Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2260 - venerdì 17 maggio 2013

Sommario3
- Cig in deroga; arriva 1 miliardo: Errani, "risposta importante"
- Riforme: Seminario dei Presidenti delle Regioni il 23 maggio
- Riforme istituzionali: il documento della Conferenza delle Regioni del 24 marzo 2011
- UE: posizione su Disciplina aiuti di Stato "de minimis"
- Assistenza agli anziani: nel 2050 potrebbe assorbire due terzi delle risorse
- Campania: due nuovi assessori

+T -T
Cig in deroga; arriva 1 miliardo: Errani, "risposta importante"

"Sappiamo però che le richieste vanno oltre lo stanziamento previsto"

(regioni.it) Il Consiglio dei ministri del 17 maggio ha deciso l’ulteriore finanziamento dello strumento della Cassa integrazione in deroga. La CIG, infatti, è già stata finanziata dalla legge 92 del 2012 per 990 milioni di euro. Per far fronte all’emergenza occupazionale il governo ha stanziato una cifra di 1 miliardo di euro. Inoltre, con questo intervento si sbloccano le risorse per i contratti di solidarietà.Infine il decreto avvia un monitoraggio volto ad assicurare un uso ottimale delle risorse disponibili e finalizzato alla revisione strumentale del sistema degli ammortizzatori sociali da realizzare attraverso il dialogo con le parti sociali e con le autonomie.
“La decisione assunta oggi dal Consiglio dei Ministri in relazione al finanziamento della cassa integrazione in deroga è una risposta importante” Lo ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani.
“Sappiamo però – prosegue Errani - che le richieste vanno oltre lo stanziamento previsto per cui sarà necessario continuare a lavorare con impegno in questa direzione.
Siamo comunque pronti, come abbiamo già ribadito in tutte le sedi istituzionali- conclude Errani - al tavolo di confronto con il Governo e con le Parti sociali per verificare il sistema degli ammortizzatori sociali in deroga”.
Sulla stessa lunghezza d’onda l'assessore alle attività produttive lavoro formazione della Regione Toscana Gianfranco Simoncini, coordinatore per il settore lavoro della Conferenza delle Regioni, secondo il quale “le risorse messe a disposizione dal governo per gli ammortizzatori sociali in deroga, permettono di allentare la pressione sociale e di dare una prima risposta a molti lavoratori ma non sono sufficienti”
“Il decreto - prosegue Simoncini - stanzia infatti 1 miliardo di euro, circa la metà delle risorse che, sommate a quelle già stanziate, abbiamo stimato servirebbero a coprire il fabbisogno complessivo per tutto l'anno, fabbisogno che ipotizziamo attorno ai 3 miliardi”.
 Comunicato stampa - Consiglio dei ministri n. 4


( red / 17.05.13 )

+T -T
Riforme: Seminario dei Presidenti delle Regioni il 23 maggio

La relazione introduttiva al dibattito sarà tenuta dal Presidente della Toscana, Enrico Rossi

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 16 maggio ha deciso di tenere un seminario di approfondimento per giovedì 23 maggio 2013 alle ore 10.00. presso la sede della Conferenza in Via Parigi 11, Roma, sul tema delle riforme istituzionali per affrontare in maniera sistematica il complesso delle questioni legate alla riforma della parte II della Costituzione e all’assetto della governance locale, anche in riferimento al dibattito che si aprirà nei giorni successivi in Parlamento e al programmato incontro con il Presidente del Consiglio dei Ministri (vedi “Regioni.it” n.2259)
Il seminario, riservato ai soli Presidenti o Assessori delegati, avrà come base le posizioni consolidate della Conferenza a partire dall’ultimo documento del 24 marzo 2011 sulle “Prospettive di riforma relative alle ipotesi di modifica della parte II della Costituzione” (cfr. notizia successiva).
La relazione introduttiva al dibattito sarà tenuta dal Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.
L’incontro potrebbe impegnare l’intera giornata.

(23/05/2013) SEMINARIO SU RIFORME ISTITUZIONALI - Conferenza Regioni e Province Autonome


( red / 17.05.13 )

+T -T
Riforme istituzionali: il documento della Conferenza delle Regioni del 24 marzo 2011

(regioni.it) Le riflessioni del seminario a cui parteciperanno i Presidenti delle Regioni (o Assessori delegati) il prossimo 23 maggio (vedi notizia precedente) , consentiranno di approfondire il tema delle riforme istituzionali in vista degli sviluppi possibili legati al futuro dibattito parlamentare e al programma del Governo Letta.
I lavori prenderanno spunto da un documento che fu approvato dalla Conferenza delle Regioni il 24 marzo del 2011 (che si ripropone di seguito nella sua versione integrale), nonchè dalle precedenti posizioni della Conferenza sulle riforme istituzionali e sulla carta delle autonomie 8 i cui link sono riportati in fondo all'articolo).
Prospettive di riforma relative alle ipotesi di modifica della parte seconda della Costituzione
Il presente documento è redatto con la finalità di fornire alcune valutazioni, di carattere strettamente giuridico, sulle prospettive di riforma costituzionale per definire una posizione da rappresentare al Parlamento. Nel corso della scorsa legislatura era stata avviata un’ampia riflessione sulle iniziative necessarie a portare a compimento il disegno di riforma avviato nel 2001, nell’ambito della quale la Conferenza delle Regioni condivise alcuni punti essenziali, preceduti da una riflessione generale di contesto, che proponeva “un accordo di consultazione preventiva”, e l’abbandono della logica delle decisioni separate, proponendo un metodo di condivisione stabile tra Stato e Regioni, inteso come determinazione ex ante delle principali linee di intervento, nell’interesse stesso dell’efficacia delle iniziative da intraprendere.
Forse oggi, ancor più che in passato, sarebbe necessaria una premessa metodologica da condividere con lo Stato, alla quale subordinare l’avvio di qualsiasi riflessione, sulla base del rilievo che le riforme costituzionali richiedono larga condivisione e larghe intese.
