Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2154 - mercoledì 28 novembre 2012

Sommario
- Errani: non ci sono condizioni per nuovo Patto Salute
- Gasparri, Bricolo: Legge di stabilità va cambiata
- Balduzzi: nessuna privatizzazione della Sanità
- Rossi, Marini: sanità, tagli lineari non servono
- Lazio: entro settimana data elezioni regionali
- Sanità: Regioni su proposta modifica accreditamento e prestazioni a carico SSN

+T -T
Sanità: Regioni su proposta modifica accreditamento e prestazioni a carico SSN

Testo licenziato dalla Conferenza del 22 novembre

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 22 novembre, ha preso posizione sulla  proposta di legge d’iniziativa parlamentare n. 4269, recante  “modifiche agli articoli 8quater, 8-quinquies e 8-sexies del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, concernenti  l'accreditamento e l'erogazione delle prestazioni sanitarie a carico del servizio sanitario nazionale  da parte delle strutture pubbliche e private”.
Il documento - trasmesso dal Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al Presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Giuseppe Palumbo – è stato pubblicato nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it.
Si riporta di seguito il testo integrale.
In primo luogo le Regioni non ritengono condivisibile l'obiettivo alla base della proposta di realizzare una totale equiparazione fra strutture pubbliche e private in materia di accreditamento e remunerazione, enfatizzando il ruolo delle associazioni degli erogatori privati nella definizione dei sistemi di remunerazione. La Conferenza ritiene, infatti, che la diversa mission che il il D.Lgs 502/92 affida alle strutture pubbliche del SSN, incaricate di garantire la natura universalistica del sistema, rispetto agli erogatori privati, che devono integrare la loro offerta con quella pubblica per ottimizzare l'uso delle risorse, richieda una differente applicazione degli strumenti oggetto della proposta di modifica. Basti pensare ai servizi preposti all'emergenza/urgenza, per comprendere come il finanziamento a funzione richieda criteri differenziati di applicazione fra le strutture pubbliche, che impegnano ingenti risorse nell'assicurarli, e quelle private orientate ad offrire una assistenza programmata.
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome segnala in particolare i seguenti punti che comportano particolari criticità con la pregiudiziale di carattere generale che perle proposte di legge di iniziativa parlamentare che prevedono la modifica degli assetti in sanità sia sempre necessario assicurare un'adeguata copertura finanziaria a carico del bilancio dello Stato.
Articolo 8-quater Accreditamento istituzionale.
Comma 2: Gli erogatori accreditati sono svincolati dall’obbligo di esclusiva per il SSN senza limite alcuno, rendendo in pratica impossibile verificare il rispetto degli standard organizzativi relativi alla quota accreditata. Non e' chiaro inoltre se si intende superato il vincolo per i professionisti che operano in strutture accreditate private, di garantire l'esclusiva per il SSN.
Comma 8-bis: stabilisce che le tariffe regressive non possono intaccare il costo di produzione, prevedendo indirettamente di includere la voce utile nella determinazione della tariffa. E' noto che la tariffa regressiva è, invece, commisurata ai costi marginali di produzione, trattandosi di un taglio tariffario applicato alla quota esuberante quella contrattualizzata, su cui si basa la determinazione della tariffa piena.
Articolo 8-quinquies Accordi e contratti
Commi 2-quater/2-sexies: le procedure di definizione dei contratti/accordi con gli erogatori, prevedendo l’equiparazione fra le categorie, enfatizzano eccessivamente il ruolo delle associazioni degli erogatori privati, rendendo difficile il compito di indirizzo delle Regioni nella definizione dei piani di attività.
Articolo 8-quinquies Remunerazione.
Comma 1. Si prevede l’applicazione del i finanziamento secondo il criterio dell’ammontare globale predefinito (parte a tariffa e parte a funzione) sia per gli erogatori pubblici che privati. Si e' già detto in premessa la diversa mission delle due categorie di erogatori che non permette di applicare criteri identici.
Si segnala infine che sull'argomento e' in corso una revisione organica della materia da parte di una Commissione interistituzionale costituita in conformità a quanto previsto dal Patto per la Salute 2010-2012.
Roma, 22 novembre 2012
Documento Approvato - REGIONI SU PROPOSTA DI LEGGE SU ACCREDITAMENTO ED EROGAZIONE PRESTAZIONI SANITARIE A CARICO SSN DA PARTE STRUTTURE PUBBLICHE E PRIVATE



( red / 28.11.12 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top