Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2018 - giovedì 19 aprile 2012

Sommario
- Errani: per la riforma della Protezione Civile si preveda un disegno di legge
- Turismo: Di Dalmazio su rilancio settore
- Codice delle autonomie e ruolo Province: Colozzi, inziativa delle Regioni
- Turismo: le linee strategiche delle Regioni per il settore
- Istat: numero disoccupati nel 2011
- Conferenza Stato-Regioni 4 aprile 2012: Documenti approvati

+T -T
Errani: per la riforma della Protezione Civile si preveda un disegno di legge

Dellai: riforma condivisa

(regioni.it) Il Governo apre ad un confronto di merito sulla riforma della protezione civile.
Il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, ha chiesto in sede di Conferenza Unificata che ''per la riforma della Protezione Civile si preveda un disegno di legge e non un decreto: questa sarebbe una scelta che le Regioni non potrebbero condividere'', ed è stato un consegnato un documento di emendamenti al ministro Gnudi in merito al provvedimento proposto in bozza dal Governo.  
''Siamo per una riforma che sia in grado di darci una Protezione Civile efficace ed efficiente. Sulla base di questo presenteremo i nostri emendamenti relativi alla qualita' della governance e a come porre il tema della ricostruzione usando il criterio della solidarieta' del Paese'', ha detto Errani.
Per le Regioni, inoltre, la Protezione Civile ''non deve intervenire sui grandi eventi''. Quanto alle emergenze, ''e' giusto che ci sia un limite di tempo ma quello previsto dal Governo e' troppo ristretto''. Infine, le Regioni sono concordi ''ad un confronto rapido e ad una riforma condivisa che sia in grado di dare un salto di qualita'''.
Anche Lorenzo Dellai, presidente della Provincia  autonoma di Trento e coordinatore della Commissione Protezione civile della Conferenza delle Region,i "la bozza del governo va  modificata, siamo convinti che la riforma sia urgente ma chiediamo che ci sia un confronto".
"Abbiamo  ribadito - ha aggiunto Dellai - che siamo favorevoli a riformare l'attuale  legge, ma siamo contrarissimi all'idea di un decreto legge perche'  riteniamo che questa materia debba essere condivisa. Serve dunque in  disegno di legge".
Dellai ha spiegato che le Regioni ritengono che sia giusto definire i termini  del periodo di emergenza ma credono che la durata individuata sia  ''irrealistica. Dobbiamo trovare -ha detto Dellai- una mediazione per  definire una durata piu' congrua della fase di emergenza''.
Rispetto al 'post emergenza' Dellai ha spiegato che le Regioni chiedono che siano individuate le ''azioni di finanziarmento''.
''Chiediamo che venga ripristinato il fondo per la Protezione Civile  - ha osservato Dellai - che deve alimentarsi sia con fondi statali sia  con fondi dei territori''. Inoltre, secondo i governatori ''la  Protezione Civile deve restare incardinata sulla presidenza del  Consiglio  -ha proseguito il coordinatore delle Regioni sulla materia -  proprio a garanzia della natura di sistema''. Le Regioni, ha ribadito Dellai, si augurano un confronto per arrivare ad una riforma condivisa perche' ''se il governo procede unilateralmente si crea un conflitto  istituzionale''.


 

 

 

 



( red / 19.04.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top