Non va sottovalutato, al riguardo, che le difficoltà incontrate nel percorso di attuazione della riforma del Titolo V non sono tanto la conseguenza di disfunzioni del modello costituzionale, quanto di disfunzioni attinenti alle caratteristiche e agli equilibri del nostro sistema politico.
In ogni caso, qualsiasi riforma costituzionale dovrà essere attentamente valutata verificandone la reale necessità e concentrando l’attenzione sulle modifiche imprescindibili, rifuggendo da una prospettiva di riscrittura di ampie parti del testo costituzionale che in una fase, come quella attuale, rischierebbero di pregiudicare gli equilibri necessari a portare compimento il percorso del federalismo.
Del resto, anche il più recente dibattito scientifico ha messo in luce la necessità di abbandonare l’idea della “grande riforma” e, al contrario, la necessità di confermare l’impianto di fondo della Costituzione, della quale va riconosciuto appieno il valore, non solo in chiave storica. Questo implica la necessità di una “manutenzione” della Costituzione, che si concentri sugli snodi davvero essenziali.
I nodi dell’assetto costituzionale e i problemi irrisolti
A distanza di ormai dieci anni dall’entrata in vigore della riforma costituzionale del 2001, le Regioni, nell’ottica di esprimersi nuovamente in una indagine parlamentare sul tema delle prospettive di riforma costituzionale, non possono, da un lato, non richiamare gli snodi essenziali del sistema costituzionale, così come costantemente individuati dalla Conferenza, e dall’altro non constatare come la maggior parte di essi attenda ancora una positiva soluzione.
La recente manovra economica, il cammino, sempre più faticoso e disarticolato, delle norme che dovrebbero fungere da nuova cornice istituzionale dell’ordinamento nel suo complesso, ormai frammentate in una pluralità di testi normativi in diverso grado di maturazione e spesso in contraddizione tra di loro, allontanano sempre più la concreta realizzabilità dei perni essenziali del sistema costituzionale, costantemente individuati dalla Conferenza:
a) nell’istituzione del Senato federale e nella conseguente rivisitazione e potenziamento del sistema delle conferenze e degli strumenti della leale collaborazione, quali gli accordi e le intese;
b) nella realizzazione di un federalismo fiscale compiuto basato su responsabilità e autonomia, coerente e strettamente connesso ai poteri legislativi regionali.
L’attuazione della riforma costituzionale, prospettata dalla Conferenza, sembra ormai compromessa dalle dinamiche emergenziali che finiscono per condizionare la vista stessa delle istituzioni.
È in questo nuovo contesto che trova conferma, in molte sue parti, il documento della Conferenza dell’ottobre 2006, sia sotto il profilo dei contenuti sia dei principi enunciati.
Quanto ai due temi di fondo posti dall’audizione – Senato federale e riparto di competenze legislative – le Regioni assunsero fin da allora una posizione molto esplicita, che intendono ancora ribadire, pur tenendo conto del mutato contesto istituzionale di riferimento.
Istituzione del Senato federale e superamento del bicameralismo perfetto
Da parte delle Regioni resta confermato che la istituzione di una Camera delle autonomie (o Senato federale) deve essere uno degli obiettivi principali, a breve termine, soprattutto se si considera che è rimasta totalmente priva di attuazione la norma che prevede la integrazione con rappresentanti delle autonomie territoriali della Commissione parlamentare per le questioni regionali (articolo 11 della L. Cost. 3/2001).
Si tratta, infatti, di una prerogativa fondamentale che garantisce alle Regioni e alle Province Autonome e alle Autonomie un intervento diretto nell’iter di formazione delle leggi statali.
È una sede, questa, diversa e ben distinta da quella nella quale si attua il rapporto tra esecutivi quali sono attualmente la Conferenza Unificata e la Conferenza Stato-Regioni, per le quali i Presidenti richiamano la necessità di un rafforzamento mediante la sostanziale costituzionalizzazione. Si può richiamare, al riguardo, il disegno di legge costituzionale approvato nel 2006 (c.d. devolution).
Nell’ottica prioritaria e non rinviabile di dare compiuta attuazione alla revisione del Titolo V della Costituzione, si ritiene necessaria l’immediata integrazione della Commissione parlamentare per le questioni regionali, ai sensi dell’art. 11, l. cost. 3/2001, non per frenare l’attivazione del Senato delle Regioni, ma quale modello sperimentale – a Costituzione invariata - di partecipazione “diretta” regionale nell’iter di formazione delle leggi statali.
L’immediata attuazione dell’art. 11, l. cost. 3/2001 deve procedere parallelamente all’iter, più articolato, di revisione costituzionale per la trasformazione del Senato in Senato delle Regioni: l’entrata a regime del Senato delle Regioni, considerati i tempi previsti dalle più recenti iniziative di revisione costituzionale, potrebbe richiedere tempi non brevi da utilizzare validamente per “testare” gli effetti del funzionamento della cd. “bicameralina” e innestare progressivamente questo nuovo organo nel tessuto costituzionale.
In relazione alla composizione del Senato federale, i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome ribadiscono la posizione costantemente espressa dalla Conferenza; confermano la convinzione che la migliore soluzione sia quella prevista dal modello tedesco, che consentirebbe l’introduzione del vincolo di mandato per i suoi componenti, presupposto essenziale per la effettiva rappresentanza dei territori. Anche in presenza di una proposta di diverso segno, quale è stata la bozza Violante, i Presidenti hanno sempre ribadito la convinzione di fondo della necessaria presenza dei Presidenti, quali membri di pieno diritto.
Del resto, la previsione di un sistema di rappresentanza delle istituzioni regionali (più che dei rispettivi elettorati) appare condizione necessaria per garantire al nuovo Senato quella forza ed autorevolezza indispensabili ad assolvere la funzione di perno fondamentale tra unità nazionale ed impianto federale dell’ordinamento. A questo stesso scopo, occorre riflettere attentamente sulle specifiche funzioni che dovranno essere assegnate al nuovo Senato federale, evitando la logica, sinora seguita, di costruirle “per sottrazione” rispetto a quelle della Camera. La differenziazione delle funzioni tra le due Camere non deve quindi condurre ad un declassamento della collocazione costituzionale e della natura politica della seconda Camera.
