Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1704 - lunedì 13 dicembre 2010

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 16 Dicembre
- Semplificazione e sviluppo: alleanza Conferenza Regioni-UnionCamere
- Piano Infanzia: mancano riferimenti finanziari
- Beni culturali: Assessori Regioni chiedono confronto a Ministro
- Agricoltura: Assessori ribadiscono no a coltivazioni OGM
- Il testo del Protocollo Regioni-Unioncamere

+T -T
Il testo del Protocollo Regioni-Unioncamere

Conferenza Regioni Doc 18.11.10

(regioni.it) Il Protocollo d’intesa Unioncamere-Regioni, approvato dalla Conferenza delle Regioni  il 18 novembre 2010, è stato sottoscritto e diffuso l’11 dicembre 2010.
Il testo del protocollo è statopubblicato nella sezione “conferenze” del sito www.regioni.it ed il link è:
Si riporta di seguito il testo integrale
tra
Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, di seguito Conferenza, con sede in Roma, via Parigi n. 11, nella persona del Presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani
e
L'Unione Italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, di seguito UNIONCAMERE, con sede in Roma, Piazza Sallustio n. 21, in persona del Presidente e legale rappresentante Ferruccio Dardanello
PREMESSO CHE
La Conferenza, sede di coordinamento e di confronto dei Presidenti delle Regioni
• definisce e promuove posizioni comuni su temi di interesse delle Regioni, elabora documenti e proposte al fine di rappresentarle al Governo e al Parlamento e agli altri organismi centrali delle Stato e alle istituzioni comunitarie;
• predispone pareri e basi di intesa in osservanza della legislazione vigente;
• favorisce iI raccordo con le autonomie locali a livello nazionale.
L'UNIONCAMERE, ente con personalità giuridica di diritto pubblico, ai sensi dell' art.7 della legge 29 dicembre 1993 n. 580, come modificata dal d.lgs. 15 febbraio 2010, n. 23, e del proprio statuto:
• cura e rappresenta iI sistema delle Camere di Commercio, alle quali sono attribuite funzioni di interesse generale per iI sistema delle imprese e per la promozione dello sviluppo locale;
• promuove, realizza e gestisce, direttamente 0 per il tramite delle proprie aziende speciali, nonché mediante la partecipazione ad organismi anche associativi, ad enti, a consorzi e a societa anche a prevalente capitale privato, servizi e attività di interesse delle camere di commercio e delle categorie economiche;
• esercita, altresì, le funzioni eventualmente delegate dal Ministero dello sviluppo economico;
• al fine del coordinamento delle iniziative, stipula con le amministrazioni centrali delle Stato, anche autonome, 0 con enti pubblici nazionali 0 con le Regioni, accordi di programma, intese, convenzioni, in rappresentanza dei soggetti del sistema camerale, che sono chiamati ad attuarli;
• formula direttive e indirizzi agli organismi del sistema camerale per I'esercizio delle loro funzioni, fatte salve le funzioni di indirizzo delle competenti autorità statali e regionali.
Il S1STEMA CAMERALE e definito dall'art.1 comma 2 della L.580/1993, come modificata dal d.lgs. n. 23/2010, ove si stabilisce che «Le camere di commercio italiane, le unioni regionali delle camere di commercio, l'UN10NCAMERE, nonché i loro organismi strumentali costituiscono il SISTEMA CAMERALE italiano. Fanno parte altresì del sistema camerale italiano le camere di commercio italiane all'estero e estere in Italia legalmente riconosciute dallo Stato 1taliano».
CONSIDERATO CHE
• con la legge costituzionale n. 3/2001 le Regioni hanno rafforzato le loro prerogative in materia di sviluppo locale e di sostegno al sistema delle imprese, diventando titolari di una competenza legislativa residuale in materia di agricoltura, artigianato, commercio, industria e di una competenza legislativa concorrente in materia di commercio con I'estero e sostegno all'innovazione nei settori produttivi;
• la riforma dell'ordinamento delle Camere di commercio, di cui al digs 23/2010, ha riconosciuto le Camere di commercio quali «enti pubblici dotati di autonomia funzionale» che svolgono funzioni di interesse generale per iI sistema delle imprese ispirandosi al principio di sussidiarietà di cui all’art. 118 Cost.;
• la riforma ha rafforzato iI ruolo e incrementato le competenze delle Camere di commercio, sia valorizzando iI sistema camerale nel panorama istituzionale del Paese, sia potenziando forme di raccordo tra le Camere e i vari livelli di governo, riconoscendole cosl quali parti attive in un dialogo collaborativo con le altre istituzioni statali, regionali e provinciali;
