Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 1901 - lunedì 17 ottobre 2011

Sommario3
- Molise: primi dati elezioni regionali
- Incidenti black bloc a Roma: Polverini, Formigoni, Zaia
- Conferenza Unificata il 20 ottobre: ordine del giorno
- Ritorno all'Ici: Bonanni, Errani, La Loggia
- Caldoro e Cappellacci su fondi europei
- Caritas: rapporto sulla povertà

+T -T
Molise: primi dati elezioni regionali

Cala affluenza alle urne

(regioni.it) Alle elezioni regionali del Molise ha votato il 59,79% degli aventi diritto. I seggi si sono chiusi alle ore 15,00. Il calo dell’affluenza alle urne è il primo dato sicuro.

Cinque anni fa la media fu del 65,09%: si è registrato quindi un calo di 5,3 punti percentuali.

 

I risultati dopo 14 sezioni scrutinate su 392:

- Michele Iorio (Centrodestra): 55,40%

- Paolo Di Laura Frattura (centrosinistra): 40,81%

- Antonio Federico (Movimento 5 stelle): 2,15

- Giovancamine Mancini (La destra): 1,62.

 

Elezioni regionali in Molise

Domenica 16 e lunedì 17 ottobre elezione del presidente della giunta regionale e del consiglio regionale
                        Aperta da lunedì la Sala stampa nella prefettura di Campobasso
I dati sull'affluenza alle urne e sullo scrutinio



( red / 17.10.11 )

+T -T
Incidenti black bloc a Roma: Polverini, Formigoni, Zaia

(regioni.it) Rispetto agli incidenti di sabato a Roma il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, dichiara: “Oggi facciamo i conti con i danni delle devastazioni. Quello che resta della giornata di folle violenza di ieri offende questa città e quanti, lavoratori, persone in difficoltà, movimenti indignati come quello pacifico di ieri, che da sempre manifestano senza violentare il patrimonio pubblico e rispettando i cittadini”.
“Per tutte queste ragioni – sottolinea Polverini - occorre dare un segnale forte, punendo severamente chi si è reso responsabile di questo scempio che lascia romani e turisti con esercizi commerciali distrutti, stazioni metropolitane devastate, macchine bruciate da teppisti che con troppa facilità si sono infiltrati nella manifestazione pacifica e che le forze dell’ordine hanno affrontato con professionalità”.
“I cittadini – conclude Polverini - pagano due volte il prezzo di una violenza barbara, ieri con la paura, oggi con i danni, di cui qualcuno dovrà risarcirli”.
Per il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni "Le manifestazioni e gli incidenti di ieri pongono alla nostra riflessione due ordini di problemi: innanzitutto quello della violenza brutale gratuita ricercata fine a se stessa che ormai da tempo gruppi organizzati pongono in atto con l'evidente intento di distruggere qualsiasi cosa si ponga loro davanti e di fare violenza a chi si opponga". Lo dichiara. "E' un problema - avverte Formigoni - soprattutto italiano e ad esso bisogna rispondere con forza, con una forza che sappia arrivare alla dura punizione di tutti i colpevoli, nessuno escluso, e si ponga l'obiettivo di prevenire, visto che le distruzioni di questi mesi hanno comportato danni gravissimi a persone e a cose".
"C'è poi - prosegue Formigoni - un secondo problema, distinto dal primo, che è dato dalla protesta sociale che ieri ha visto accomunati manifestanti in centinaia di città del mondo. Su questo tema si deve aprire una riflessione in tutte le componenti della società, nella politica ma anche nella finanza, nell'economia, nel mondo delle banche, dell'imprenditoria e della cultura, ed è una riflessone che ha specifici aspetti italiani ma anche aspetti europei e infine una dimensione che riguarda l'intero occidente. E' una riflessione che va aperta da subito, non prolungando oltre un ritardo che dura da mesi". "E su un tema così delicato - conclude Formigoni - le risposte andranno necessariamente trovate, meglio prima che poi.
L'alternativa è una coesione sociale che rischia di spappolarsi e allora sarebbero guai seri per tutti".
Il presidente del Veneto Luca Zaia, riferendosi ai devastanti eventi a Roma ha sostenuto innanzitutto la totale e incondizionata solidarietà agli agenti di Polizia e ai Carabinieri che hanno rappresentato “un saldo presidio alla vita democratica italiana”.
“In particolare – ha aggiunto Zaia – ricordo le decine di appartenenti alle forze di Polizia che sono rimasti feriti e il carabiniere infartuato. Ma ricordo anche che i ferimenti sono avvenuti durante vere e proprie azioni di guerriglia, dove dall’altra parte non c’erano semplici manifestanti ma appunto guerriglieri, armati di tutto punto e scesi per le strade con la volontà di far male e di uccidere”.
“Dobbiamo all’intelligente e accorta saggezza con cui sono state gestite le forze dell’ordine – ha detto ancora Zaia – se oggi non siamo costretti a piangere delle vittime. Nessuno deve mai mettere in discussione l’esercizio della critica alla politica o alle istituzioni o, come successo ieri, ai mercati e a chi li manovra. Per gli altri, per i guerriglieri vestiti di nero, c’è invece solo un auspicio: una lunga detenzione nelle patrie galere e, magari, il reale rimborso di tutti i danni provocati”.
"Siamo vicini – sottolinea Polverini - a chi ha manifestato pacificamente e ai romani che hanno visto sfregiare la citta' da una minoranza di teppisti e delinquenti che non possono restare impuniti, come troppo spesso accade. Questi violenti vanno individuati e devono rispondere degli atti inaccettabili di cui si sono resi responsabili. La devastazione cui abbiamo assistito e' una ferita per questa citta' e per tutti quei movimenti che sostengono legittimamente le proprie rivendicazioni senza ricorrere a forme di violenza".