È in questa prospettiva che si può procedere ad una revisione del bicameralismo perfetto, tenendo conto dell’esigenza di snellire le procedure legislative, evitando sovrapposizioni di ruoli ma garantendo al contempo al Senato federale un insieme di prerogative tali da assicurarne la effettiva partecipazione alla elaborazione delle scelte fondamentali della Repubblica. In questo senso la riforma del bicameralismo è la principale integrazione di cui il Titolo V abbisogna per dar vita ad un federalismo ben temperato.
Allo stesso tempo, le Regioni, nel ribadire l’importanza della istituzione del Senato federale non possono non tener conto dell’evidente marginalizzazione che in questo momento sta vivendo il Parlamento quale sede di negoziazione politica e di decisione istituzionale, dovuta non solo al cattivo funzionamento delle istituzioni parlamentari (complicazione, lunghezza ed inutilità di molte procedure; eccessiva pletoricità delle assemblee etc..) ma anche ad altri fattori, tra i quali, in particolare, un evidente sbilanciamento dell’equilibrio dei poteri legislativi tra Governo e Parlamento.
In questo senso, ci si riferisce, in particolare, ai fenomeni, particolarmente accentuati nelle ultime legislature, dell’uso abnorme della decretazione d’urgenza, del ricorso pervasivo alla questione di fiducia che viene a privare il Parlamento di ogni capacità di intervento sui testi legislativi ed, infine, al ricorso massiccio alle ordinanze di necessità di urgenza che consente al Governo di disciplinare con fonti normative, del tutto estranee al circuito parlamentare e allo stesso vaglio del Presidente della Repubblica, vitali settori di amministrazione che coinvolgono interessi primari del Paese.
È evidente che, in mancanza di misure in grado di ridimensionare questi fenomeni e a restituire al Parlamento la sua centralità, qualsiasi riforma volta ad assicurare alle Regioni una rappresentanza all’interno del Parlamento risulterebbe assai depotenziata. Per questo motivo, si ritiene che il progetto di riforma costituzionale volto all’istituzione del Senato federale, dovrebbe essere accompagnato, se non anticipato, da riforme ordinarie (sia di legislazione ordinaria che dei regolamenti parlamentari) relative alle modalità di esercizio del potere normativo da parte del Governo e del Parlamento, pur senza dimenticare l’esigenza della governabilità, cioè della capacità di assumere decisioni in tempo ragionevole, garantendo così l’efficacia dell’azione di governo.
In questa stessa direzione della riqualificazione dell’istituzione parlamentare, vanno senz’altro accolte con favore le iniziative volte a ridurre drasticamente il numero dei parlamentari.
Composizione Senato delle Regioni
Quanto alla composizione del Senato delle Regioni, la preferenza regionale si è sempre orientata per un modello che ricalcasse la composizione del Bundesrat tedesco. Tale preferenza non è venuta meno e tuttora si insiste sulla validità di tale modello.
Su questa ipotesi, tuttavia, ad oggi non vi è stata una sufficiente convergenza a livello parlamentare; i più recenti progetti maturati a livello parlamentare hanno prospettato modelli diversi: a) il modello della cd. “devolution”, ovvero quello del testo costituzionale, non confermato con il referendum del Giugno 2006, che prevede l’elezione diretta dei Senatori tra gli elettori residenti nella Regione di riferimento o titolari di cariche, in quanto eletti nel rispettivo ambito regionale; b) il modello della cd. “bozza Violante” del 2007, con rappresentanza regionale indiretta, eletta dai Consigli regionali e dai Consigli delle autonomie locali.
Al di là del modello che il legislatore statale intenderà adottare, si ritengono comunque imprescindibili due punti:
1. i Presidenti di Regione devono poter far parte del Senato, quali membri di diritto, in rappresentanza delle rispettive istituzioni regionali;
2. nella determinazione della quota di rappresentanti spettanti a ciascuna Regione in Senato occorre tener conto anche del criterio di proporzionalità rispetto alla popolazione residente/votante, al fine di evitare possibili squilibri di rappresentatività territoriale (squilibri cui la Conferenza delle Regioni chiese di ovviare in sede di audizione sulla cd Bozza Violante).
Funzioni del Senato delle Regioni
Con riguardo alle funzioni che il Senato delle Regioni sarebbe chiamato ad esercitare, sembrano potersi fissare, anche alla luce delle esperienze e degli sviluppi politico-istituzionali successivi alla riforma del Titolo V, i seguenti punti:
1. con riguardo all’attività legislativa, il Senato delle Regioni, tra le altre prerogative, dovrebbe ricoprire un ruolo forte nella determinazione dei principi fondamentali in materie di competenza concorrente;
2. ruolo altrettanto forte dovrebbe ricoprire in ordine alle decisioni fondamentali di finanza pubblica ex l. 196/2009.
Si tenga presente che l’art. 11, c. 2, della l. cost. 3/2001 prevede un aggravio dell’iter parlamentare proprio per il caso in cui la Commissione integrata di cui al comma 1 abbia espresso parere negativo su di un progetto di legge riguardante le materie di cui al terzo comma dell'articolo 117 e all'articolo 119 della Costituzione. Ciò a conferma dell’esigenza che la definizione di principi fondamentali in materia legislativa e di decisioni fondamentali in materia di finanza pubblica veda la partecipazione, con poteri significativi, di un’istanza rappresentativa delle Regioni anche a livello di formazione delle leggi. In questo senso il Senato delle Regioni potrebbe contribuire all’effettiva riduzione del contenzioso costituzionale fra potere centrale e Regioni determinato dalla incertezza del confine tra i due livelli di legislazione.
- Seconda Camera e sistema delle garanzie.
L’introduzione della Camera delle Regioni dovrebbe accompagnarsi ad una revisione del sistema delle garanzie
In primo luogo si dovrà modificare il procedimento di revisione costituzionale in modo da riconoscere un ruolo significativo alla Seconda Camera: le leggi costituzionali e di revisione costituzionale dovrebbero approvarsi col consenso necessario di quest’ultima. È tipico, infatti, dei sistemi federali coinvolgere, direttamente o indirettamente, le autonomie territoriali nel processo di riforma della Costituzione: poiché questa è un patto, un foedus tra le entità federate, occorre l’accordo delle entità federate per modificare i termini del patto.
