Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2022 - giovedì 26 aprile 2012

Sommario
- Istat: dati sulle pensioni
- Servizi pubblici locali: parere su Regolamento per gestione concorrenziale
- Piccola e media impresa: proposte delle Regioni su Ddl annuale
- Caldoro: per superare crisi bisogna avere stesse condizioni di partenza
- Sociale: non si può azzerare l'intervento dello Stato
- Decreto su recupero vapori di benzina: parere favorevole, ma"condizionato"

+T -T
Servizi pubblici locali: parere su Regolamento per gestione concorrenziale

(regioni.it)  Il Regolamento  (che attua il comma 33 ter , art. 4 del D.L. 138/2011) sui  criteri per la verifica della realizzabilità di una gestione concorrenziale dei servizi pubblici locali di rilevanza economica ha registrato , da parte delle Regioni nella Conferenza Unificata del 19 aprile, un parere favorevole, ma condizionato all’accoglimento di alcuni emendamenti. Le proposte della Conferenza delle Regioni sono contenute in un Documento che è stato consegnato al Governo (durante la stessa Conferenza Unificata) e che è stato pubblicato sul sito www.regioni.it (sezione “Conferenze”). Il link è:
http://www.regioni.it/download.php?id=250172&field=allegato&module=news 
Si riporta di seguito il testo integrale.
Parere sullo schema di Regolamento di attuazione dell’articolo 4, comma 33-ter, del d.l. 13 agosto 2011, n. 138, recante “criteri per la verifica della realizzabilità di una gestione concorrenziale dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, per l’adozione di una delibera quadro nonché disposizioni attuative per il progressivo miglioramento, mediante un sistema di benchmarking, della qualità ed efficienza di gestione dei medesimi servizi, ed ulteriori necessarie misure di attuazione” 
Punto 6) O.d.g. Conferenza Unificata
Le Regioni, considerati gli esiti delle riunioni tecniche del 27 marzo e del 12 aprile scorsi, vista l’ipotesi di modifica trasmessa a seguito della riunione del 12 aprile dal Segretario della Conferenza Unificata con nota Prot. n. 0001927 del 17 aprile 2012, che certamente rappresenta un miglioramento del testo del provvedimento come originariamente formulato, esprimono parere favorevole condizionato all’accoglimento dei seguenti emendamenti:
ARTICOLO 1
All'art. 1 aggiungere il seguente comma 3:
Sono fatte salve le discipline regionali che avviino o abbiano già avviato il processo di riorganizzazione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, definendo le modalità organizzative per lo svolgimento dei servizi a rete in ambiti o bacini territoriali omogenei, in coerenza alle previsioni contenute all'art. 3-bis del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148.
Qualora il Governo confermasse la sua decisione di non inserirlo nello schema di regolamento si propone comunque di presentarlo ai fini di una modifica normativa dell’articolo 3 bis, per la quale si richiede l’impegno del Governo. Si evidenzia, inoltre, la criticità della disposizione relativa alla decorrenza dei termini per gli enti interessati alla elaborazione della delibera quadro da effettuarsi entro un anno dall’entrata in vigore del Decreto Legge 138 del 2011, cioè agosto 2011. La criticità deriva dal fatto che la norma, in realtà, è stata inserita come modifica al D.L. 138 dal D.L. 1 del 2012 in tema di liberalizzazioni. Il pochissimo tempo a disposizione per gli enti interessati renderà di fatto difficilmente attuabile nei tempi la norma.
ARTICOLO 3
All’art. 3, comma 2, lett. c), le parole: “il tipo di vettore utilizzato”, sono sostituite dalle seguenti: “le modalità di trasporto utilizzate”.
ARTICOLO 4
Riformulare l’articolo 4 nel seguente modo:
1: Ferme le valutazioni di cui all’articolo 2, la verifica nel settore dei rifiuti riguarda:
a) La valutazione delle operazioni potenzialmente erogabili in regime di liberalizzazione, di gestione degli impianti di trattamento, recupero, riciclo e smaltimento di tutti i rifiuti urbani e assimilati;
b) La possibilità di coordinamento o e di gestione congiunta delle operazioni di cui alla lettera a).
ARTICOLO 5
All’art. 5, comma 3, lett. b), le parole “e i benefici” sono sostituite dalle seguenti: “e gli eventuali benefici”.
ALLEGATI
Si richiede lo stralcio del punto 4 dell’Allegato A, in quanto non funzionalmente collegato ai contenuti della delibera-quadro, di cui alla legge n. 148/11 e ss.mm.ii., ma rispondente solo a esigenze di trasparenza. Le Regioni ritengono, invece, che il tema sia maggiormente attinente ai contenuti della discussione finalizzata alla firma del Patto per l’efficientamento e razionalizzazione del TP, al quale chiede di rinviare la definizione degli indicatori di cui al punto 4 dell’Allegato A come sua parte fondamentale e qualificante.
Roma, 19 aprile 2012



( red / 26.04.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top