Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 1978 - mercoledì 22 febbraio 2012

Sommario
- Protezione Civile: affrontare la riforma della legge 10 del 2011
- Patto salute: il 23 Conferenza straordinaria
- Colozzi: contrastare sovraffollamento carceri e chiusura ospedali psichiatrici giudiziari
- Federalismo: Regioni vogliono andare avanti sulla strada intrapresa
- Audizione: Documento Regioni su federalismo fiscale
- Fondo di garanzia nazionale: botta e risposta Caldoro - Zaia

+T -T
Audizione: Documento Regioni su federalismo fiscale

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, il 22 febbraio, ha approvato un "Documento di Valutazioni sullo Stato di attuazione della Legge 42/2009". Il testo è stato poi illustrato dal Presidente Vasco Errani nel corso dell'audizione del Comitato dei 12 in Commissione Bicamerale per il federalismo fiscale (vedi notizia precedente).
Il documento integrale è stato pubblicato sul sito www.regioni.it nella sezione "Conferenze" ed il link è:
http://www.regioni.it/download.php?id=242922&field=allegato&module=news
Si riporta di seguito il testo integrale.
VALUTAZIONI SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 5 MAGGIO 2009, N. 42-  AUDIZIONE DEL COMITATO DI RAPPRESENTANTI DELLE AUTONOMIE TERRITORIALI DINANZI ALLA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L’ATTUAZIONE DEL FEDERALISMO FISCALE
Il processo di riforma per il rafforzamento dell’autonomia nella responsabilità, come prefigurato dalla legge delega n. 42/09 in materia di federalismo fiscale necessita di una verifica in ordine al suo avanzamento.
La delega per l’emanazione di decreti correttivi necessari al completamento del sistema costruito dalla legge 42/09 scadrà il 21 novembre 2014.
Le Regioni hanno sollecitato il Governo, ogniqualvolta chiamate ad esprimere parere sui decreti attuativi, a dare organicità a tutta la riforma. Da ultimo, le modifiche introdotte con legislazione d’urgenza all’impianto della 42 e alle norme attuative, hanno accentuato il bisogno di fare tale verifica (come evidenziato nella scheda 1).
Inoltre, alcune disposizioni contenute nella 42 e nei decreti attuativi sono state largamente disattese nella realtà applicativa.
Il processo, comunque ancora da completare (come sinteticamente evidenziato nella scheda 2), necessita di circa 70 provvedimenti attuativi, alcuni dei quali di notevole rilevanza ai fini del raggiungimento degli obiettivi complessivi posti dalla riforma.
Le misure di finanza pubblica, connesse alla necessità di superamento della crisi economica, hanno impattato su tale processo in qualche caso incidendo anche sugli spazi di autonomia finanziaria finora attribuiti a Regioni ed Enti Locali. Appare necessario, quindi, a seguito di tale momento di verifica, coordinare il  nuovo sistema fiscale che si sta costruendo con l’assetto istituzionale che si va delineando. L’intervento legislativo in materia di Province e del conseguente nuovo ruolo delle Regioni e degli Enti Locali richiede d’intensificare, altresì, il lavoro sui costi standard. Occorre a questi fini sottolineare la asimmetria generatasi tra la legge 42/2009 con riferimento all’elenco delle funzioni fondamentali delle Province da finanziare in base ai costi standard e il nuovo quadro delle funzioni di coordinamento previsto dalla legislazione vigente.
Allo stato dei fatti emergono evidenti innovazioni, per le quali parrebbe necessario l’inserimento all’interno di un progetto organico e condiviso nei cui confronti le Regioni ribadiscono la propria disponibilità:
• la reintroduzione della compartecipazione regionale all’accisa sulla benzina precedentemente soppressa. Il D. Lgs. 68/2011 originario identificava, invece, in un grande tributo erariale (IRPEF), il pilastro della fiscalizzazione dei trasferimenti;
• l’anticipo, in via sperimentale, dell’IMU al 2012 che non è stato accompagnato dal recepimento del ruolo di adattamento della perequazione regionale fra gli Enti Locali di cui all’art. 13, co. 1, lett. h della legge n. 42/2009. Inoltre è necessario inserire nei meccanismi di perequazione anche le risorse derivanti dalla nuova TARSU;
• l’intervento di centralizzazione dei flussi di cassa attraverso la riproposizione del sistema di TESORERIA UNICA;
• la necessità di comprendere sul federalismo demaniale il ruolo attribuito all’Agenzia del Demanio nella promozione per la costituzione di società, consorzi e fondi immobiliari per la valorizzazione del patrimonio pubblico dello Stato, delle Regioni e degli Enti Locali.
Roma, 22 febbraio 2012