In secondo luogo si dovrà attribuire alla Seconda Camera il potere di ricorrere direttamente alla Corte costituzionale in caso di violazione delle sue competenze legislative, ricorso che potrà essere proposto sia contro le deliberazioni della Camera dei deputati, sia contro gli atti governativi con forza di legge (la cui adozione dovrà essere circoscritta alle sole materie di competenza esclusiva).
In terzo luogo occorre riconoscere alla Seconda Camera il potere di designare un numero congruo di giudici costituzionali. Nei sistemi federali (e regionali) una buona parte delle funzioni esercitate dai tribunali costituzionali attengono al rispetto dei riparti di competenza tra livelli di governo: occorre, pertanto, che nella composizione dei collegi giudicanti sia ben presente la sensibilità per le istanze autonomistiche.
- Il numero dei rappresentanti per regione.
Una questione di rilievo è stabilire se accogliere o no il principio dell’uguale rappresentanza delle regioni in seno alla Seconda Camera.
Molti ritengono che un’applicazione coerente del principio federale esigerebbe il suo accoglimento, attribuendo a ciascun’entità federata un numero eguale di senatori, senza tenere conto delle differenti dimensioni demografiche. Com’è noto, il caso paradigmatico è costituito – ancora una volta – dal sistema nordamericano, che assegna due senatori a ciascuno stato membro: la California, che ha oltre 35 milioni di abitanti, esprime lo stesso numero di senatori del Maine, la cui popolazione invece non arriva a 1 un milione e 500.000.
È noto che questa distorsione rappresentativa caratteristica del Senato americano fu un punto fondamentale di accordo tra Federalisti e Antifederalisti, una concessione fatta alle posizioni di questi ultimi affinché fosse possibile l’adozione della costituzione federale. Difatti è il retaggio di una logica di tipo confederale, secondo cui gli stati membri sono entità politiche originariamente indipendenti e sovrane. Al momento attuale questa distorsione rappresentativa è accettata per la forza d’inerzia esercitata dallo status quo: è più facile conservare le tradizioni esistenti che introdurne di nuove. E tra l’altro, come già si è detto, non è tanto vero che veicoli nel sistema federale le istanze della rappresentanza territoriale.
Peraltro, introdurre ex novo nel contesto costituzionale italiano la regola dell’eguale rappresentanza delle regioni si scontrerebbe fatalmente contro obiezioni insuperabili. Soprattutto sarebbe messa seriamente in discussione la legittimità democratica di una rappresentanza territoriale così congegnata, specialmente nella misura in cui pretendesse di operare come organo di co-legislazione alla pari della rappresentanza politica generale.
Dunque è più opportuno e realistico adottare un criterio che attribuisca alle regioni un numero variabile di senatori, in rapporto al numero degli abitanti, come nel caso del sistema tedesco, dove ciascun Land ha almeno tre rappresentanti (e quindi tre voti), ma i Länder con più di due milioni di abitanti ne hanno quattro, e quelli con più di sei milioni ne hanno cinque. Come si vede, non si applica un principio di rigorosa proporzionalità e i Länder più piccoli sono sicuramente sovrarappresentati rispetto a quelli più grandi: ciò nondimeno si riconosce alle autonomie territoriali più popolose un peso politico maggiore.
Senato delle Regioni e Conferenza delle Regioni
La creazione del Senato delle Regioni non dovrà comportare il venir meno del ruolo della Conferenza Stato-Regioni.
Il Senato delle Regioni dovrebbe rappresentare il luogo privilegiato del raccordo relativo all’attività legislativa. La Conferenza dovrebbe invece costituire il luogo privilegiato del raccordo intergovernativo. Del resto, la complementarietà del ruolo dei due organi di rappresentanza al centro degli interessi delle autonomie e, quindi, la compresenza degli stessi è stata immaginata sia nel progetto scaturito in sede di Commissione parlamentare per le riforme costituzionali (XIII legislatura) sia dalla legge costituzionale di riforma del 2006, non confermata dal referendum ex art. 138 Cost..
Appaiono anzi maturi i tempi per dare nuovo slancio all’organismo nato in un contesto istituzionale profondamente diverso da quello attuale (basti pensare che la sua nascita è antecedente alle leggi Bassanini) e che ha soltanto in parte potuto far fronte alla esigenza di costituire un luogo di raccordo con il Governo centrale. Il processo di costituzionalizzazione e istituzionalizzazione dello stesso risponderebbe a questa esigenza.
La Conferenza dovrebbe essere la sede di attivazione di processi di co-decisione nelle materie riservate all’intervento dello Stato, ma nelle quali sono direttamente coinvolti gli interessi degli enti territoriali, offrendo ai loro rappresentanti una sede istituzionale in cui far valere le proprie esigenze.
Ciò non significa che la Conferenza Stato-Regioni debba senz’altro essere collocata, anche strutturalmente, presso il Governo, soprattutto dopo il nuovo Titolo V. Dottrina e giurisprudenza hanno già sottolineato il ruolo significativo a cui assolve la Conferenza: “Un primo punto dovrebbe consistere nello “scardinare” o quantomeno allentare la collocazione della Conferenza Stato-Regioni presso il Governo, al fine di costituirla come organo istituzionalmente autonomo, con una propria sede, esplicitamente investito della funzione di rappresentanza territoriale. L’idea espressa dalla Corte costituzionale nella sent. 116/1994, per cui la Conferenza non è un organo “né del governo, né dei territori” bensì “della comunità nazionale” appare ancor più valida dopo la riforma costituzionale del 2001: prendendo sul serio il “nuovo” art. 114, si potrebbe anche dire che essa è un organo “della Repubblica” e non di uno o dell’altro dei suoi “componenti”. Esprime il momento dell’unità, della cooperazione “paritaria”, non quello della subordinazione politica”.
