Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2143 - martedì 13 novembre 2012

Sommario3
- Rinviate al 22 novembre "Conferenza delle Regioni", "Stato-Regioni" e "Unificata"
- Polverini: entro venerdì data regionali Lazio
- Targetti: riflettere sul ruolo dell'apprendistato di primo livello
- UE sblocca fondi sisma in Emilia Romagna
- Documenti approvati dalla Conferenza Stato-Regioni del 30 ottobre
- Conferenza Unificata del 30 ottobre 2012: Documenti approvati

+T -T
Rinviate al 22 novembre "Conferenza delle Regioni", "Stato-Regioni" e "Unificata"

(regioni,it)  Il Ministro Piero Gnudi ha rinviato a 22 novembre la Conferenza Stato regioni e la Conferenza Unificata (con ilo medesimo ordine del giorno),  già convocate per ilo 15 novembre (cfr. “Regioni.it" n. 2142).
E proprio in considerazione del rinvio delle sedute delle Conferenze Stato-Regioni e Unificata  il Presidente Vasco Errani ha reso noto il differimento anche della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome è differita a giovedì 22 novembre 2012, alle ore 10.00 (Via Parigi, 11 – Roma - II piano) con medesimo ordine del giorno, salvo eventuali modifiche o integrazioni.

 

 



( red / 13.11.12 )

+T -T
Polverini: entro venerdì data regionali Lazio

(regioni.it) Il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha spiegato che entro venerdì si saprà la data delle prossime elezioni regionali.
''In questa settimana, d'accordo con il Governo, si decide: entro venerdi' si sapra' la data del voto'', ha detto Renata Polverini durante la trasmissione radiofonica 'Un giorno da pecora'.
''Sono pronta ad andare al voto nel mese di gennaio - ha aggiunto Renata Polverini - ma ho dato disponibilita' al Governo, visto che siamo un unico Paese e un'unica Repubblica, di far coincidere la data nelle tre Regioni nelle quali si vota''.

 


( red / 13.11.12 )

Napoli, Conferenza “Lavorare insieme per l’occupazione dei giovani”

+T -T
Targetti: riflettere sul ruolo dell'apprendistato di primo livello

(regioni.it) "Oggi abbiamo un'occasione importante per riflettere sul ruolo dell'apprendistato di primo livello”, un sistema finalizzato al raggiungimento della qualifica e del diploma professionale attraverso un percorso lavorativo, come possibile sistema duale sul modello tedesco”. Lo ha dichiarato Stella Targetti (vicepresidente Regione Toscana) che ha partecipato a Napoli alla Conferenza “Lavorare insieme per l’occupazione dei giovani”, come coordinatrice della Commissione 'Istruzione, lavoro, innovazione e ricerca' della Conferenza delle Regioni.
“In Germania vi accedono il 65% dei giovani ed è ritenuto il principale motivo di una disoccupazione giovanile all'8%,  che è la più bassa d'Europa. In Italia, dal punto di vista normativo, siamo in una fase avanzata della definizione degli aspetti regolatori a livello di tutte le Regioni, ma la vera sfida è l'applicazione di un contratto di lavoro che è ancora troppo poco attraente per le  imprese. Il contratto prevede infatti obblighi formativi importanti per le imprese, ma il sistema di incentivazione – gli sgravi contributivi – non è assolutamente proporzionato al compito formativo richiesto. Attualmente gli sgravi non sono collegati alla quantità e alla qualità della formazione prevista. Le imprese italiane sono soprattutte piccole e medie imprese e quindi fanno inevitabilmente grande fatica ad offrire agli apprendisti un contesto di formazione organizzato. La soluzione è dunque supportare la capacità formativa delle nostre aziende, creando un forte sinergia con il mondo dell'istruzione e della formazione professionale. Ciò può essere fatto anche attraverso la costituzione di poli tecnico professionali sul territorio, pensandoli come reti di soggetti pubblici e privati (scuole, agenzie formative, imprese, fondazioni Its, università) che mettono in comune risorse professionali e strumentali, a partire dai laboratori necessari a far acquisire ai ragazzi le competenze applicative. E qui torniamo all'esempio della Germania, dove esistono laboratori extra-aziendali che supportano le imprese che non hanno la possibilità di svilupparne uno al proprio interno. Questi laboratori extra-aziendali sono in gran parte finanziati dalle camere professionali. Ecco, forse dovremmo partire da qui, pensando ad utilizzare a questo scopo anche i fondi paritetici interprofessionali”.




( red / 13.11.12 )

+T -T
UE sblocca fondi sisma in Emilia Romagna

Errani: abbiamo fatto bene a riporre fiducia negli impegni già presi

(regioni.it) L’Unione Europea dà il via libera ai fondi per il sisma in Emilia Romagna. Il Consiglio Ue pertanto ha trovato un accordo a maggioranza qualificata sui 670 milioni di fondi per le popolazioni dell'Emilia Romagna colpite dal terremoto del maggio scorso.
"La notizia dello sblocco dei fondi per il terremoto ci riempie di soddisfazione, questa e' l'Europa che ci rappresenta tutti". Cosi' il commissario per la Ricostruzione e presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, ha commentato l'accordo sui contributi destinati alle aree colpite dal sisma. "Abbiamo fatto bene, sin da subito, a riporre fiducia negli impegni già presi dalla Commissione europea. Voglio ringraziare i parlamentari italiani ed europei, il nostro Governo e quanti si siano mobilitati per sostenere il giusto diritto delle popolazioni terremotate a un sostegno solidale che sarà molto importante nella fase di ricostruzione già avviata".
Solo tre paesi (Regno Unito, Finlandia e Svezia) si sono opposti alla proposta della presidenza di stralciare questo ammontare dagli altri fondi necessari per la rettifica del bilancio 2012, in particolare i 9 miliardi necessari per pagare le fatture già emesse (anche per il programma Erasmus).



( red / 13.11.12 )

+T -T
Documenti approvati dalla Conferenza Stato-Regioni del 30 ottobre

(regioni.it) Documento approvato dalla Conferenza Stato-Regioni del 30 ottobre sui costi della politica regionale, in base al lavoro congiunto svolto dalla Conferenza delle Regioni e dalla Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome: 
                    


( red / 13.11.12 )

+T -T
Conferenza Unificata del 30 ottobre 2012: Documenti approvati

Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top