 

 

                             

[Lazio] INDIGNATI. POLVERINI: “OCCORRE DARE UN SEGNALE FORTE PUNENDO SEVERAMENTE I RESPONSABILI”

     

[Lombardia] INDIGNATI.FORMIGONI:PUNIRE VIOLENTI, RISPONDERE A PROBLEMI

     

[Veneto] INDIGNATI. ZAIA: UN GRAZIE ALLE FORZE DELL’ORDINE E LA GALERA AI GUERRIGLIERI

     

[Lazio] INDIGNATI, POLVERINI: “VIOLENZA INAUDITA E INTOLLERABILE”

     

[Lazio] INDIGNATI, POLVERINI: ""SOLIDARIETA' A FORZE DELL'ORDINE, AFFRONTATE FOLLIA E VIOLENZA CON PROFESSIONALITA' E GRANDE IMPEGNO"

     

[Umbria] “indignati d’italia”, assessore regionale vinti sabato 15 a manifestazione roma

 



( red / 17.10.11 )

+T -T
Conferenza Unificata il 20 ottobre: ordine del giorno

(regioni.it) E’ stata convocata in seduta straordinaria la Conferenza Unificata per il giorno 20 ottobre 2011 (ore 14.00 presso la Sala riunioni del I piano di Via della Stamperia, n. 8, in Roma) con il seguente ordine del giorno:

1)           Parere sullo schema di decreto legislativo di attuazione dell'articolo 30, comma 9, lett. e), f) e g) della legge 31 dicembre 2009, n. 196 in materia di procedure di monitoraggio sullo stato di attuazione delle opere pubbliche, di verifica dell'utilizzo dei finanziamenti nei tempi previsti e costituzione del Fondo opere e del Fondo progetti. (ECONOMIA E FINANZE)

Parere ai sensi dell'articolo 9. comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997. n. 281.



17/10/2011 Convocata in seduta straordinaria la Conferenza Unificata per il giorno 20 ottobre 2011



( red / 17.10.11 )

+T -T
Ritorno all'Ici: Bonanni, Errani, La Loggia

(regioni.it) L'esenzione dell'Ici dalle abitazione principali costituisce nel confronto internazionale un'anomalia del nostro ordinamento tributario. Lo hanno sostenuto i rappresentanti della banca d’Italia in Audizione al Parlamento.
Per il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, una eventuale reintroduzione dell'Ici deve prevedere l'esenzione per chi ha una sola casa di proprietà. Bonanni ha partecipato insieme ad Errani ad un convegno sul federalismo organizzato a Bologna dalla Cisl.
Il presidente della regione Emilia Romagna sostiene di essere d’accordo con l’ipotesi di un possibile ritorno all’Ici, ma “con l’esenzione dei redditi più bassi, in modo da costruire un meccanismo di equità”.

"L'Ici e' stata tolta completamente - ha sottolineato Errani - anche per quelli che avevano un reddito altissimo. In tutti i Paesi avanzati un prelievo sull'immobile, come dice la Banca d'Italia, e' un prelievo che lega alla dimensione comunale e territoriale". 
''Il ministro Calderoli ci ha assicurato che entro ottobre arrivera' il correttivo al Federalismo municipale'', ha annunciato Enrico La Loggia, presidente della Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale.
Per quanto riguarda i contenuti ''vedremo'', ci saranno sicuramente ''Tarsu, Tia e Servizi locali''. Per quanto riguarda una eventuale reintroduzione dell'Ici, come richiesto da Bankitalia, La Loggia ha ricordato che  ''per noi la prima casa deve essere esente. Si dovrebbe vedere come trovare un meccanismo equo per vedere come fare lasciando fuori la prima casa. Con la service tax si potrebbe trovare''.