Si tratterebbe di ridare impulso e nuovo sviluppo ad un’idea già maturata nella citata “Bicamerale ” e in parte ripresa dalla riforma del 2006 ove fu ipotizzata l’istituzione della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni come organismo a rilevanza costituzionale, con compiti di coordinamento tra gli organi di governo dei vari enti territoriali costitutivi della Repubblica.
Il riparto di competenza legislativa tra Stato e Regioni
Il secondo tema di fondo, cui è dedicata l’audizione, attiene al riparto delle competenze legislative. Per la verità, la formulazione del quesito lascia chiaramente intendere la volontà di procedere verso una revisione del catalogo di materie di competenza legislativa regionale, nel senso di una ricollocazione in capo allo Stato di materie ora ascritte alla competenza concorrente. Ora, che sia responsabilità dell’elenco troppo lungo delle materie attribuite alle regioni la causa del disordine è senz’altro dubbio e non può trovare il consenso delle Regioni; non è il modello di riparto delle competenze a risultare inadeguato, inadeguata è apparsa invece la sua applicazione. Questa, del resto, è la linea da sempre sostenuta dalle Regioni, persuase della validità dell’attuale impianto costituzionale, e convinte piuttosto che occorra una sua più fedele attuazione, a cominciare dalla corretta individuazione di nuovi principi fondamentali, per consentire il pieno esplicarsi della potestà legislativa regionale. Il legislatore statale non solo ha disatteso tale esigenza ma ha prodotto costantemente una legislazione statale invasiva, con la ricentralizzazione massiccia e sistematica di funzioni, che ha alterato completamente l’equilibrio delle competenze nel nostro sistema multilivello. Non è nell’elenco delle materie che va cercata la causa della difficoltà complessiva di governo del sistema. Se anche fosse vero che le materie assegnate alla competenza delle Regioni sono troppe, ugualmente non sarebbe nella loro riduzione la soluzione al problema della funzionalità del sistema. Le Regioni hanno sempre reclamato l’importanza dei meccanismi di implementazione della riforma come unica prospettiva di efficacia del modello; e infatti le complesse situazioni di governance, cui le stesse sono state chiamate a far fronte, hanno dimostrato che in presenza di meccanismi adeguati e reali di leale collaborazione il modello costituzionale tiene ed è in grado di fornire adeguate risposte. In questa direzione, non a caso, ha sempre spinto la giurisprudenza della Corte Costituzionale, specie quella formatasi nel periodo di prima applicazione della riforma costituzionale. Nel ribadire ancora oggi questa posizione, le Regioni sono consapevoli della convinzione diffusa da più parti, anche nel dibattito scientifico, di riportare alla competenza del legislatore statale alcune materie oggi oggetto di competenza concorrente, nonché di introdurre una clausola di supremazia che consenta allo Stato di intervenire a presidio dell’unitarietà dell’ordinamento, derogando all’ordinario riparto delle competenze. Tuttavia, è evidente che tale clausola di supremazia rischierebbe di diventare un grimaldello del centralismo se non venisse attivata prevedendo come necessaria la partecipazione e la garanzia di un Senato federale, in grado di rappresentare le comunità territoriali; così come la riduzione dell’elenco di materie di competenza regionale non adeguatamente contestualizzata, rischierebbe di tradursi in un arretramento nell’attuazione dell’ordinamento federale.
Più che una revisione del catalogo di materie di competenza delle Regioni, occorre una più fedele attuazione del vigente impianto costituzionale , a partire dalla corretta individuazione dei principi fondamentali nelle materie a potestà legislativa ripartita (art. 117, terzo comma, Cost.), rispetto alle quali alle Regioni spetta la disciplina di dettaglio.
Il legislatore statale pur dopo l’approvazione della riforma del 2001, infatti, non si è limitato a definire norme di principio e - con previsioni anche di estremo dettaglio - si è spinto a incidere l’autonomia regionale, adducendo frequentemente non meglio specificate esigenze di uniformità di disciplina/standard da garantire su tutto il territorio nazionale, invadendo di fatto gli ambiti di competenza delle Regioni, con centralizzazione sistematica di funzioni e compromissione sostanziale dell’equilibrio di competenze del vigente sistema multilivello.
E’stata in sostanza disattesa la ratio della legge che doveva adeguare l’ordinamento al nuovo Titolo V della Costituzione (l. 131/2003), nella parte in cui prospettava l’approvazione in Parlamento di leggi per la definizione dei nuovi principi fondamentali, nelle materie concorrenti.
Si ritiene pertanto fondamentale procedere, da parte dello Stato, all’approvazione di leggi di principio nelle materie di cui all’art. 117, terzo comma, Cost., previa concertazione con le Regioni (per l’individuazione dei principi) nelle sedi esistenti: a tal fine occorre adottare meccanismi che rafforzino il raccordo inter-istituzionale, rendendo più incisivi i relativi strumenti attuativi (ad esempio: potenziare gli strumenti dell’intesa e dell’accordo, in modo da renderli sempre più giuridicamente vincolanti e far sì che, se disattesi, possa intervenire la controparte, in via sostitutiva, a ripristinare le condizioni pattuite).
Il rafforzamento (anche tramite costituzionalizzazione) della Conferenza Stato-Regioni e del relativo “sistema degli accordi inter-istituzionali”, l’attivazione immediata della bicameralina allargata e la trasformazione del Senato in un effettivo Senato delle Regioni rappresentano i passi fondamentali per completare il disegno di riassetto istituzionale avviato con la l. Cost. 3 del 2001 e per ovviare ai noti difetti di funzionamento del sistema.
Il ruolo del parlamento nazionale nei processi di formazione ed attuazione del diritto dell’unione europea
Con riferimento al quesito (A.4.1. del questionario) se sia ipotizzabile il riconoscimento al c.d. Senato Federale di alcune specifiche funzioni in materia di politiche comunitarie, si osserva quanto segue.
Dopo la riforma del Titolo V, Parte II della Costituzione, i rapporti tra ordinamento nazionale e regionale, da una parte, e ordinamento dell’Unione europea, dall’altra, sono attualmente disciplinati nell’art. 117 Cost.
