Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 1969 - giovedì 9 febbraio 2012

Sommario3
- Emergenza maltempo: il sistema Paese c’è
- Maltempo: Governo garantirà risorse
- Emergenza maltempo: Spacca, Marini, Polverini, Caldoro, Vendola
- Cancellieri: modifica legge 10/11 sulla Protezione civile
- Formigoni: rimpasto della Giunta regionale lombarda
- Sport: confronto Gnudi - Assessori

+T -T
Emergenza maltempo: il sistema Paese c’è

(regioni.it) Il sistema Paese c’è. Lo ha sottolineato Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni, al termine dell'incontro con il governo a Palazzo Chigi sull’emergenza maltempo.
''Stop a tutte le polemiche – ha sostenuto Errani in conferenza stampa congiunta con Governo ed Enti locali - di fronte abbiamo un fine settimana di emergenza. Ora tutte le realtà territoriali e statali lavoreranno in rete. L'emergenza verrà affrontata anche in relazione alla copertura degli avvenimenti e per la gestione delle reti''.
Le previsioni, ha detto Errani, ''parlano di disagi e questo va detto ai cittadini'', per questo ''voglio ringraziare ai tanti uomini e donne che stanno lavorando, dai vigili del Fuoco ai sindaci, dai volontari alla Protezione Civile. E nessuno – ha sottolineato Errani - scarichi il barile da un'altra parte''.
''La legge 10 deve essere riformata perchè non consente un'efficace gestione delle emergenze. Nessuno vuole tornare a una Protezione Civile che gestisce eventi sportivi, ma che sappia affrontare in tempo reale le emergenze''.
Errani ribadisce che ''i cittadini debbono sentirsi in una situazione in cui percepiscono l'intervento. E ora e' importante gestire questa fase''.
''Per questa emergenza la copertura c'e': quindi per l'attivita' dei sindaci, delle realta' regionale e per il dipartimento della Protezione Civile. Poi, piu' in la', verificheremo l'entita' della copertura'', ha detto sempre Errani affianco al ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri.
''Le prime cose da affrontare sono le persone, il rifornimento delle medicine e il trasferimento nelle strutture sanitarie – ha aggiunto il presidente della Conferenza delle Regioni - senza dimenticare naturalmente la viabilità, che deve essere garantita''.

http://www.governo.it/
FILE AUDIO INTERVENTO ERRANI IN CONFERENZA STAMPA: http://www.regioni.it/it/show-file_audio_maltempo_lintervento_del_presidente_errani_all_conferenza_stampa_del_9_febbraio_a_palazzo_chigi/news.php?id=241282



( red / 09.02.12 )