 



( red / 17.10.11 )

+T -T
Caldoro e Cappellacci su fondi europei

Dotazione complessiva Por Calabria Fesr

(regioni.it) Il  presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, annuncia che nei prossimi giorni prevede un incontro "informale" con i vertici delle strutture della Commissione europea, "per mostrare loro quello che di buono stiamo facendo".
Caldoro spiega: "Dobbiamo recuperare credibilita' con l'Europa", “abbiamo avuto problemi per il blocco delle risorse e sanzioni legate ai rifiuti nel 2008''.
Saranno così portati alla Commissione "i dati delle performance straordinarie fatte nell'arco di un anno relative alle certificazioni delle risorse spese che ci avevano contestato".
"Abbiamo le credenziali per essere affidabili agli occhi dell'Europa che vuole controllare come vengono spesi i fondi, che sono risorse dei contribuenti europei".
Mentre per la Calabria, l'assessore Giacomo Mancini, ha sostenuto che ''la dotazione finanziaria complessiva del Por Calabria Fesr 2007/2013 e' pari a 2.998.240.052. Una cifra molto ingente attraverso la quale la Calabria puo' ambire a definire un percorso che garantisca a tutta la nostra comunita' un nuovo sviluppo''.
Infine un appello unanime e' stato lanciato  dai rappresentanti delle isole europee per prevedere, nei nuovi regolamenti che disciplineranno l'utilizzazione dei fondi comunitari fino al 2020, la tutela della specificita' insulare.
 “L’obiettivo è il riconoscimento di una condizione di piena ed effettiva specialità per le Isole”, ha dichiarato il presidente della regione Sardegna Ugo Cappellacci. “Per perseguire tale finalità – ha aggiunto Cappellacci - occorre esercitare ora le necessarie iniziative politiche e cogliere l’occasione rappresentata dalla fase che stiamo attraversando. Infatti, le Istituzioni europee sono attualmente impegnate nella definizione delle nuove regole della politica regionale di coesione, da cui dipende la definizione del quadro finanziario delle risorse che saranno assegnate a i vari territori europei. Va apprezzata l’istituzione delle Regioni intermedie, tra le quali oggi rientra la Sardegna, ma occorre enucleare rispetto alle altre la questione insularità nel suo complesso affinché le misure ad esse collegate possano avere il massimo grado di effettività.”



( red / 17.10.11 )

+T -T
Caritas: rapporto sulla povertà

11/o rapporto Caritas-Fondazione Zancan

(regioni.it) Rapporto Caritas sulla povertà: in quattro anni (2007-2010) sono aumentate dell'80,8% le richieste di aiuto economico rivolte ai Centri di Ascolto delle Caritas Diocesane. Nell'11/o rapporto Caritas-Fondazione Zancan si evidenzia come siano aumentate del 19,8% (69,3% al sud) le persone che si sono rivolte ai centri.
Fra gli italiani, con un +42,5% l'incremento maggiore delle persone che si sono rivolte ai centri mentre fra gli stranieri si e' avuto il +13,9%.
Al primo posto la poverta' economica, seguono l'occupazione e la casa, poi i problemi familiari.
Nel 2008 la spesa sociale complessiva pro capite  piu' alta e' stata quella della Provincia autonoma di Trento (280,52  euro), seguita dalla Valle d'Aosta (262,98), dal Friuli Venezia Giulia (211,15) e dalla Provincia autonoma di Bolzano (209,15).
Secondo i  dati Istat, elaborati dalla Fondazione Zancan, agli ultimi posti per  spesa sociale pro capite ci sono invece Calabria (30,33), Molise  (41,32), Campania (53,69), Puglia (55,16) e Basilicata (57,77).
Riguardo alla spesa destinata alle persone con disagio  economico, nel 2008, quella piu' alta si e' registrata in Sardegna  (51,04), Friuli Venezia Giulia (44,94) e Piemonte (40,80) mentre  risulta piu' bassa in Calabria (4,74), Abruzzo (8,22), Basilicata  (9,43) e Molise (9,51).
Per le persone povere, invece, nel 2008 hanno speso di piu'  Friuli Venezia Giulia (28,58), Provincia autonoma di Bolzano (19,44),  Sardegna (19,38), Provincia autonoma di Trento (17,68), Lazio (12,56).

 

Caritas Italiana Fondazione «E. Zancan»

 »

http://www.caritas.it/templates/0/Benvenuti.asp



( red / 17.10.11 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top