Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2119 - lunedì 8 ottobre 2012

Sommario
- Balduzzi: tagli sanità, ''Qualcuno forse ci starà lavorando, io no"
- PMI: stretta collaborazione Veneto-Basilicata
- Catricalà: disegno di legge di rango costituzionale per rivedere Titolo V
- Costi politica: Formigoni e Rossi
- Monti: voglia di rinascere è enormemente grande in Emilia-Romagna
- Riduzione costi: Cota e Durnwalder

Terremotati Emilia Romagna: Decreto per accesso contributi ricostruzione

+T -T
Monti: voglia di rinascere è enormemente grande in Emilia-Romagna

Napolitano all'Aquila: bisogna ricostruire la città

(regioni.it) ''Adesso si e' presa la strada giusta'', ha dichiarato all'Aquila il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, sottolineando che ora ''bisogna ricostruire la città”.
Attenzione su terremoto e interventi di ricostruzione nelle zone colpite anche da parte del presidente del Consiglio Mario Monti a Parma per l'inaugurazione di un nuovo stabilimento Barilla, ha dichiarato che  ''la voglia di rinascere è enormemente grande in Emilia-Romagna. Una terra messa a dura prova la cui reazione sta destando ammirazione in Italia e nel mondo''. Una Regione colpita dal sisma, ha ribadito Monti, che 'il resto d'Europa sta guardando per come la popolazione sta reagendo ad una prova dura, dando prova d'appartenenza a un paese che sta cambiando in bene'.
Nel contempo è stato firmato il decreto per l'accesso ai contributi per la ricostruzione a favore dei terremotati dell'Emilia Romagna.
Il ministro dell'Economia e delle Finanze ha sottoscritto infatti il protocollo con i presidenti delle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto di applicazione delle disposizioni dell'art. 3-bis del decreto-legge n. 95/2012 riguardanti le forme di accesso ai contributi per la ricostruzione erogati anche nella modalita' del finanziamento bancario, senza oneri per i soggetti danneggiati che intendessero farvi ricorso.
Il decreto-legge varato dal consiglio dei ministri in data 4 ottobre 2012, quale ulteriore misura idonea a favorire una pronta ripresa dei normali livelli di attivita' produttive nei territori colpiti dal sisma, prevede fra l'altro, per i titolari di redditi di impresa, modalita' e procedure per poter conseguire un ulteriore differimento al 30 giugno 2013 del termine per il pagamento di tributi e contributi.
Il ministro dell'Economia ha gia' inoltrato ai compenti vertici dell'amministrazione le istruzioni e le raccomandazioni occorrenti perche' venga assicurata la tempestiva adozione di tutti gli atti necessari per il funzionamento delle procedure che consentiranno ai soggetti interessati di fruire delle nuove agevolazioni.
La Regione Emilia-Romagna ha chiesto la proroga della sospensione al 30 giugno 2013 dei pagamenti delle tasse per i contribuenti colpiti dal terremoto. L'assessore regionale alle Attivita' produttive Gian Carlo Muzzarelli spiega che il decreto del Governo ha accolto la richiesta ''individuando una soluzione tecnica che dovra' essere rapidamente operativa per il bene dei cittadini''.
La procedura è stata definita in questo modo: formalmente sono mantenute le date di scadenza previste per i pagamenti, ma le aziende riceveranno dalla Cassa Depositi e prestiti un finanziamento per una somma equivalente, con interessi a carico dello Stato. Il contribuente dovrà restituire la somma solo dal giugno 2013, e a rate. ''Anche l'Imu e' sospesa fino al 2014 nei Comuni colpiti dal sisma''.
''Nei giorni scorsi al tavolo nazionale abbiamo posto al Governo altre due importanti richieste, e verificheremo che siano state inserite nel testo del decreto - ha aggiunto l'assessore – la garanzia che i prelievi fiscali sulla busta paga siano operati con equilibrio e al massimo per un quinto dello stipendio, e l'estensione degli ammortizzatori sociali anche ai lavoratori con un reddito superiore ai 20.000 euro che abbiano subito un blocco al proprio lavoro per il terremoto, come agenti, professionisti''.


 
 


( red / 08.10.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top