Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2145 - giovedì 15 novembre 2012

Sommario
- Istat: “Aspetti della vita quotidiana”
- Riordino Province: approfondimento parlamentare
- Elezioni Lazio: Polverini in attesa sentenza Consiglio di Stato
- Cota: lo Stato deve al Piemonte 500 milioni
- Interventi Cappellacci e Passera su vicenda Sulcis
- Recessione: dati economici Istat, Bce, Eurostat

+T -T
Cota: lo Stato deve al Piemonte 500 milioni

Pronto tagliando Giunta

(regioni.it)Lo Stato deve al Piemonte 500 milioni di euro, risorse non erogate rispetto alle scadenze del 2012, afferma il presidente Roberto Cota, che si dice "molto preoccupato perchè‚ per questa situazione siamo in gravissima difficoltà. Se lo Stato non ha i soldi, lo dica, invece di scaricare le responsabilità sugli enti locali. Vedo inoltre - conclude Cota - che si continuano a fare missioni militari all'estero, mi pare che in questo momento non abbia molto senso''.
Nel contempo ''i costi della politica vanno assolutamente tagliati, vanno ridotti. Cominciando dal livello statale, dove i costi sono enormi'', ha detto Cota.
''Pensiamo che ci sono mille parlamentari ancora che fanno esattamente le stesse cose. Le spese dei ministeri non sono state ridotte. Poi e' ovvio che a livello locale bisogna dare l'esempio, anche a livello di Regioni. Nessuna discussione sul fatto che i costi della politica vadano razionalizzati, questo e' un punto. Altro aspetto sono i tagli sistematici che vengono fatti agli enti locali che sono tagli di risorse che rendono impossibile l'effettuazione dei servizi''.  ''Cosi' non puo' assolutamente funzionare, in Piemonte - ha ribadito ancora Cota - abbiamo una difficolta' di cassa perchè lo Stato non ci trasferisce circa 500 milioni. Soldi che ci devono, e che avrebbero già dovuto erogarci. Ovviamente questo, aggiunto a tutti gli altri tagli che le Regioni hanno subito, ci porta in una situazione di grave difficoltà''.  
 Aggiunge Cota intervistato dall’Ansa sull'election day: “è un obbligo in tempi di crisi. Non si capisce perchè sprecare 100 milioni votando due volte per le regionali e per le politiche nell'arco di due mesi: è assurdo e fuori da ogni logica'', afferma Cota.
Un altro passaggio dell'intervento di Cota al forum dell'ANSA riguarda anche il riordino delle province: ''E' solo una manovra di facciata che alla fine si tradurra' nel taglio dei servizi ai cittadini''. Il governatore piemontese si dice quindi contrario alla loro abolizione, perche' ''si occupano di servizi importanti sul territorio, come, tra l'altro, la manutenzione delle strade e l'edilizia scolastica''.
Quanto al rimpasto della giunta regionale, definita solo ''tagliando'', Cota assicura che ''sara' una operazione unica'' e che sara' pronta in pochi giorni''.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


( red / 15.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top