Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1672 - lunedì 25 ottobre 2010

Sommario
- Due giorni di Conferenza straordinaria
- Federalismo: Calderoli, Fini, Bossi
- Consiglio Ministri 22 ottobre approva 4 decreti legislativi
- Istat: Conoscere l'Umbria
- Casa: cedolare secca, per l'Anci non basta
- La "lingua sarda" a scuola

+T -T
Istat: Conoscere l'Umbria

(regioni.it) Promosso dall'Istat è stato pubblicato l'annuario "Conoscere l'Umbria", che è stato realizzato in sinergia con i gruppi di lavoro istituiti presso gli uffici di statistica delle Prefetture di Perugia e di Terni, con la collaborazione degli uffici di statistica dei Comuni e di altri enti territoriali, nonché con l'apporto di diversi soggetti pubblici e non, situati sul territorio.
Si cerca così di realizzare un coerente sistema territoriale di informazioni locali.
Nell’anno scolastico 2008/09 sono 2.453 i bambini che frequentano l'asilo nido (l’11,0 per cento della popolazione da 0 a 2 anni) e 22.823 quelli iscritti alla scuola dell’infanzia. Gli alunni delle scuole primarie ammontano a 37.270 (ogni classe è costituita in media da 17,3 alunni); gli studenti delle scuole secondarie di primo grado sono 22.804 (21,1 per classe), quelli delle scuole secondarie di secondo grado 37.566 (20,2 studenti per classe). Di questi ultimi il 43,7 per cento frequenta un liceo, il 31,2 per cento un istituto tecnico, il 20,2 per cento un istituto professionale e il restante 4,9 per cento un istituto magistrale o artistico.
Nell’anno scolastico 2008/09 gli studenti con cittadinanza straniera iscritti sono 14.726 (il 12,2 per cento del totale degli studenti iscritti), in crescita del 7,6 per cento rispetto all’anno precedente.
Nell’anno accademico 2008/09 gli iscritti all’Università degli Studi di Perugia sono 30.854 (-5,5 per cento rispetto al 2007/08): il 92,4 per cento frequenta un corso del nuovo ordinamento, il 7,5 per cento un corso di laurea del vecchio ordinamento universitario ed appena lo 0,1 per cento un corso di diploma universitario. La quota di studenti fuori corso è pari al 36,9 per cento tra gli iscritti a corsi di primo livello e al 26,5 per cento per coloro che frequentano un corso di laurea specialistica o a ciclo unico.
Nel corso del 2008 i ricoveri registrati in regime ordinario nelle strutture ospedaliere pubbliche ammontano a 105.732 (-0,6 per cento rispetto al 2007), mentre il numero di posti letto, rilevato al 1° gennaio, è di 2.341 (-1,4 per cento rispetto al 2007). I pazienti ricoverati nelle case di cura private sono 5.307 (+1,6 per cento) a fronte di 199 posti letto. Nelle strutture pubbliche i posti letto vengono utilizzati per una quota pari all’86,1 per cento della loro potenzialità (84,5 per cento nel 2007), mentre la durata media dei ricoveri è pari a 6,7 giorni (6,6 nel 2007). Nelle strutture private il tasso di utilizzazione dei posti letto è del 28,3 per cento, mentre la degenza media si attesta a 3,9 giorni.
La spesa farmaceutica nel 2008 è di 172.169,61 migliaia di euro (-1,9 per cento rispetto all’anno precedente), 193,59 euro per abitante. Il 93,2 per cento della spesa totale è a carico del servizio sanitario nazionale (94,2 per cento nel 2007).
Al 31 dicembre 2008 sono 259.329 le pensioni erogate dall'Inps per prestazioni previdenziali (il 78,4 per cento del totale delle pensioni erogate), per un importo medio mensile di 726,87 euro; il 58,8 per cento è costituito da pensioni di vecchiaia, il 16,0 per cento da pensioni di invalidità e il 25,2 per cento da quelle di reversibilità. Rispetto al 2007 si registra un incremento delle pensioni di vecchiaia (+1,1 per cento) e una diminuzione di quelle percepite per invalidità (-5,9 per cento). In Italia le pensioni previdenziali rappresentano l’81,1 per cento del totale delle pensioni erogate dall’Inps, di cui il 62,7 per cento è costituito da pensioni di vecchiaia, l’11,5 per cento da pensioni di invalidità e il 25,8 per cento da pensioni di reversibilità.
Nel 2008 le pensioni assistenziali ammontano a 71.581 (importo medio pari a 401,17 euro), ossia il 21,6 per cento del totale delle pensioni erogate dall’Inps (18,9 per cento in Italia). Il 18,5 per cento è costituito da pensioni e assegni sociali e l’81,5 per cento da prestazioni a invalidi civili (rispettivamente 23,8 per cento e 76,2 per cento in Italia). Rispetto all’anno precedente, in Umbria le prestazioni per invalidi civili crescono del 20,5 per cento, mentre le pensioni e gli assegni sociali mostrano una crescita moderata di appena l’1,5 per cento.
 
Volume e tavole
PDF (2972 kbyte)
Nota per la stampa
PDF (85 kbyte)

 

 
 
 
 (red/25.10.10)



 
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top