Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2139 - mercoledì 7 novembre 2012

Sommario
- USA: Obama rieletto Presidente
- Regioni - Unioncamere: un'allenza per internazionalizzaazione PMI
- Regioni e ANCI: governo incentivi patto di stabilità verticale
- Fondi europei: Ragioneria, spesa certificata presentata dall'Italia a Bruxelles
- UE: Regional Innovation Scoreboard 2012
- 'Green Italy 2012': rapporto impresa, innovazione e ambiente

+T -T
USA: Obama rieletto Presidente

(regioni.it) Barack Obama vice la sfida contro Mitt Romney e resta alla Casa Bianca. L'avversario riconosce la sconfitta, dopo un 'Election Day' scandito dalla suspance, con un serratissimo testa a testa che alla fine - in attesa dei risultati definitivi - vede 332 grandi elettori dalla parte di Obama, contro i 206 per Romney.
Il Presidente incassa il 50% del voto popolare, due punti in più dell'avversario. Numeri ormai dati per certi, anche se resta ancora aperta la conta in Florida (dove comunque sorprese improbabili dell'ultima ora sposterebbero le cifre ma non certo il risultato). A rivelarsi decisivo - come atteso alla vigilia - l'Ohio: arrivata la vittoria in questo stato è bastato aspettare i risultati degli Stati della West Coast (dalla California a quello di Washington), e la soglia dei 270 elettori necessaria per la vittoria è stata superata.
Dichirazioni, commenti e messaggi di congratulazioni arrivano anche dai Presidenti delle Regioni italiane.
“Congratulazioni dal Veneto: dagli Usa ci viene una lezione di democrazia, con un federalismo che unisce e funziona''. Con queste parole il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia saluta la rielezione alla Casa Bianca del presidente Obama. “Attraverso l'Ambasciatore Thorne e il Console Generale Scott - afferma il Presidente veneto - rivolgo le congratulazioni mie personali e di tutto il popolo veneto per la rielezione del presidente Barack Obama. L'America, con anche i 14 mila cittadini americani che vivono in Veneto, ha dato a tutto il mondo una lezione di democrazia nel momento in cui nel mondo la crisi economica mette, per molti versi, il modello democratico in profonda discussione”. “Per noi in Italia in questa fase di transizione – aggiunge Zaia - l'insegnamento che viene oggi dall'America è che il federalismo funziona ed unisce”. “Obama è il Presidente degli Stati Uniti e non degli Stati Divisi - conclude - perché il modello federale funziona ed assicura una flessibilità che i sistemi centralisti non possono avere”.
“Se non riparte l'America è  velleitario pensare a una nostra ripresa. E la rielezione di Obama rappresenta in tal senso una garanzia ora che non deve pensare piu' alla campagna elettorale”, ha detto Gianni Chiodi, che ha postato sulla sua pagina Facebook una foto che ritrae il Presidente Usa e il Presidente della regione Abruzzo al G8 dell'Aquila e domenica aveva scritto: “Per l'Italia e' meglio che vinca Obama, per gli Usa non so”. “Dopo il terremoto dell'Aquila - ha proseguito Chiodi - abbiamo avuto un grande aiuto dall'America per i nostri giovani in termini di studio”.
“Obama ha avuto un compito difficile e lo avrà in questi quattro anni, spero lo possa svolgere al meglio, nell'interesse di tutti''. Cosi' il Presidente del Piemonte Roberto Cota commenta su Facebook la rielezione del Presidente degli Stati Uniti. “Obama - prosegue Cota - avrà sbagliato su alcune cose, non è riuscito a fare tutto quanto promesso, ma per quanto riguarda la crisi dell'economia americana, bisogna riconoscere che ha saputo varare delle misure anticicliche, tant'e' che negli Usa c'è un segnale di ripresa, soprattutto nel comparto auto, dove si sono sviluppati migliaia e migliaia di posti di lavoro”. In Italia, invece, sostiene ancora Cota nel suo intervento su Fb, “il Governo Monti non sta attuando affatto le riforme giuste, nel senso che va nella direzione opposta, quella delle tasse, invece di puntare su misure anticicliche per lo sviluppo”. Nell'analisi del voto in America, Cota sottolinea: “sicuramente nelle elezioni americane pesa anche l'impatto della persona, al di là di quelli che sono gli schieramenti e poi c'e' un meccanismo di rappresentanza degli Stati un po' particolare, perché abbiamo visto che questa volta non ha coinciso il voto di rappresentanza degli Stati con il voto popolare”. “Bisogna dire - aggiunge Cota - che nelle elezioni americane si è parlato poco di Europa e questo non e' un bellissimo segnale. Vuol dire che noi dobbiamo tornare ad occuparci con maggiore impegno di quella che è la cosa pubblica, attuando con impegno quelle che sono le riforme necessarie”.
Doppio tweet del Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni sulle presidenziali statunitensi.  Nel primo Formigoni scrive: "Ha vinto Obama, buon lavoro Presidente!  E' stata una splendida festa della democrazia. E' l'America,  bellezza!". Secondo tweet dedicato a Romney: “Mitt Romney, ti sei  battuto alla grande. Complimenti governatore. E' l'America, bellezza!”.
Il Presidente della Puglia si sente “molto incoraggiato dalla vittoria di Barack Obama a condizione che la sinistra in Italia si dia coraggio. A volte è il centrosinistra che mi scoraggia per la sua pavidità e il non sapere osare e guadagnare una prospettiva autonoma rispetto alle superstizioni ideologiche che accompagnano l'epoca liberista”. Lo ha detto Nichi Vendola a Catanzaro. “Obama - ha aggiunto Vendola - parla di noi. La sua vittoria ci incoraggia a difendere la civiltà europea contro le destre e contro i tecnocrati di scuola liberista. La sua vittoria rimette al centro la necessità di ricostruire il profilo dei diritti delle persone che sono diritti di libertà e diritti sociali”.  Secondo Vendola, “l'idea che il fondamentalista Mitt Romney, sia pure travestito per ragioni di marketing elettorale da moderato, potesse chiudere l'esperienza di Barack Obama sarebbe stata tragica per il mondo intero nonostante i limiti, le insufficienze e le contraddizioni dell'amministrazione democratica. Possiamo dire che siamo andati a dormire con l'ansia e ci siamo svegliati con l'allegria”.
''Congratulazioni a Barack Obama per la conferma alla guida dell'America. La competizione elettorale negli Stati Uniti e' stata esempio di grande partecipazione democratica e amore per il proprio Paese''. E' quanto dichiara la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, che ha inviato un telegramma all'ambasciatore americano a Roma, David Thorne.  ''L'auspicio - sottolinea Polverini - è che si rafforzi ancora di più la collaborazione tra l'Italia, l'Europa e gli Stati Uniti, anche alla luce degli sforzi che tutti siamo impegnati a mettere in campo per uscire dalla crisi economica”.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


( red / 07.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top