Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2222 - lunedì 18 marzo 2013

Sommario
- Lombardia: il Presidente Maroni si è insediato
- Molise: Paolo Frattura è ufficialmente il Presidente della Regione
- Compartecipazione accisa carburanti per Fondo TPL: il parere delle Regioni
- Dirigenza medica e direzione di struttura complessa: linee guida
- Boldrini e Grasso eletti Presidenti di Camera e Senato
- Canzian: al nuovo governo chiederemo tavolo sul commercio

+T -T
Compartecipazione accisa carburanti per Fondo TPL: il parere delle Regioni

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nel corso della riunione del 13 marzo, ha espresso  un parere negativo – salvo l’accoglimento delle proposte emendative presentate in sede di Conferenza stato-Regioni-  sul Decreto di determinazione dell'aliquota di compartecipazione alle accise sulla benzina e sul gasolio per autotrazione destinate al fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario, nelle Regioni a statuto ordinario. Il parere e le proposte emendative sono contenute in un documento (approvato dalla Conferenza delle Regioni e consegnato al Governo nel corso della Conferenza Stato-Regioni del 13 marzo) pubblicato nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it . Si riporta di seguito il testo integrale.
Punto 11) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
L’art.16 bis del DL 95/2012, novellato dalla legge di stabilità 2013, prevede che il Fondo nazionale per il concorso dello Stato agli oneri del Trasporto pubblico locale sia alimentato dalla compartecipazione al gettito dell’accisa benzina e gasolio per autotrazione in misura tale da assicurare per ciascun anno del triennio 2013 – 2015, l’equivalenza delle risorse del delle accise regionali abrogate e dell’ex fondo trasporti pari a 4.929 milioni.
In occasione dell’Intesa Stato - Regioni del 7 febbraio scorso sul DPCM per la definizione dei criteri e delle modalità con cui ripartire e trasferire alle Regioni a statuto ordinario le risorse del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del Trasporto pubblico locale, le Regioni avevano manifestato preoccupazioni in ordine agli assunti con cui è stato costituito il Fondo nazionale per il TPL:
1. Il vincolo di destinazione imposto a una parte delle entrate tributarie regionali stravolge gli equilibri di bilancio se non si accedesse ad una certa interpretazione. La minore entrata tributaria ridurrebbe, infatti, la capacità di indebitamento delle regioni lasciando già oggi scoperti i mutui autorizzati e non contratti negli esercizi precedenti. Si sottolinea che non sarebbe più possibile sostenere il rimborso dell’indebitamento nel nuovo limite del 20% definito sulle entrate tributarie proprie senza vincoli di destinazione.
Si chiede, pertanto al Governo di condividere che le risorse in questione (pari a 4.929 milioni di €) siano considerate utili ai fini del calcolo della capacità di indebitamento delle Regioni e di inserire nel prossimo provvedimento utile la necessaria normativa se ritenuta indispensabile nel caso non si ritenga risolvibile la questione in via interpretativa.
2. Poiché l’art.16 bis assicura l’equivalenza delle risorse per il triennio 2013 – 2015, il Fondo deve assicurare tale importo (indipendentemente dal gettito effettivo della compartecipazione che con il Fondo non ha alcun legame). In caso contrario se l’ammontare dello stanziamento del Fondo non fosse di tale entità, il DPCM non darebbe seguito alla norma di legge e le Regioni non avrebbero certezze sulle risorse disponibili con conseguenze sulla copertura dei contratti di servizio e impossibilità di effettuare le gare per l’assegnazione del servizio al contrario di quello che si prefiggeva la normativa. La norma, inoltre, non prevede che l’aliquota di compartecipazione al Fondo sia rideterminata annualmente in base al gettito effettivo.
Le Regioni chiedono, pertanto che il testo del DPCM sia modificato così da renderlo coerente con la norma e così da assicurare la certezza delle risorse secondo il seguente emendamento:
Emendamento:
a) Alla fine del comma 2 aggiungere le seguenti parole: ", la cui dotazione complessiva è pari a euro 4.929.254.469";
b) il comma 4 è abrogato
La Conferenza esprime, pertanto, parere negativo salvo l’accoglimento dell’emendamento proposto e l’impegno del Governo a sostenere la modifica normativa necessaria per risolvere la questione di cui al punto 1.


( red / 18.03.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top