Il comma primo prevede che la potestà legislativa venga esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. Il comma secondo attribuisce alla potestà legislazione esclusiva dello Stato i rapporti con l'Unione europea. Il comma terzo attribuisce invece alla potestà legislativa delle Regioni i rapporti internazionali e con l'Unione europea delle Regioni. Il comma quinto dispone che le Regioni, nelle materie di loro competenza, partecipano alle decisioni dirette alla formazione degli atti normativi comunitari e provvedono all’attuazione e all’esecuzione degli accordi internazionali e degli atti dell’Unione europea nel rispetto delle norme di procedura stabilite da legge dello Stato che disciplina le modalità di esercizio del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
Il quadro costituzionale sopra sinteticamente delineato non tiene conto della recente entrata in vigore del Trattato di Lisbona. Questo ha introdotto nel Trattato sull’Unione europea (TUE), al titolo II “Disposizioni relative ai principi democratici”, un nuovo art. 12 che illustra il ruolo dei Parlamenti nazionali nel contesto europeo. La norma richiamata prevede che i parlamenti nazionali contribuiscano attivamente al buon funzionamento dell’Unione attraverso vari strumenti messi in campo dalle istituzioni comunitarie: essendo informati e ricevendo i progetti di atti legislativi dell'Unione in conformità del Protocollo sul ruolo dei parlamenti nazionali nell'Unione europea; vigilando sul rispetto del principio di sussidiarietà secondo le procedure previste dal protocollo sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità; partecipando, nell'ambito dello spazio di libertà, sicurezza e giustizia, ai meccanismi di valutazione ai fini dell'attuazione delle politiche dell'Unione in tale settore, in conformità dell'articolo 70 del TFUE, ed essendo associati al controllo politico di Europol e alla valutazione delle attività di Eurojust, in conformità degli articoli 88 e 85 di detto trattato; partecipando alle procedure di revisione dei trattati in conformità dell'articolo 48 del trattato; venendo informati delle domande di adesione all'Unione in conformità dell'articolo 49 del trattato; partecipando alla cooperazione interparlamentare tra parlamenti nazionali e con il Parlamento europeo in conformità del protocollo sul ruolo dei parlamenti nazionali nell'Unione europea.
Tra le funzioni riconosciute in capo ai parlamenti nazionali ve ne sono alcune che sembrano presupporre un esercizio congiunto da parte delle due Camere (così, ad esempio, la partecipazione alle procedure di revisione dei Trattati e la partecipazione alla cooperazione interparlamentare tra parlamenti nazionali e con il parlamento europeo).
Vi sono altre funzioni, invece, in relazione alle quali si potrebbe ipotizzare un esercizio disgiunto da parte delle due Camere oppure l’attribuzione di funzioni ad una soltanto di esse (ad es. il controllo di sussidiarietà).
Alla luce delle osservazioni sopra formulate, sulla base dell’elenco di funzioni spettanti ai Parlamenti nazionali, ai sensi del Trattato di Lisbona, si potrebbe suggerire per il Parlamento italiano un modello di riferimento di carattere misto, di seguito ipotizzato. Tale modello muove dal presupposto di un’evoluzione in senso federale del nostro ordinamento costituzionale, e dalla sostituzione del Senato della Repubblica con il Senato federale o con la Camera delle Autonomie.
Potrebbe continuare a prevedersi un esercizio congiunto della funzione legislativa in materia di rapporti dello Stato con l’Unione europea, di disciplina nelle procedure per la partecipazione alla fase discendente del diritto comunitario dello Stato e delle Regioni, e per l’esercizio del potere statale sostitutivo nei confronti delle Regioni (art. 117, comma 5 cost.).
L’esercizio congiunto della potestà legislativa potrebbe avere luogo secondo due possibili modalità alternative.
Una prima proposta da valutare potrebbe essere quella di confermare il modello «bicamerale paritario», ovvero il modello attualmente previsto dalla nostra Carta costituzionale, che richiede che i due rami del Parlamento esaminino, in successive letture, il progetto di legge e lo approvino nel medesimo testo (tale proposta si ispira a quella contenuta nella bozza “Violante”, DDL Camera n. 553 XV Legislatura, che, non a caso, conserva il termine nella norma che sostituisce l’art. 70, l’avverbio « collettivamente» in essa presente).
Una seconda proposta potrebbe essere la seguente: il progetto di legge è esaminato e approvato in prima lettura dalla Camera dei deputati. La Camera delle autonomie, alla quale è trasmesso il testo approvato, su richiesta di un quinto dei suoi componenti può esaminarlo e modificarlo. Ove la Camera delle Autonomie apporti delle modifiche, esse hanno un valore per dir così «rinforzato»: la Camera dei Deputati – alla quale spetta il compito di pronunciarsi su tali modifiche in via definitiva – può infatti discostarsi da quantola Camera delle autonomie ha deliberato solo votando a maggioranza assoluta dei propri componenti.
Potrebbe invece prevedersi riconoscimento di una sfera di competenza autonoma alla sola Camera rappresentativa delle autonomie territoriali per l’esercizio di ulteriori funzioni di tipo legislativo, per quanto riguarda l’individuazione dei principi fondamentali nella materia concorrente relativa ai rapporti delle regioni con l’Unione europea (art. 117, comma 3 cost.).
Quanto all’esercizio del controllo di sussidiarietà, previsto dal Protocollo II, del Trattato di Lisbona, sugli atti provenienti dall’Unione Europea, esso dovrebbe spettare alla Camera delle autonomie ove si assuma la violazione di interessi regionali, e alla Camera dei Deputati ove si assuma la violazione di interessi statali. L’unità della posizione italiana potrebbe essere garantita da forme di raccordo tra le due Camere, che assicurino l’unità della posizione italiana nei confronti delle istituzioni dell’Unione.
Con riferimento alla fase ascendente della formazione del diritto dell’Unione europea, si potrebbe verificare l’opportunità di prevedere, già nel testo costituzionale anziché nella legge di procedure, che ciascuna delle due Camere vi concorra, e abbia diritto a ricevere dal Governo l’informazione necessaria. In questo caso, come si è detto con riferimento al controllo di sussidiarietà, la Camera delle Autonomie si attiverebbe con riferimento ad atti che incidono su “interessi regionali”, la Camera dei deputati si attiverebbe ad atti che incidono su “interessi statali”. L’unità della posizione italiana potrebbe essere garantita da forme di raccordo tra le due Camere.
