Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2154 - mercoledì 28 novembre 2012

Sommario
- Errani: non ci sono condizioni per nuovo Patto Salute
- Gasparri, Bricolo: Legge di stabilità va cambiata
- Balduzzi: nessuna privatizzazione della Sanità
- Rossi, Marini: sanità, tagli lineari non servono
- Lazio: entro settimana data elezioni regionali
- Sanità: Regioni su proposta modifica accreditamento e prestazioni a carico SSN

+T -T
Rossi, Marini: sanità, tagli lineari non servono

(regioni.it) La sanità non va privatizzata, anzi servono le risorse necessarie.
"Sono stati fatti dei tagli – ha dichiarato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi - al di sopra della sostenibilita', e cio' che e' stato presentato come spending review in realta' sono stati ancora una volta tagli lineari. Ho apprezzato molto l'uscita del Presidente Monti, quando ha detto che il sistema sanitario nazionale e' a rischio. Su questo ha perfettamente ragione. Ho apprezzato meno quando ha fatto un passo indietro e ha detto invece che le risorse ci sono".
“Si puo' certo risparmiare ancora. Si possono combattere ancora gli sprechi, ma tutto ha un limite. Io mi sono limitato a chiedere poca cosa: che almeno rientrino i 2 miliardi e quattro che sono stati tagliati dal governo Monti. Dopodiche' occorrera' allo stesso combattere gli sprechi, fare innovazione, togliere i doppioni, cose non facili da farsi nel rapporto con i cittadini, e poi, forse, anche pensare a qualche forma integrativa. I provvedimenti necessari, a mio parere, sono un mix di lotta agli sprechi, di razionalizzazione, di innovazione, ma anche di maggiori risorse. Il servizio sanitario nazionale deve essere mantenuto, lo ha detto anche il presidente della Repubblica".
"Venga in Toscana chi vuole a governare la sanita' con la spending review - ha aggiunge il presidente Rossi - Credo che non andrebbe da nessuna parte. Discutiamo, non si puo' dare a intendere ai cittadini che tutto va bene e che e' tutto un problema di sprechi. Noi ci stiamo a fare un accordo con il governo nazionale, a fare un nuovo patto per la salute. Ci chiami il presidente Monti, e anche il ministro Balduzzi, ci chiamino e discutiamo faccia a faccia a partire dal fatto che le risorse non sono sufficienti. Questo e' il punto vero".
Anche il presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, è intervenuta sulla questione del riordino del Servizio Sanitario Nazionale dopo le dichiarazioni del Presidente del Consiglio, Mario Monti sulla sostenibilita' finanziaria.
''I tagli fatti alla sanita' a partire dal 2011 - ricorda Marini - ammontano ad oltre 30 miliardi di euro e vedono questo settore al primo posto fra quelli del comparto pubblico ad aver contribuito al contenimento della spesa pubblica''. Marini sottolinea come ''il recente rapporto sulla spesa pubblica elaborato dal ministero dell'Economia riconosce che l'incremento della spesa sanitaria e' stata addirittura inferiore al tasso di inflazione, a differenza di quanto si e' registrato negli altri comparti pubblici''. ''Le dichiarazioni del presidente Monti, dunque – aggiunge Marini -, sono una ammissione del fallimento della politica dei tagli lineari applicati selvaggiamente negli ultimi due anni che, se da un lato stanno creando forti criticita' alla regolare erogazione dell'assistenza, dall'altra hanno spinto la sanita' pubblica in un vicolo cieco senza vie di uscita''.
Per la Marini ''si tratta di un atteggiamento che evidenzia una continuita' nelle scelte tutte in capo alla responsabilita' del ministero delle Finanze che dimostra di non avere alcuna cultura di programmazione e di difesa del servizio sanitario''.
''Tutto cio' al momento, si e' gia' tradotto in una situazione per cui il costo complessivo del servizio sanitario nazionale grava per il 25 per cento sui cittadini, chiamati a pagare il servizio due volte: prima attraverso la tassazione Irpef, poi con i ticket. Ed ora si vorrebbe aggiungere, sempre a carico dei cittadini, un terzo costo attraverso le assicurazioni integrative. Un sistema inaccettabile che vedrebbe odiose discriminazioni e garantirebbe il diritto alla salute proporzionalmente alla capacita' delle carte di credito dei cittadini''.
''Le Regioni - sottolinea ancora la presidente della Regione - rivendicano di aver offerto in questi anni il loro leale contributo per superare le difficolta' provocate dalla grave crisi economica, proponendo soluzioni concrete alla razionalizzazione dei costi, attraverso l'introduzione di innovazioni organizzative, per le quali le Regioni si impegnavano ad assumere pesanti responsabilita'. La risposta e' stata una politica di accentramento delle decisioni che vanificando il percorso intrapreso sul finanziamento secondo il modello dei costi standard, che rappresentava la soluzione opposta a quella dei tagli lineari e aveva visto le Regioni unanimi nell'assumersi la piena responsabilita' del superamento della copertura della spesa storica''.
''E' legittimo il sospetto - afferma la Marini - che le politiche di questi anni avessero l'obiettivo nascosto, ma non troppo, di aprire alla privatizzazione del sistema. Per quanto mi riguarda mi sento fortemente impegnata nella difesa della natura pubblica e universalistica del Sistema sanitario nazionale, sapendo di interpretare anche il sentimento degli operatori della sanita' pubblica, i malati, i cittadini che credono nella qualita' e nell'equita' del nostro servizio sanitario''.


--SALUTE. ERRANI: CON QUESTI TAGLI IMPOSSIBILE PATTO CON GOVERNO
 
 
 


( red / 28.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top