+T -T
Maltempo: Governo garantirà risorse

Interventi di Colozzi, Chiodi, De Filippo, Iorio

(regioni.it) Il governo garantirà le risorse per aiutare Regioni ed enti locali a far fronte alla nuova ondata di maltempo.
Romano Colozzi - assessore al Bilancio della Lombardia e coordinatore della Commissione Affari  finanziari della Conferenza delle Regioni – dichiara: "Mi sembra ci sia una grande volonta' di collaborazione di tutti i livelli".
"Si e' deciso di cambiare, di rimettere mano alla legge  10/2011", ha sottolineato Colozzi spiegando che la riunione e' servita a "garantire un assoluto coordinamento" e la "certezza di copertura da parte del governo delle spese dell'emergenza, quando sarà possibile quantificarle''.
Mentre il presidente della Regione, Gianni Chiodi, ha spiegato dopo l’incontro con il governo a Palazzo Chigi: ''Il Consiglio dei Ministri del 14 febbraio sancira' che le spese per l'emergenza neve sostenute e da sostenere saranno pagate dallo Stato. Il sindaco e i Presidenti di Regione, con questa garanzia, possono organizzarsi al meglio senza doversi preoccupare degli aspetti finanziari.
Per gli eventuali danni da risarcire, per ora, la risposta del governo nazionale e' negativa''.
''Insisteremo, comunque - ha assicurato Chiodi - affinche' venga riconosciuto anche il ristoro dei danni alle imprese''.
Il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, ha dichiarato che ''il confronto tra Regione e Governo sull'emergenza neve si e' caratterizzato per un buon senso che ha portato a valutazioni comuni e scelte condivise''.
''Sul versante operativo - ha aggiunto De Filippo - giudichiamo un passo avanti il finanziamento dei soli interventi di emergenza strettamente necessari (escluso quindi del tutto il ripristino) posto a carico del sistema nazionale, scelta che rappresenta la logica conseguenza del giudizio negativo espresso dallo stesso Governo e da tutte le Regioni sulla legge 10 del 2011 che ha inserito la 'tassa sulle disgrazie' e congelato il sistema di protezione civile e che, con queste premesse, sembra avviata inesorabilmente ad essere cambiata. Frutto del buonsenso anche l'invito a evitare polemiche e concentrarsi sulle difficolta' che si annunciano per il fine settimana''.
Il vicepresidente della Conferenza delle regioni, Miche Iorio, ha sostenuto che ''il governo nazionale si e' mostrato molto attento alle nostre sollecitazioni e richieste. E' stato quindi deciso che verrà dichiarato lo Stato di Calamità nazionale e il coordinamento delle attività sarà assegnato alla Protezione Civile''. Sempre il presidente della Regione Molise sottolinea come ''gli oneri che abbiamo fino ad oggi affrontato come Regione, Province e Comuni per affrontare l'emergenza neve - ha aggiunto Iorio - ci verranno riconosciuti e saranno a carico dello Stato Centrale.  Insieme agli altri presidenti abbiamo poi evidenziato la necessità di apporre immediate ed opportune modifiche alla legge sulla Protezione civile che così com'è risulta farraginosa e non rispondente alle necessità del Paese. Anche su questo punto il Governo ci ha dato disponibilità''.

 



( red / 09.02.12 )