Con riferimento alla fase discendente dell’attuazione del diritto dell’Unione europea, nelle materie che appartengono alla competenza statale esclusiva, e nelle materie concorrenti, limitatamente alla fissazione dei principi fondamentali, si potrebbe prevedere che la legge comunitaria annuale e le altre leggi statali di attuazione di direttive comunitarie vengano adottate attribuendo la potestà legislativa ad entrambe Camere secondo uno dei due modelli sopra descritti.
Osservazioni sui modelli stranieri di riferimento per l’istituzione del Senato Federale (o Camera delle Autonomie)
La composizione della seconda camera nel modello tedesco
L’assetto costituzionale tedesco rappresenta sicuramente il più interessante per una valutazione comparativa. Esso presenta una seconda Camera i cui membri vengono designati dagli esecutivi regionali, opzione, questa, differente rispetto all’elezione a suffragio universale e diretto, nonché alla nomina “indiretta” da parte dei consigli regionali.
Nel sistema italiano, caratterizzato dal forte peso dei partiti e dalla presenza di un vincolo fiduciario tra esecutivo e legislativo, l’applicazione di questi due ultimi modelli potrebbe comportare la prevalenza degli indirizzi del partito nazionale di appartenenza a discapito di un’effettiva rappresentanza delle istanze territoriali.
Questa considerazione depone a favore del modello tedesco, che se da un lato delinea una seconda Camera più debole sotto il profilo della legittimazione democratica, dall’altro assicura una positiva corrispondenza tra gli interessi territoriali perseguiti dagli organi regionali e quelli dei senatori componenti la seconda camera.
La Costituzione tedesca prevede l’attribuzione alle Regioni, in seno alla seconda Camera, di un numero variabile di senatori in rapporto al numero degli abitanti; a ciascun Land infatti spettano almeno 3 rappresentanti, quattro ai Lander con più di due milioni di abitanti, cinque a quelli con più di sei milioni.
Tale soluzione non applica un criterio di rigida proporzionalità, ma è volta a conferire comunque un maggior peso politico alle Regioni con popolazione più numerosa.
La seconda Camera nel contesto dell’U.E.
La differenziazione dei ruoli delle due Camere si realizza ritagliando per il Senato federale un ruolo più specializzato che, oltre a raccordare con il livello regionale la funzione legislativa dello Stato, lo proietta in un ambito sovranazionale (principalmente con riferimento all’U.E.).
La proposta di valorizzare il ruolo del Parlamento per l’attuazione delle politiche comunitarie risponde agli obiettivi del Trattato di Lisbona, che riconosce un ruolo più importante e penetrante ai Parlamenti nazionali per un migliore funzionamento dell’UE.
Sotto l’aspetto della partecipazione alla fase ascendente del diritto dell’U.E, un modello di riferimento per la partecipazione alla formazione degli atti normativi comunitari è rappresentato dalla c.d. Camera dell’Europa prevista dall’art. 52, comma 3a, della Costituzione tedesca.
La Camera dell’Europa è un’articolazione interna del Senato tedesco, le cui deliberazioni valgono come deliberazioni del Bundesrat e i suoi componenti sono membri dello stesso Bundesrat designati su delega di ogni Land.
Questo organismo, quale organismo specializzato per le questioni relative all’Unione europea, è stato istituito con lo scopo di rendere più effettiva la partecipazione alla fase ascendente e consentire l’assunzione di deliberazioni in tempi rapidi specie nei casi d’urgenza, considerato che se tali questioni venissero affidate al Bundesrat - il quale decide nel suo plenum e si riunisce in un numero limitato di sedute annuali - si allungherebbero di molto i tempi per addivenire alla definizione della posizione nazionale in ambito comunitario.
La riforma del modello tedesco.
La Costituzione tedesca (Grundgesetz – G.G.) è stata oggetto in tempi recenti di un intervento di riforma del federalismo, da cui non si può prescindere nel momento in cui si guardi ad un “modello tedesco”, pur non trattandosi specificamente di una revisione del bicameralismo sotto il profilo della struttura degli organi del potere legislativo (le due Camere: il Bundestag, vale a dire la Camera federale eletta dai cittadini; il Bundesrat vale a dire la seconda Camera o Senato federale, non eletta a suffragio universale diretto ma dai governi dei singoli Lander), bensì in punto di procedimento legislativo.
La riforma costituzionale tedesca ha realizzato una deminutio dell’intervento legislativo del Bundesrat, per l’esigenza di ridurre il potere di veto delle Regioni nei confronti del programma del Governo federale, e nel complesso ha inteso rendere più precisa e chiara la ripartizione delle materie.
Il bicameralismo tedesco imperfetto prevede l’approvazione da parte del Bundesrat delle leggi solo nelle materie seguenti:
- responsabilità dello stato (materia di legislazione concorrente ai sensi dell’art. 74 G.G.);
- retribuzione e trattamento previdenziale degli impiegati pubblici che si trovano in un rapporto di servizio e di diritto pubblico (materia di legislazione concorrente ai sensi dell’art. 74a G.G.);
- stato giuridico del personale al servizio della Federazione e degli enti di diritto pubblico direttamente dipendenti dalla Federazione, nei limiti di cui all’art. 74 a comma 3 (materia di legislazione esclusiva della Federazione ai sensi dell’art. 73 G.G.).
In altri termini, solo nei casi appena riportati avremo una legge dello Stato approvata da entrambe le Camere, vale a dire anche dal Senato; mentre di norma, come recita l’art. 77 “Procedura legislativa”, le leggi federali sono approvate dal Bundestag.
Successivamente, dopo la loro approvazione, le leggi federali sono trasmesse senza indugio al Bundesrat che può richiedere la convocazione di una commissione composta da membri del Bundestag e del Bundesrat, per un esame in comune dei testi. Qualora la commissione proponga una modifica del testo di legge adottato, il Bundestag deve pronunciarsi nuovamente.
