Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2250 - venerdì 3 maggio 2013

Sommario
- Serracchiani: ecco la nuova Giunta del Friuli Venezia Giulia
- UE: stime economiche della Commissione Europea
- Delrio: lavoro a Patto per la Repubblica
- Governo: Letta nomina Viceministri e Sottosegretari
- Errani scrive a Letta: risorse per danni maltempo in Emilia Romagna
- Agenzia delle Entrate: circolare su novità fiscali 2013

+T -T
UE: stime economiche della Commissione Europea

Per l'Italia non ci sono segni di ripresa a breve

(regioni.it) La Commissione UE rilancia le stime economiche dell’Italia. Nelle stime UE il deficit italiano per il 2013 si ferma al 2,9%, e nel 2014 scende al 2,5%.
Nelle stime della Commissione Ue si conferma come l'Italia stia sotto la soglia fatidica del 3% e quindi sulla strada per chiudere la procedura per disavanzo eccessivo. Ma comunque per l'Italia - secondo la Commissione UE - "non ci sono segni di ripresa a breve" e il pil "continua a contrarsi", portandosi a -1,3% per il 2013 e 0,7% nel 2014.
Il debito italiano sale a 131,4% nel 2013 e a 132,2% nel 2014: la Commissione Ue rivede quindi al rialzo le stime di febbraio che lo davano al 128% per il 2013 e 127% nel 2014. Solo la Grecia ha un debito più alto (175,2% per il 2013).
La fiducia di imprese e consumatori è ancora negativa. E il pil continua a contrarsi (-1,3% per il 2013), ''sulla base di persistente incertezza e continua difficolta' di accesso al credito''.
Anche la disoccupazione continua resta sotto il segno negativo: raggiungera' quota 11,8% nel 2013 e sfondera' la soglia del 12%, arrivando al 12,2% nel 2014, contro rispettivamente l'11,6% e il 12% stimati a febbraio.
Ma è prevista una  ''stabilizzazione'' il prossimo anno. Secondo le stime della Commissione, ''la ripresa dell'attivita' economica e' troppo lenta per ridurre la disoccupazione'' che per il 2013 e il 2014 nell'eurozona resta invariata rispetto alle vecchie stime, rispettivamente al 12,2% e 12,1%.
''Senza riforme - avverte la Commissione UE - l'alta disoccupazione potrebbe mettere a rischio la coesione sociale''.

http://ec.europa.eu/economy_finance/eu/forecasts/2013_spring_forecast_en.htm

 


( red / 03.05.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top