Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 1972 - martedì 14 febbraio 2012

Sommario
- Sanità: Balduzzi, per riparto possibile piccola sperimentazione con deprivazione
- Coletto e Bresciani: contrari a criterio deprivazione nel Fondo sanitario
- Patto Salute: discussione aperta
- Comitato delle Regioni: sessione plenaria il 15 e 16 febbraio
- Regioni: vertice Polverini - Caldoro
- Valle d'Aosta: politica regionale di sviluppo, andamento incoraggiante

+T -T
Patto Salute: discussione aperta

(regioni.it) "Lo proporrò al tavolo del Patto della Salute" ha detto il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, in merito alla richiesta delle Regioni del Sud di rivedere i criteri per la distribuzione dei fondi del riparto sanitario includendo quelli di deprivazione socio-economica (cfr. anche notizia precedente). L'occasione è stata fornita da un convegno (che si è tenuto a Napoli) dedicato proprio a 'Patto della salute 2012 - Oltre al rigore l'equita'', a cui hanno partecipato numerosi assessori regionali alla sanità: "Siamo l'esempio di come una Regione del Nord possa avere bisogno di un piano di rientro dal deficit – dice l'assessore alla sanità del Piemonte, Paolo Monferino - per dieci anni il costo della nostra Sanita' e' cresciuto di 400 milioni di euro all'anno. Solo nel 2011 l'abbiamo ridotto di 150 milioni". Monferino ricorda la sua esperienza nel privato con Sergio Marchionne alla Iveco, quando "contava solo portare i risultati e nessuno mi indicava le nomine da fare. Il sistema Sanità è bacato alla radice, perche' tutti scaricano le responsabilita' e manca la meritocrazia".
Anche l'assessore pugliese, Ettore Attolini, sottolinea che le "problematiche sono comuni". Accogliendo l'invito del ministro Renato Balduzzi a fare in fretta per approvare il Piano della salute, si domanda "quando ci saranno i tempi necessari per discutere dei veri problemi della Sanita' che e' diventata tecnocratica. Questi tempi ci consentono solo di tagliare le spese e non di ripensare il settore in maniera organica". Proprio i tagli, aggiunge, "minano alla radice il sistema, privandoci di personale indispensabile e impedendoci di garantire i Livelli essenziali di assistenza".
Sulla stessa linea l'assessore della Toscana, Daniela Scaramuccia, che chiede di "continuare a investire nella Sanita', anche sul fronte delle attrezzature e delle tecnologie", riconoscendo comunque l'importanza delle regole, purche' non si impongano "altri vincoli. Bisogna lavorare invece sui volumi di attivita', impedendo alle equipe di operare nelle strutture al di sotto di una certa soglia".
L’assessore della Regione Basilicata, Attilio Martorano ha trattato i temi dei nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza) e dell'appropriatezza della cura ai tempi della crisi.“Nel corso del mio intervento - ha dichiarato Martorano - ho avuto modo di illustrare le politiche sanitarie che la Basilicata sta portando avanti con determinazione per migliorare la qualità e perseguire al tempo stesso l'equilibrio economico. La bozza del nuovo patto della Salute, che governo e regioni dovranno auspicabilmente sottoscrivere entro il 30  aprile, dovrà coniugare il rigore dei tagli imposti dalla manovra estiva del governo Berlusconi (2,5 miliardi di euro nel 2013, 5,5 miliardi nel 2014) con la complessiva riorganizzazione dei servizi”. 
"Molti cittadini pensano di spostarsi per ottenere prestazioni migliori - spiega l'assessore alla Sanita' della Sicilia, Massimo Russo - ma questo non giustifica interamente il fenomeno, perche' il 40% della mobilita' e' dovuto a prestazioni inappropriate, frutto di politiche aggressive delle cliniche private. Se la Sicilia o la Campania riducessero la mobilita' del 60%, sarebbero in regola con i bilanci della sanita'".

 


( red / 14.02.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top