Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2151 - venerdì 23 novembre 2012

Sommario
- Il 25 Giornata internazionale contro la violenza sulle donne
- Trasporto pubblico locale e legge di stabilità: posizione Regioni
- Riordino Province: parere negativo
- Istat: conti economici regionali
- L'economia nelle regioni: i singoli studi di Bankitalia
- Istat: segnali positivi dalla bilancia commerciale

+T -T
Trasporto pubblico locale e legge di stabilità: posizione Regioni

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni e delle province autonome , nella riunione del 22 novembre ha approvato un ordine del giorno  in merito all’articolo 9 del disegno di  legge di stabilità 2013 relativo alle risorse per il trasporto pubblico. Tale documento è stato consegnato al Governo durante la  Conferenza Stato-Regioni ed è stato pubblicato nella sezione Conferenze del sito www.regioni.it
ORDINE DEL GIORNO  IN MERITO ALL’ARTICOLO 9 DEL DISEGNO DI  LEGGE DI STABILITA’ 2013
Punto 6) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome,
visto il testo dell'art. 9 del ddl di Stabilità 2013, che modifica l'art. 16-bis della legge 7 agosto 2012, n. 135, di conversione del decreto-legge n. 95/12, trasmesso alle Regioni, per l'espressione del parere, in data 17 ottobre 2012;
visto il parere delle Regioni e Province autonome, espresso in Conferenza Unificata nella seduta del 25 ottobre u.s.;
visto il testo dell'art. 9 del ddl di Stabilità 2013, approvato dalla Camera dei deputati;
visto lo schema di D.M. di riparto delle risorse del Fondo per il TPL di cui all'art. 21, comma 3, del DL 98/11, convertito con legge n. 111/11, trasmesso alle Regioni a statuto ordinario in data 9/11/12 per l'espressione dell'intesa, che quantifica le risorse di cui al Fondo TPL in € 1.180.544.766;
considerato che il nuovo testo dell'art. 9 del ddl di stabilità 2013 non recepisce alcuna delle osservazioni delle Regioni, di cui al documento del 25 ottobre u.s.;
considerato che il nuovo testo dell'art. 9 in argomento, abrogando esplicitamente l'art. 21, comma 3, del DL 98/11, sembra eliminare anche la previsione dell'esclusione di tali risorse dai vincoli del patto di stabilità interno;
considerato che l'Accordo 21/12/11 tra Governo, Regioni e Comuni prevedeva espressamente l'erogazione, per il 2012, delle risorse di cui al Fondo TPL per un importo pari a 1.200 M€;
RIBADISCE, in relazione all'art. 9 del ddl di Stabilità 2013, la posizione già assunta in sede di Conferenza Unificata del 25 ottobre u.s., evidenziando in particolare le seguenti criticità:
a) Fondo unico ferro-gomma; la sua introduzione non è accettabile per due principali ragioni: 1. fa confluire in un fondo di diretta gestione governativa risorse proprie delle Regioni, attualmente a destinazione libera e non gestibili con gli stessi criteri e modalità di riparto che si prevedono per le risorse destinate al trasporto pubblico locale ferroviario;
2. comporta un ritorno al sistema della finanza derivata, invece di procedere a una vera fiscalizzazione delle risorse, come previsto dal d.lgs. n. 68/2011 e dall'Accordo Governo-Regioni del 21/12/11;
b) fiscalizzazione con compartecipazione all’accisa: le Regioni hanno chiesto una la fiscalizzazione delle risorse per il TPL effettuata tramite l'aliquota addizionale IRPEF, in conformità a quanto previsto dal d.lgs.68/2011;
c) anticipazione annua del 60% delle risorse: una tale limitazione delle risorse erogate a titolo di anticipazione in attesa dei controlli sull’efficientamento del settore nei diversi ambiti regionali è assolutamente inadeguata alle esigenze del settore, atteso che oltre il 60% delle risorse va a copertura del solo costo del personale, per cui risulta evidente che sia accettabile un'anticipazione pari al 97%, anche perché qualsiasi criterio di penalizzazione non potrebbe avere un livello di incidenza da mettere in crisi il sistema;
d) non chiara esclusione delle risorse del Trasporto Pubblico Locale dal patto di stabilità interno.
CRITICA la riduzione effettuato con lo schema di D.M. di riparto delle risorse del Fondo per il trasporto pubblico locale anche ferroviario di cui agli articoli 21, comma 3, del decreto legge n. 98 del 2011 e 30, comma 3, del decreto legge n. 201 del 2011 – pari a 1.200 milioni di Euro – che sono portate a € 1.180.544.766. Tale riduzione è in contrasto con quanto previsto sia dalla già citata norma istitutiva del Fondo stesso, sia dall'Accordo Governo-Regioni del 21/12/2011, già disatteso nella parte in cui prevedeva lo stanziamento di ulteriori 86 milioni di Euro alla firma del Patto per l'efficientamento e la razionalizzazione del TPL, cui non si è pervenuti a causa dell'assenza di un preciso mandato politico e chiarezza da parte governativa, così come evidenziato dallo stesso art. 16-bis della legge n. 135/12. Si chiede, almeno, che tale impegno venga riposizionato sull’annualità 2013, sempre con la stessa finalità.
SOLLECITA il Governo a una rapida erogazione anche delle risorse destinate al pagamento dell'IVA sui contratti di servizio, di cui alla tabella della Ragioneria Generale dello Stato.
Roma, 22 novembre 201
Documento Approvato - TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E LEGGE DI STABILITA' (ART.9): ORDINE DEL GIORNO



( red / 23.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top