Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2132 - giovedì 25 ottobre 2012

Sommario
- Regioni bocciano riforma Titolo V Costituzione
- Costi politica: Errani, verso Conferenza Unificata straordinaria il 30 ottobre
- Commissione Affari sociali della Camera: risorse per sanità e sociale
- Fondi UE: Barca, confronto con Presidenti "Regioni in transizione"
- Dellai: protezione civile; sconcerto per sentenza Tribunale dell'Aquila
- Difesa suolo: Regioni chiedono rinvio

+T -T
Regioni bocciano riforma Titolo V Costituzione

(regioni.it) Le Regioni hanno dato parere negativo, in Conferenza Unificata, al decreto sulla riforma del Titolo V della Costituzione. “Così non si affrontano i problemi reali - spiega il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine della seduta.  Se non c'e' una Camera delle Autonomie i problemi non si risolvono. Ed anche la clausola di supremazia ha senso solo se c'è una Camera delle Autonomie.
Così come previsto, l'intervento e' parziale e non risolve i problemi''.  Ai Presidenti delle Regioni non e' poi piaciuto il metodo con il quale il Governo ha operato: ''l'intervento e' stato unilaterale ed a scadenza di legislatura. La prossima dovrà essere una legislatura costituente per dare un equilibrato sistema di governance al Paese”, ha concluso Errani.
Abbiamo presentato le nostre considerazioni e valutazioni - ha spiegato il presidente dell'Umbria, Catiuscia Marini - si tratta di una riforma radicale, nella quale le Regioni tornano, sul fronte del potere legislativo, subordinate allo Stato in tutte le materie. E' insomma la fine del regionalismo ma, al tempo stesso, questa riforma non risolve le conflittualità ne' prevede il Senato delle Regioni”.
''La riforma del Titolo V della Costituzione, dopo 10 anni, e' possibile: sono stati 10 anni di mal funzionamento, con abusi e degenerazioni che si devono soprattutto al modo con cui e' stata interpretata la vecchia riforma'': a sostenerlo è il Presidente della Toscana, Enrico Rossi. Le Regioni sono state infatti concepite - prosegue Rossi - come piccole patrie, e hanno lavorato per uno 'Stato minimo', per svuotare di funzioni lo Stato centrale. E' stato applicato quasi  quasi un 'federalismo per abbandono'. Ora la discussione deve essere seria''.
Il ministro per la Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, uscendo dalla Conferenza Unificata dove le Regioni hanno espresso parere negativo al testo di riforma del Titolo V mentre dai Comuni e dalle Province è arrivato un parere favorevole con “alcune preoccupazioni” sostiene che “ci sia una lettura forse eccessiva rispetto al testo, io ho già dato la disponibilità a modificarlo in Senato''.. Il parere negativo, ha spiegato il ministro, “è solo delle Regioni. Comuni e Province hanno fatto un documento in cui, mi hanno detto, che danno un parere favorevole con alcune preoccupazioni. Credo ci sia una lettura forse eccessiva rispetto al testo io ho già dato la disponibilità a modificarlo in Senato”.



( red / 25.10.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top