• con la riforma è stato potenziato iI collegamento tra I'attività delle camere di commercio e le politiche di sviluppo delle altre amministrazioni, tra cui le Regioni, prevedendo espressamente, all'articolo 2, comma 7, della L. 580/1993 e successive modificazioni, che la programmazione degli interventi delle camere di commercio in favore del sistema delle imprese e dell'economia e formulata in coerenza anche con la programmazione delle Regioni;
• il raccordo tra i livelli di governo e iI sistema camerale e garantito, a livello istituzionale, dalla presenza nell'organo di amministrazione dell'Unioncamere di tre rappresentanti designati dalla Conferenza Unificata;
• la riforma ha, inoltre, rafforzato le Unioni Regionali avvalorandone iI ruolo di veri e propri interlocutori istituzionali nei rapporti con le Regioni territorialmente competenti, con le quali sono stati gia sottoscritti alcuni specifici protocolli di intesa che declinano le attività di supporto e promozione dell'attività di impresa.
TUTTO CIO' PREMESSO
La Conferenza e l'Unioncamere convengono quanto segue:
Art. 1
(obiettivi generali)
La Conferenza e l'Unioncamere, richiamate le premesse della presente intesa, avviano un percorso di collaborazione e confronto permanente tra iI sistema camerale e le regioni al fine di perseguire gli obiettivi della semplificazione del contesto normativo di riferimento per I'attività di impresa e di una maggiore integrazione degli interventi a sostegno delle imprese e delle economie locali, in coerenza con la programmazione regionale.
Le tematiche oggetto del confronto sono definite dall'articolo 2 del presente protocollo.
Art 2
(aree di intesa)
La Conferenza e l'Unioncamere si impegnano ad individuare congiuntamente proposte che consentano un piu efficace rapporto tra le imprese e la pubblica amministrazione, al fine di garantire la crescita e 10 sviluppo del tessuto imprenditoriale.
In particolare, le Parti perseguono obiettivi di:
• semplificazione degli adempimenti e delle procedure amministrative per I'avvio dell'attivita di impresa ed attuazione della riforma delle sportello unico per le attività produttive;
• collaborazione per 10 sviluppo del settore distributivo-commerciale e dei servizi, anche attraverso l'lndis, Istituto Nazionale Distribuzione e Servizi, organismo tecnico di Unioncamere;
• individuazione e incentivazione dello sviluppo locale, in particolare con interventi volti a facilitare I'accesso al credito e la promozione deli'internazionalizzazione delle imprese.
Art. 3
(procedure di attuazione)
Allo scopo di definire congiuntamente le azioni da porre in essere e di verificare 10 stato di attuazione delle finalità predette, le Parti istituiscono un Tavolo tecnico di coordinamento, composto da tre membri indicati da Unioncamere e tre membri individuati dalla Commissione Attività produttive della Conferenza.
Il Tavolo opera secondo una agenda dei lavori e priorita individuate in sede politica e può richiedere la costituzione di specifici gruppi di lavoro composti dai rappresentanti tecnici delle rispettive amministrazioni.
Possono essere invitati a partecipare ai lavori tecnici altri soggetti istituzionali e/o rappresentanti delle forze economiche e sociali.
II Tavolo riferisce in sede politica alia Commissione Attivita produttive della Conferenza delle Regioni e al Comitato esecutivo di Unioncamere, con cadenza almeno semestrale, delle risultanze dei lavori e formula eventuali proposte di aggiornamento 0 modifica del presente protocollo.
Art. 4
(attuazione riforma delle Camere di Commercio)
Ferma restando la competenza del Ministero dello 5viluppo Economico, le Parti ritengono opportuno avviare anche un confronto permanente sull'attuazione della riforma del sistema camerale.
Art. 5
(durata)
Il presente protocollo di intesa ha validità triennale decorrente dalla sua sottoscrizione e si intende rinnovato per 10 stesso periodo qualora non venga disposto diversamente dalle Parti.
La sua validita e in ogni caso prorogata per iI tempo necessario a consentire il completamento delle attività, che alla scadenza del triennio risultassero ancora in corso.
Roma,  lì 10 dicembre 2010-12-13
Per la Conferenza
Vasco Errani
Per UNIONCAMERE
Ferruccio Dardanello
 
(red/13.12.10)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top