Scheda 1
PRINCIPALI MODIFICHE AL D. LGS. 6 MAGGIO 2011, N. 68
Art. 6 Anticipo al 2012 della manovrabilità fiscale sulle aliquote dell’Addizionale regionale IRPEF (art. 1, comma 10, lett. a) del DL 138/2011).
Art. 6 Aumento, con decorrenza 2011, dell’aliquota base dell’Addizionale regionale IRPEF dallo 0,90% all’1,23% (art. 28, commi 1 e 2, del DL 201/2011).
Art. 8 Reintroduzione della compartecipazione regionale all’accisa sulla benzina precedentemente soppressa a partire dal 2013 (art. 30, comma 3, lett. b) del DL 201/2011).
Art. 10 Soppressione della norma (comma 1) relativa all’emanazione dell’atto di indirizzo degli obiettivi di politica fiscale da adottare da parte del MEF previa intesa con le Regioni (art. 35, comma 7, del DL 1/2012)
Art. 17 Riforma IPT
(art. 1, commi 12 e 12 quater, del DL 138/2011).
Estensione della riforma IPT anche alle RSS
(art. 28, comma 11 bis, del DL 201/2011).
TESORERIA UNICA: Ripristino del regime ordinario della Tesoreria UNICA previsto dalla legge 720/1984 (art. 35, comma 8, del DL 1/2012)
PRINCIPALI PROVVEDIMENTI DA ADOTTARE

Scheda 2
Sul piano della definizione dell’impianto costruito dal legislatore, si sottolinea che è necessario adottare circa  settanta atti applicativi: amministrativi e regolamentari, oltre a quelli legislativi di completamento tra tutti, quelli riguardanti la determinazione dei costi standard delle funzioni essenziali (Sanità, assistenza, istruzione, TPL in conto capitale) e il funzionamento della perequazione.
I principali atti da adottare riguardano:
Federalismo Regionale: D. Lgs. 6 maggio 2011, n. 68.

  Reintegro dei tagli ai trasferimenti statali di spettanza regionale di cui all’art. 14, dl 78/2010 come previsto dall’art. 39, co. 3 del D. Lgs. 68/2011 senza il quale non è possibile procedere alla realizzazione del cuore della riforma del federalismo fiscale.
  Soppressione trasferimenti statali alle RSO: entro il 31 dicembre 2011 DPCM per individuazione trasferimenti da sopprimere. Art. 7. (Termine scaduto).
  Determinazione aliquota Addizionale IRPEF: entro un anno dall’entrata in vigore del D. Lgs. 68/2011 (quindi entro il 27 maggio 2012); decorrenza 2013 con riferimento all’anno d’imposta precedente.
  Modalità di attribuzione del gettito IVA e definizione dei meccanismi operativi di funzionamento del fondo perequativo: decorrenza 2013. Articoli 4 e 15. (Ancora nessun provvedimento)
  Determinazione LEP e Obiettivi di Servizio: DPCM per la ricognizione LEP.  SOSE, ISTAT e CINSEDO effettuano ricognizione dei LEP nelle RSO e relativi costi. Art. 13.
Inoltre, SOSE e IFEL stanno procedendo alla individuazione dei fabbisogni standard degli enti locali per determinazione dei fabbisogni standard riferiti alle funzioni fondamentali. Art. 5, D. Lgs. 216/2010.  
(Occorre individuare un momento di raccordo laddove tale azione interviene rispetto alle materie riservate alla legislazione concorrente delle Regioni).

 Modalità di attribuzione delle risorse derivanti dall’attività di recupero fiscale in materia di IVA (riferite alla quota di compartecipazione regionale).
  Governance nella gestione dei rapporti Regioni-Agenzia delle Entrate (banche dati, condivisione dei criteri di gestione e impiego delle risorse disponibili, Comitato regionale di indirizzo tributi compartecipati).
Federalismo demaniale: D. Lgs. 28 maggio 2010, n. 85
  Adozione dei provvedimenti per il reale conferimento dei beni demaniali a Regioni ed Enti Locali. Attualmente le aspettative emerse in sede di approvazione del D. Lgs. 85/2010, limitatosi, di fatto, a meri contenuti di principio, non risultano realizzabili nella misura attesa.
Premi e sanzioni: D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 149.
  Si segnala la necessità di porre attenzione ai provvedimenti ministeriali riguardanti le relazioni di fine legislatura e di fine mandato (art. 1 e 4 d.lgs. 149/11, introduttivo delle sanzioni e delle premialità, rispettivamente a carico e in favore di regioni ed enti locali), che si imporranno rispettivamente ai sindaci e ai Presidenti delle Regioni, in prossimità delle loro relative scadenze.
Un adempimento urgente stante l’imminenza delle prossime elezioni amministrative che vedranno, ad esempio, circa mille comuni impegnati nelle competizioni elettorali della primavera 2012.



( red / 22.02.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top