Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2256 - lunedì 13 maggio 2013

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 16 maggio
- Sospensione Imu: Cattaneo, Anci teme crisi di liquidità per i Comuni
- Rossi: abbiamo bisogno anche di un social compact europeo
- Aumenta la richiesta di prestiti per sposarsi
- Elezioni amministrative: il 26 e 27 maggio si vota in 564 Comuni
- Piemonte: Cota, ridotto l'aumento Irpef

+T -T
Aumenta la richiesta di prestiti per sposarsi

I dati regione per regione

(regioni.it) La crisi fa sentire i suoi effetti anche sulle spese per affrontare il matrimonio: è spesso quella del “prestito” è una scelta obbligata. Il sito  Facile.it (http://www.facile.it/prestiti.html), con la collaborazione di Prestiti.it(www.prestiti.it), ha analizzato oltre 20.000 richieste di finanziamento presentate negli ultimi 6 mesi in Italia scoprendo che, se nel 2011 la percentuale rappresentata dai prestiti per i matrimoni sul totale di quelli richiesti era dell’1,7%, oggi è arrivata al 2,4%, vale a dire un incremento del 41% in appena due anni. Se è vero che proporzionalmente i prestiti finalizzati al pagamento di matrimoni e cerimonie sono cresciuti, va evidenziato come, rispetto alla rilevazione del 2011 si sia notevolmente ridotto l’importo richiesto passato da una media di 16.000 euro ad appena 9.000. Gli importi maggiori vengono richiesti nel Lazio (12.570 euro in media), che precede la Calabria (11.700 euro) e la Puglia (10.450 euro); prima regione del nord il Veneto, dove la richiesta media si attesta a 9.925 euro. Importi decisamente più contenuti nelle Marche, in Liguria ed in Sardegna dove non si superano i 6.000 euro. Il maggior numero di richieste per i prestiti finalizzati a matrimoni o cerimonie arriva dalla Campania che, da sola, rappresenta quasi il 17% del totale; da notare come, in questa regione, i prestiti per matrimoni siano più del 4% di quelli richiesti, dato quasi doppio rispetto a quello nazionale; a seguire si trovano la Lombardia (14,7%), la Sicilia (10,8%) ed il Lazio (8,3%). A richiedere un prestito personale finalizzato al matrimonio sono principalmente dipendenti privati, ma il 6,5% di chi fa domanda è pensionato; ciò è ovviamente dovuto alla volontà di aiutare i propri figli a sostenere le spese per il matrimonio.
Ecco di seguito gli importi medi richiesti in ciascuna regione italiana per i prestiti finalizzati al matrimonio:

Regione

Importo richiesto

Lazio

€ 12.570

Calabria

€ 11.700

Puglia

€ 10.450

Umbria

€ 10.000

Veneto

€ 9.925

Abruzzo

€ 9.320

Lombardia

€ 9.020

Campania

€ 8.970

Sicilia

€ 8.440

Trentino

€ 7.760

Toscana

€ 7.470

Piemonte

€ 7.300

Emilia

€ 7.125

Sardegna

€ 6.000

Liguria

€ 5.600

Marche

€ 5.250

Basilicata

n.d

Friluli V.G.

n.d

Molise

n.d

VdA

n.d

E la percentuale rappresentata dalle richieste provenienti dalla regione sul totale nazionale:

Regione

% su Nazione

Campania

16,7%

Lombardia

14,7%

Sicilia

10,8%

Lazio

8,3%

Emilia R.

6,9%

Puglia

6,4%

Piemonte

6,2%

Toscana

6,2%

Veneto

5,0%

Calabria

4,4%

Liguria

2,5%

Trentino AA

2,3%

Abruzzo

1,8%

Marche

1,8%

Sardegna

1,6%

Umbria

1,6%

Friluli V.G.

0,9%

Basilicata

0,7%

Molise

0,7%

VdA

0,5%



( red / 13.05.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top