Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1703 - venerdì 10 dicembre 2010

Sommario
- De Siervo Presidente della Corte Costituzionale
- Il trasporto pubblico locale e la riduzione delle risorse
- Regioni: proposta per un patto per la difesa del welfare
- Regioni ed enti locali su riparto fondo Consiglieri di parità
- Conferenza Stato-Regioni del 7.10.10: documenti on line
- Conferenza Unificata 7.10.10: documenti on line

+T -T
De Siervo Presidente della Corte Costituzionale

Maddalena è il Vicepresidente

(regioni.it) Ugo De Siervo il nuovo presidente della Corte Costituzionale. La sua elezione e' avvenuta stamani al ballottaggio. De Siervo, nominato giudice costituzionale nel 2002 dal Parlamento, terminerà il suo mandato a Palazzo della Consulta il 29 aprile del 2011. Il neo eletto presidente della Corte Costituzionale, Ugo De Siervo, ce l'ha fatta sull'altro candidato, Alfonso Quaranta, per un solo voto.  Nello scrutinio del ballottaggio, De Siervo ha avuto otto voti contro i sette di Quaranta.
Sessantotto anni, sposato e con quattro figli, Ugo De Siervo è nato a Savona ma è fiorentino di adozione. Si e' laureato nel 1965 con 110 e lode alla Facoltà di giurisprudenza dell'Università di Firenze, dove nel 1969 diventa assistente ordinario di diritto costituzionale.
Nel 1972 diventa professore incaricato nella Facoltà di giurisprudenza di Sassari e poi di Firenze, mentre nel 1976 vince il concorso a cattedra di diritto pubblico e va ad insegnare nelle Università di Salerno e Firenze. Attualmente è professore (in aspettativa) di diritto costituzionale presso la Facoltà di giurisprudenza di Firenze.
Coordinatore del dottorato di ricerca in diritto pubblico presso l'ateneo fiorentino dal 1982 al 1993, è stato direttore di numerosi gruppi di ricerca in vari settori del diritto costituzionale e del diritto delle regioni e degli enti locali.
E' autore di molti scritti di storia costituzionale, sistema delle fonti, liberta' e diritti costituzionali, sistema regionale, processo di costituzionalizzazione dell'Europa. De Siervo e' stato componente dal 1970 al '74 del Comitato regionale di controllo (Coreco) della Toscana, dal 1986 al 1993 del Consiglio superiore della pubblica amministrazione, dal 1997 al 2001 del Garante per la protezione dei dati personali. Nel 1988 e' stato inserito nell'elenco entro cui eventualmente sorteggiare i giudici aggregati della Corte costituzionale nei casi di giudizi penali.
Il Parlamento lo ha nominato giudice costituzionale su indicazione del centrosinistra il 24 aprile 2002. Il suo mandato novennale alla Consulta scadrà il 29 aprile del 2011. Tra le numerose sentenze scritte come giudice costituzionale, quelle sul conflitto tra Stato e Regioni sul nucleare sono tra le più recenti.
Il Presidente della Corte costituzionale ha designato il giudice costituzionale Paolo Maddalena a sostituirlo in caso di impedimento con il titolo di Vice presidente.
Paolo Maddalena ha sessantaquattro anni, napoletano, laureato in Giurisprudenza con il massimo dei voti presso l'Università degli Studi di Napoli nel 1958 dove comincia la sua carriera presso il ministero dell'Interno con l'incarico di consigliere di Prefettura. Entra nella magistratura della Corte dei Conti nel 1971. Dopo i primi otto mesi e mezzo trascorsi presso la delegazione di Potenza, viene destinato alla Procura generale, contenzioso contabile, dove presta servizio fino alla nomina di Procuratore regionale del Lazio, nel 1995. Nel 2000 viene nominato presidente per la Sezione giurisdizionale della Sardegna.
La problematica ambientale e i suoi risvolti in fatto di responsabilità amministrativa e di danno pubblico hanno contraddistinto la sua attività. Nel lungo periodo di lavoro presso la procura generale della Corte di Conti, ad esempio, Maddalena ha lavorato agli atti relativi ai fanghi rossi di Scarlino, al 'mostro di Fuenti', al lago di Nemi. Negli stessi anni ha inoltre fatto parte del gruppo di studio 'Ecologia e territorio' istituito presso la Corte di Cassazione. Prima di entrare in magistratura contabile ha conseguito la libera docenza di Istituzioni di diritto romani presso l'Università di Napoli, e successivamente ha superato le prove di concorso per professore associato di di Diritto costituzionale e Istituzioni di diritto pubblico. Ha tenuto corsi e insegnato alle Università di Pavia, mentre a quella di Viterbo ha vinto un concorso in sede europea che lo ha portato ad essere titolare della cattedra Jean Monnet di 'Diritto della Comunità europea per il patrimonio culturale e ambientale' per circa un quindicennio. La Corte dei Conti lo ha eletto giudice costituzionale nel luglio del 2002, e il suo mandato novennale alla Corte scadrà il prossimo luglio.
 
(red/10.12.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top