Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2142 - lunedì 12 novembre 2012

Sommario
- Il 15 novembre Conferenza Regioni
- Sisma in Emilia: ritardi europei "inaccettabili"
- Clini: urgente trasferimento finanziamento dissesto idrogeologico
- Fiere all'estero: progetto di valorizzazione
- Conferenza Stato-Regioni giovedì 15 novembre 2012
- Conferenza Unificata il 15 novembre 2012

+T -T
Sisma in Emilia: ritardi europei "inaccettabili"

Terremoto Pollino: dichiarato lo stato di emergenza

(regioni.it) Il Consiglio dei ministri di venerdì 9 novembre ha dichiarato lo stato di emergenza per i Comuni nel territorio dell’area del Pollino tra le province di Cosenza e Potenza, che sono stati colpiti il 26 ottobre da un evento sismico di magnitudo ML 5.0 dopo un lungo sciame sismico di oltre due anni. Ancora oggi sono state registrate delle altre scosse.
Inoltre il presidente del Consiglio Mario Monti si è attivato, in questo fine settimana, per assicurare che non siano bloccati gli aiuti dell'Unione Europea per il terremoto in Emilia Romagna (670 milioni). Monti dai colloqui telefonici ha ricevuto rassicurazioni dal Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e dal Presidente della Commissione José Manuel Barroso.
Monti ha definito "inaccettabile" un eventuale blocco dei fondi per la ricostruzione in Emilia-Romagna paventato a seguito delle difficoltà intervenute nel negoziato sulla rettifica del bilancio Ue 2012.
In particolare Monti a Schulz e Barroso ha sottolineato come tale blocco sarebbe del tutto inaccettabile per l’Italia, oltre che gravemente lesivo dei principi di solidarietà alla base della stessa Unione Europea.
Il Presidente Barroso ha assicurato a Monti che la Commissione, nel suo ruolo di mediatore nel Comitato di conciliazione ove martedì 13 riprenderà il negoziato, si impegnerà risolutamente nel senso richiesto dall’Italia. Il Presidente Schulz, per parte sua, ha garantito che la delegazione del Parlamento nel Comitato di conciliazione porrà come condizione pregiudiziale l’approvazione dell’emendamento di bilancio che consenta lo sblocco dei 670 milioni per il terremoto.
Inaccettabile e vergognoso che si facciano giochi politici sulla pelle delle persone colpite dal sisma in Emilia, ha sostenuto Martin Schulz, che ha garantito a Monti l'impegno dell'Europarlamento: "fare giochi politici sulle possibilita' della gente di  riprendersi da una terribile catastrofe e' qualcosa che  l'Europarlamento non puo' accettare".
Il socialdemocratico tedesco ha quindi definito 'cinica esitazione' quella che ha spinto Germania, Gran Bretagna, Olanda, Svezia e Finlandia a bloccare il fondo di solidarietà nell'ambito della trattativa per il bilancio.
Mentre per quanto riguarda il terremoto del Pollino la regione Basilicata ha apprezzato la decisione del Consiglio dei ministri di dichiarare lo stato di emergenza nelle zone terremotate, ma chiede anche stanziamenti per continuare la messa in sicurezza del territorio del patrimonio edilizio.
"La scelta del Governo di attivare le procedure per la dichiarazione dello Stato di emergenza – afferma il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo - e' sicuramente un segnale di attenzione alle aree colpite dal sisma e alle due Regioni di cui fanno parte”.
Il sottosegretario della Regione Calabria con delega alla Protezione civile Franco Torchia ha dichiarato che “si tratta di un primo importante passo per dare tranquillità e speranza alle popolazioni calabresi e lucane che da due anni vivono una situazione di emergenza che non accenna a placarsi”.
Torchia afferma di concentrarsi anche sulla seconda fase del problema: “quello relativo alla messa in sicurezza degli edifici strategici e privati del territorio interessato dal sisma. Cercheremo di individuare, insieme al Governo, il percorso legislativo che consentirà – ha affermato infine Torchia - di dare sicurezza e tranquillità ai cittadini del Pollino anche nel caso in cui lo sciame sismico dovesse proseguire”.

 

 

                       

[Calabria] Il Governo dichiara lo stato di emergenza in seguito al terremoto sul Pollino

 



( red / 12.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top