+T -T
Emergenza maltempo: Spacca, Marini, Polverini, Caldoro, Vendola

(regioni.it)  A margine dell'incontro tra Governo e Regioni, il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca ha fatto un appello: ''Raccomandiamo a tutti i cittadini la massima collaborazione per i prossimi giorni che si annunciano difficilissimi''.  
''Dopo la breve tregua di oggi - ha aggiunto Spacca - sono attese per le prossime ore forti nevicate in tutta la regione. Si tratta di un evento particolarmente intenso, che obbliga dunque alla massima allerta. Siamo certi che la comunita' marchigiana sapra' esprimere, come ha gia' dimostrato nei giorni scorsi, spirito di responsabilita', solidarieta' e collaborazione. Chiediamo un ulteriore sforzo per i prossimi giorni e facciamo appello affinche' tutti si attengano alle indicazioni che sono gia' state fornite nell'ultima settimana, prime su tutte quelle di non utilizzare l'auto se non in casi di emergenza e di non uscire di casa se non e' strettamente necessario''.
Il  Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, nel corso della tavola rotonda svoltasi nell'ambito di Expoemergenze ha definito la legge dello scorso anno che ha riformato la Protezione civile ''un gravissimo e grossolano errore cui va messo riparo urgentemente, pena lo smantellamento di tutto il sistema di protezione civile italiano''. Riferendosi ad Expoemergenze la presidente ha sottolineato come ''la protezione civile sia un settore in continua crescita, sempre in evoluzione, che impone a chi ha competenze istituzionali di aggiornare sempre i propri modelli gestionali''. ''Questo salone, dunque - ha spiegato - rappresenta una utile occasione per confrontare e mettere in relazione i soggetti pubblici e privati che operano nella protezione civile con il ruolo ed il mondo del volontariato, elemento fondamentale di una moderna protezione civile, radicata e presente nel territorio. In questi anni ci ha sempre contraddistinto un approccio organico e globale ai temi della previsione, prevenzione e soccorso in emergenza nel caso di eventi naturali e catastrofici. Vogliamo dunque continuare a credere in una organizzazione del funzionamento della protezione civile  intesa come sistema delle istituzioni pubbliche che cooperano e si integrano nell'ambito di un coordinamento unitario Stato/Regioni e Enti locali''.
Il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha sottolineato come  ''in una regione come il Lazio è inaccettabile e vergognoso avere per la settima notte, che ci apprestiamo a vivere, ancora quasi 1300 utenze staccate dalle centrali elettriche''.
''Nella maggior parte dei casi quelle che abbiamo riagganciato sono alimentate con gruppi elettrogeni - ha sottolineato Polverini - la situazione è più grave di quella che immaginavamo. Abbiamo chiesto al governo di farsi carico di questo, perchè non possiamo pensare di uscire da questa emergenza e non considerare che un paese civile come il nostro e una regione così centrale possano vivere una situazione così. Stiamo spostando le associazioni di volontariato da realtà provinciali dove per fortuna l'emergenza non è arrivata a sostegno di quelle in cui la situazione è ancora difficile, come il Frusinate e la provincia di Roma''.
''Sulla questione della legge che investe la protezione civile c'è una chiarezza non solo da parte delle Regioni, ma anche del Consiglio dei ministri”, ha spiegato Polverini.
''Perche' e' evidente - ha aggiunto Polverini - che gli eventi sportivi non erano emergenza. Una rete e un sistema di emergenza va ricalibrato proprio per evitare non tanto una scarsita' di interventi, perche' poi il sistema ha funzionato, ma perche' c'e' bisogno di un maggior coordinamento, e soprattutto servono strumenti normativi e finanziari che permettano di intervenire. Noi lo abbiamo fatto, assumendoci con i sindaci forse delle responsabilita' che non potevamo assumerci, ma di fronte all'emergenza abbiamo deciso di farlo. Oggi  dobbiamo ridare una copertura a quelli che si troveranno dopo di noi in altre emergenze''.
 ''Mi rivolgo ai tanti cittadini dell'Irpinia e del Beneventano che hanno subito piu' di altri la crisi maltempo: la Regione sta facendo di tutto e di piu''', ha spiegato il presidente della Campania, Stefano Caldoro: ''Abbiamo chiesto al Governo lo stato di calamita' e, d'accordo con le prefetture, abbiamo deliberato in Giunta lo stato di calamita' regionale. Questo ha permesso alla Giunta di predisporre un finanziamento di 500 mila euro che verrà dato alla prefetture per il pronto intervento nei comuni''.
''Dobbiamo tenere la vigilanza altissima poiche' è prevista una nuova ondata di maltempo. Stamane abbiamo fatto un incontro con il governo e la Protezione civile nazionale che con un commissario che dovrà lavorare sul piano complessivo del Paese. Siamo pronti, vicini, attenti con tutti i mezzi di cui disponiamo – afferma Caldoro - a rispondere alla crisi del maltempo e a tutte le questioni di sofferenza, in particolare dei territori della provincia di Avellino e Benevento''.
Per Nichi Vendola ''dell'incontro odierno tra governo e regioni il dato positivo e' stata la cancellazione di quella vergogna che aveva sostanzialmente privato l'Italia di risorse statali di fronte alle calamita' naturali''.
Il presidente della regione Puglia sottolinea come sia stata ''rimossa quella norma, una delle favolose intenzioni dell'ex ministro Tremonti, che impediva alle regioni per esempio di chiedere lo Stato di calamita' naturale perche' avrebbero potuto farlo soltanto dopo avere attivato tutti gli aumenti delle aliquote fiscali possibili e immaginabili''.
''Insomma - ha detto Vendola -, almeno da questo punto di vista oggi si e' fatto un importante passo in avanti. Restituire potere e ruolo alla protezione civile e' un dovere assoluto''.

 

 

 



( red / 09.02.12 )

