Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2143 - martedì 13 novembre 2012

Sommario
- Rinviate al 22 novembre "Conferenza delle Regioni", "Stato-Regioni" e "Unificata"
- Polverini: entro venerdì data regionali Lazio
- Targetti: riflettere sul ruolo dell'apprendistato di primo livello
- UE sblocca fondi sisma in Emilia Romagna
- Documenti approvati dalla Conferenza Stato-Regioni del 30 ottobre
- Conferenza Unificata del 30 ottobre 2012: Documenti approvati

Napoli, Conferenza “Lavorare insieme per l’occupazione dei giovani”

+T -T
Targetti: riflettere sul ruolo dell'apprendistato di primo livello

(regioni.it) "Oggi abbiamo un'occasione importante per riflettere sul ruolo dell'apprendistato di primo livello”, un sistema finalizzato al raggiungimento della qualifica e del diploma professionale attraverso un percorso lavorativo, come possibile sistema duale sul modello tedesco”. Lo ha dichiarato Stella Targetti (vicepresidente Regione Toscana) che ha partecipato a Napoli alla Conferenza “Lavorare insieme per l’occupazione dei giovani”, come coordinatrice della Commissione 'Istruzione, lavoro, innovazione e ricerca' della Conferenza delle Regioni.
“In Germania vi accedono il 65% dei giovani ed è ritenuto il principale motivo di una disoccupazione giovanile all'8%,  che è la più bassa d'Europa. In Italia, dal punto di vista normativo, siamo in una fase avanzata della definizione degli aspetti regolatori a livello di tutte le Regioni, ma la vera sfida è l'applicazione di un contratto di lavoro che è ancora troppo poco attraente per le  imprese. Il contratto prevede infatti obblighi formativi importanti per le imprese, ma il sistema di incentivazione – gli sgravi contributivi – non è assolutamente proporzionato al compito formativo richiesto. Attualmente gli sgravi non sono collegati alla quantità e alla qualità della formazione prevista. Le imprese italiane sono soprattutte piccole e medie imprese e quindi fanno inevitabilmente grande fatica ad offrire agli apprendisti un contesto di formazione organizzato. La soluzione è dunque supportare la capacità formativa delle nostre aziende, creando un forte sinergia con il mondo dell'istruzione e della formazione professionale. Ciò può essere fatto anche attraverso la costituzione di poli tecnico professionali sul territorio, pensandoli come reti di soggetti pubblici e privati (scuole, agenzie formative, imprese, fondazioni Its, università) che mettono in comune risorse professionali e strumentali, a partire dai laboratori necessari a far acquisire ai ragazzi le competenze applicative. E qui torniamo all'esempio della Germania, dove esistono laboratori extra-aziendali che supportano le imprese che non hanno la possibilità di svilupparne uno al proprio interno. Questi laboratori extra-aziendali sono in gran parte finanziati dalle camere professionali. Ecco, forse dovremmo partire da qui, pensando ad utilizzare a questo scopo anche i fondi paritetici interprofessionali”.


martedì 13 novembre 2012


( red / 13.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top