni.
"Le disabilità tra immagini, esperienze e emotività” e' il titolo del primo rapporto di ricerca che il Censis dedica all'argomento. Prese a riferimento le conoscenze su quattro tipologie di disabilita' collegate a sindrome di Down, malattia di Parkinson, sclerosi multipla e autismo. Il primo pensiero di fronte a una persona, giovane o adulta, con disabilita' motoria?
Potrebbe aver avuto un incidente per il 68,7% del campione, una malattia dalla nascita per il 14,2%, potrebbe aver contratto una malattia neurologica in eta' adulta per l'11,1%. Una percezione lacunosa e distorta, avverte il Censis. "Sebbene gli incidenti rappresentino una causa frequente di disabilita', il fatto che solo un italiano su dieci pensa a patologie neurologiche (come la sclerosi multipla, l'ictus o la malattia di Parkinson), che invece hanno un peso rilevante nel determinare la disabilita' nelle fasce d'eta' giovanili e adulte, e' sintomo di una percezione riduttiva e deformata".
La maggioranza degli italiani ha una immagine della disabilita' esclusivamente in termini di limitazione del movimento (62,9%), il 15,9% pensa a una disabilita' intellettiva (il ritardo mentale o la demenza), il 2,9% a una disabilita' sensoriale (sordita' o cecita'), mentre il 18,4% associa il concetto a un deficit plurimo, combinazione di due o piu' disabilita'. Le persone disabili suscitano in gran parte degli italiani sentimenti positivi, solidarieta' (per il 91,3%), ammirazione per la loro forza di volonta' e la determinazione che comunicano (85,9%), desiderio di rendersi utili (82,7%). La meta' del campione (50,8%) afferma di provare tranquillità, di fronte a una situazione ritenuta 'normale'. Ma sono diffusi anche sentimenti controversi, imbarazzo e disagio. Il 54,6% degli italiani prova paura, per l'eventualita' di potersi trovare un giorno a dover sperimentare la disabilità in prima persona o nella propria famiglia. Poi c'e' il timore di poter involontariamente offendere o ferire la persona disabile con parole e comportamenti inopportuni (34,6%). Il 14,2% degli italiani afferma di provare indifferenza, perché il problema della disabilità non li tocca minimamente.
“L'accettazione sociale della disabilità è legata alla capacità di presa in carico da parte delle istituzioni''. Livia Turco, della commissione Sanità della Camera dei deputati, e' intervenuta così, a Roma, alla presentazione del rapporto Censis sulla disabilità. “Sul tema della disabilità ho vissuto in prima persona la lontananza della politica dalle famiglie - ha proseguito Turco - e oggi la situazione e' peggiorata perché siamo di fronte alla drammaticità di una totale cancellazione delle politiche sociali, della mancata applicazione della legge quadro 328, dell'assenza di livelli essenziali di assistenza sociale. Nonostante la presenza di un panorama di grande esperienza territoriale - ha concluso - io credo sia aumentata la solitudine delle persone e delle famiglie che vivono una disabilità, specialmente se si tratta di disabilità intellettiva”.
“Il sociale continua ad essere una cenerentola'' ha sottolineato Lorena Rambaudi, coordinatrice della commissione Affari sociali alla conferenza delle regioni e delle province autonome, indicando l'assenza di risorse come il problema principale all'attuazione di progetti per sopperire ai bisogni delle persona con disabilità. ''La maggiore criticità - ha precisato - e' costituita dalla compartecipazione alla spesa su cui Governo e Regioni dovrebbero riflettere e fare sistema''.
 
 
(red/20.10.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top