+T -T
Cancellieri: modifica legge 10/11 sulla Protezione civile

(regioni.it) "E' emersa una volontà comune molto forte, c'e' una perfetta intesa tra Stato ed enti locali per lavorare al meglio. C'e' una forte coesione e una forte determinazione, non c'e' alcun impedimento che ci impedisca di lavorare", afferma il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri, in conferenza stampa dopo il vertice governo-enti locali sul maltempo.
''Siamo impegnati a studiare un percorso per la modifica della legge 10 del 2011 sulla Protezione civile. C'e' la volonta' del governo, servono i tempi tecnici'', spiega  Cancellieri. ''Nei giorni scorsi ci sono state molte polemiche e pensiamo sia giusto fare il punto tutti insieme e far sapere come siamo organizzati per fronteggiare la nuova emergenza. C'e' perfetta intesa tra tutti quanti concorrono al sistema di protezione civile perche' insieme vogliamo lavorare al meglio per dare risposte al cittadino''.
''Un ringraziamento serio va dato  agli uomini che hanno lavorato. In migliaia hanno lavorato in  condizioni difficili: parlo della Polizia di Stato, dei Carabinieri,  dei Vigili del Fuoco, dei volontari, degli uomini degli enti che sono intervenuti'', ha detto il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri. ''Il Paese -ha aggiunto il titolare del Viminale- deve sapere  che ha potuto contare su una volonta', una determinazione e una  disponibilita' di quanti hanno operato, veramente importante''.



( red / 09.02.12 )

+T -T
Formigoni: rimpasto della Giunta regionale lombarda

(regioni.it) Cambia parzialmente la Giunta Regionale della Lombardia. Il Presidente della Regione, Roberto Formigoni ha assegnato le le deleghe all'istruzione, formazione e cultura a Valentina Aprea, mentre Ombretta Coll si occuperà di pari opportunità, moda e design. Riformulata anche la delega di Gianni Rossoni, che d'ora in avanti sarà competente su occupazione e politiche per il lavoro. E' questa la conseguenza della stretta operata dal presidente Roberto Formigoni, che ha imposto ai componenti della sua giunta di rinunciare a ogni eventuale incarico esterno alla politica. “I membri di giunta - ha spiegato il Presidente della Lombardia - devono svolgere loro attività a tempo pieno senza altri incarichi”. Un modo per “sottolineare come chi fa politica deve dedicare esclusivamente la propria attività al servizio dei cittadini”.
Proprio da questo dipende il passo indietro fatto da alcuni ex assessori: ''Massimo Buscemi e Francesco Magnano - ha chiarito ancora Formigoni - hanno preferito dedicarsi alla loro libera attivita' professionale. Mi hanno ringraziato per l'esperienza fatta in Regione e hanno deciso di lasciare la giunta''.
Al Pirellone entra anche Giuseppe Grechi: il magistrato, ex presidente della Corte d'Appello di Milano, assume il ruolo di Sottosegretario alla trasparenza, con il compito di sovraintendere tutte le attività di controllo della giunta. Soddisfatto Formigoni: ''Con le decisioni di oggi - ha sottolineato - rendiamo ancora più forte la giunta regionale e il nostro governo”. Formigoni ha sottolineato come la Lombardia: “sia l'unica Regione in Italia che chiede ai propri membri l'esclusività del rapporto”.

 



( red / 09.02.12 )

+T -T
Sport: confronto Gnudi - Assessori

(regioni.it) Il ministro Piero Gnudi ha incontrato il 7 febbraio  a Roma una delegazione di assessori regionali allo sport, guidata da Elio De Anna, responsabile per lo sport della Regione Friuli Venezia Giulia e referente per lo sport nella Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. La riunione ha costituito occasione per una valutazione a tutto campo dei problemi e delle aspettative e per sottolineare l'esigenza di un'efficace collaborazione interistituzionale. In tale prospettiva il Ministro ha annunciato la prossima convocazione del già previsto Tavolo Nazionale per la Governance dello Sport (TANGOS).
Tra i temi affrontati, su cui si è registrata piena condivisione e unità di intenti, vi sono: la realizzazione di un piano pluriennale per l'impiantistica sportiva; la promozione della pratica sportiva nelle scuole, tra i giovani e gli anziani; interventi a favore delle associazioni dilettantistiche, ivi comprese ipotesi di semplificazione amministrativa.
Il Ministro e i rappresentanti delle Regioni hanno convenuto di compiere sforzi comuni anche in merito alla necessaria individuazione delle risorse per realizzare le infrastrutture sul territorio, in considerazione della valenza dello sport in termini economici e sociali e della sua rilevanza nell'educazione dei giovani e nella tutela della salute.



( red / 09.02.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top