Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2141 - venerdì 9 novembre 2012

Sommario
- Napolitano: Servizio Sanitario nazionale fu un grande balzo in avanti
- Banca d'Italia: l'economia nelle Regioni, aggiornamento autunnale
- Di Paolantonio: Regioni in audizione, allentare patto di stabilità
- Conferenza Unificata 25 ottobre 2012: Documenti approvati
- Conferenza Stato-Regioni 25 ottobre 2012: Documenti approvati
- Istat: diminuisce di nuovo la produzione industriale a settembre

Giornata per la Ricerca contro il cancro

+T -T
Napolitano: Servizio Sanitario nazionale fu un grande balzo in avanti

Balduzzi su taglio posti letto per acuti: non i 30mila ipotizzati ma 7.389

(regioni.it) In occasione della Giornata per la Ricerca contro il cancro il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha sottolineato come ''l'intervento pubblico e privato in tutti i settori della ricerca e' una priorita' da far valere ancora piu' in tempi di crisi come quella attuale''.
Napolitano aggiunge: ''ho battuto molto su questi temi e spero che il messaggio sia stato accolto anche attraverso le decisioni del governo e le iniziative del ministro Balduzzi'', aggiunge il Capo dello Stato.
Il Capo dello Stato invita anche a guardarsi da ''critiche distruttive giudizi sommari'' perche' ''dobbiamo guardare avanti, dobbiamo guardare lontano e saper utilizzare al meglio le risorse che sono della collettivita' e dei cittadini''.
''Balduzzi - sottolinea il Capo dello Stato, riferendosi alle parole del ministro appena intervenuto al Quirinale - ci ha parlato di alcuni propositi del governo sul servizio sanitario nazionale: io credo che l'istituzione del servizio, 34 anni fa, e per decisione bipartisan fu un grande balzo in avanti'' per il progresso del  paese.
Il ministro della salute Renato Balduzzi ha dichiarato che ''il presidente Napolitano ha colto l'occasione per confermare la dinamicita' del Servizio Sanitario scelto con lungimiranza nel 1978 che oggi ci mette nei primi posti al mondo''.
''Tuttavia per poterci rimanere  - afferma Balduzzi – occorre una manutenzione straordinaria, una trasformazione strutturale''.
''Il Presidente della Repubblica -  ha proseguito Balduzzi - non ha mai mancato di far sentire vicinanza al Governo e al ministro della Salute per far concorrere la sanita' alla revisione della spesa mantenendo garanzie dei diritti e invarianza di prestazioni''.
Balduzzi è intervenuto con una lettera sul Corriere della Sera per ribadire la riorganizzazione ospedaliera proposta dal Governo, per dare alcuni chiarimenti a riguardo: ''Non i 30 mila ipotizzati, ma 7.389''. E' questo il numero dei ''posti letto per acuti che diminuiranno in Italia per effetto del decreto sulla spending review'', ha precisato Balduzzi.
''Non si tratta di tagli lineari - sottolinea -, come qualcuno si affretta continuamente a dire, ma di una ristrutturazione, di una riconversione dell'offerta assistenziale in modo che essa sia piu' rispondente alle necessita' e al bisogno di salute degli italiani''.
''Diminuire i posti letto per acuti - prosegue Balduzzi – non significa ridurre i servizi ma organizzare meglio l'assistenza sanitaria, circoscrivendo la presenza in ospedale ai soli casi e giorni necessari. In alcune Regioni diminuiranno i posti letto per acuti ma aumenteranno quelli che servono alle cure riabilitative dopo la fase acuta della malattia. Oggi la popolazione italiana e' sempre piu' anziana, con una maggiore incidenza di alcune patologie, e quindi abbiamo bisogno di un numero di posti letto per riabilitazione e lungodegenza piu' alto di quello attuale. Inoltre la razionalizzazione della rete ospedaliera non significa solo diminuire i posti letto, ma anche metter ordine nella mappa dei reparti, evitando negli ospedali sovrapposizione di servizi e a volte veri propri doppioni a pochi chilometri di distanza''.



venerdì 9 novembre 2012


( red / 09.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top