Per quanto concerne il riparto delle competenze legislative, la novellata Costituzione tedesca presenta un elenco di materie di competenza esclusiva della Federazione - “Bund” - (art. 73 GG) e un elenco di materie di competenza “concorrente” (art. 74 GG) della Federazione e delle Regioni - “Lander”.
Accanto, in via residuale, vi è lo spazio della legislazione esclusiva dei Lander, posto che questi hanno diritto di legiferare in tutte le materie che non sono espressamente riservate alla Federazione (art. 70 comma 1).
Sulle materie ricadenti nella legislazione cosiddetta “concorrente”, ai sensi della Legge fondamentale tedesca, i Lander possono legiferare soltanto qualora non esista in tal senso un’azione del Bund, avendosi una disciplina della potestà concorrente diversa dalla omonima “concorrente” italiana, che si sostanzia invece in una normazione statale di principio ed una regionale di dettaglio.
In questo peculiare tipo di potestà legislativa, il Bund ha il diritto di legiferare (art. 72 c. II) quando e nella misura in cui la realizzazione di equivalenti condizioni di vita nel territorio federale o la tutela dell’unità giuridica o economica nell’interesse dello Stato nel suo complesso rendano necessaria una disciplina legislativa federale.
Con riferimento alla legislazione concorrente, la recente riforma ha sottratto a tale “clausola di necessità” alcune materie quali il diritto penale, il diritto civile, il diritto del lavoro, e quello previdenziale. Ne consegue che in questi ambiti non sussiste più in capo alla Federazione l’onere di dimostrare che il suo intervento normativo risulti necessario per realizzare condizioni di vita equivalente nel territorio federale.
La riforma costituzionale tedesca ha abrogato l’art. 75 GG, e con esso l’istituto denominato “legislazione quadro”, che dava luogo al susseguirsi di due procedimenti legislativi (l’uno sul piano federale, l’altro su quello di ciascun Land), fatto che rendeva il sistema inefficiente, tra l’altro, in riferimento all’attuazione del diritto comunitario. Tali leggi quadro, di norma comportavano che la Federazione adottasse disposizioni di principio, alle quali i Lander dovevano dare seguito emanando le necessarie leggi di integrazione entro un termine ragionevole fissato dalla stessa legge quadro federale. Le materie ricadenti in tale tipo di competenza sono state attratte in parte alla legislazione esclusiva federale, in parte alla legislazione concorrente e in parte alla legislazione esclusiva dei Lander.
A tale ultimo riguardo, il nuovo art. 72, comma 3, G..G., prevede in capo ai Lander la potestà legislativa in deroga nel caso in cui il Bund approvi una propria legge nelle nuove materie di legislazione concorrente derivanti dalla soppressione della norma relativa alla legislazione quadro.
Leale collaborazione e sussidiarietà nell’attuale contesto istituzionale
La traduzione operativa dell’equiordinazione tra i livelli di governo è il principio di sussidiarietà verticale enunciato dall’art. 118 della Costituzione.
Pur essendo originariamente riferito al solo riparto delle funzioni amministrative, per giurisprudenza costituzionale costante (a far data dalla sentenza n. 303 del 2003), tale principio proietta ora la sua portata ordinante anche sul riparto delle funzioni legislative e genericamente normative, informando di sé tutti i rapporti competenziali tra i diversi livelli di governo.
Si tratta di un principio ordinatore che da tempo fa parte del patrimonio comune delle esperienze costituzionali europee, ricorrendo frequentemente nei testi normativi (costituzionali e non), nella giurisprudenza e nella produzione dottrinale della stragrande maggioranza dei paesi europei.
Come testimoniato dall’etimo subsidium, sussidiario è l’intervento che opera in funzione ausiliare e che evoca quindi l’idea di sostegno e di soccorso. Ciò significa che le competenze di ciascun livello di governo devono avere carattere ausiliare, e quindi eccezionale, rispetto alle competenze del livello o dei livelli di governo sottostanti: si attivano perciò solo se ciò è strettamente necessario per dare soddisfazione ad esigenze unitarie, interessi infrazionabili che per la loro natura l’ente territoriale inferiore non può fronteggiare efficacemente. Di conseguenza, la sussidiarietà impone che in linea di principio tutte le competenze, sia amministrative che normative, siano riservate agli enti locali minori, salvo che non sia assolutamente indispensabile l’azione del livello di governo superiore. È pertanto un criterio flessibile d’allocazione delle funzioni, potendo spostare la linea di confine delle competenze ora verso il basso ora verso l’alto, a seconda delle circostanze, ma sempre nel rispetto del favor di cui debbono godere i livelli di governo inferiori.
Dunque la sussidiarietà è un «meccanismo dinamico» (sent. 303/2003 Cost.) che può imprimere due direzioni diverse al riparto mobile delle funzioni: una “discendente”, quando prescrive che di regola tutte le competenze siano allocate verso il basso; una “ascendente”, quando in via eccezionale consente che salgano verso l’alto.
Quando esprime un moto ascendente, il principio di sussidiarietà si tramuta nel principio di leale collaborazione (o cooperazione). Per giurisprudenza costante l’ente superiore che acquista la funzione deve esercitarla collaborando lealmente con l’ente che ne è stato spogliato e ne subisce l’esercizio. Deve perciò coinvolgerlo nei suoi processi decisionali in modo più ampio possibile.
In altre parole, la sussidiarietà/leale collaborazione impone che le istanze unitarie, non realizzabili cioè con il solo intervento locale, si realizzino attraverso un’azione quanto più possibile congiunta tra i livelli di governo interessati. La misura del coinvolgimento deve essere tanto più elevata quanto più il conseguimento del fine unitario interferisce con ambiti o interessi locali.
Roma, 24 marzo 2011


Precedenti posizioni della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome 
 Sezione “riforme istituzionali”
giovedì 24 marzo 2011: Prospettive di riforma relative alle ipotesi di modifica della parte seconda della Costituzione
lunedì 22 ottobre 2007:Nota della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sull’incontro informale con il Comitato dei nove in merito al disegno di Legge Costituzionale  di modifica della Parte II della Costituzione
giovedì 16 novembre 2006: Proposte della Conferenza delle Regioni e Province Autonome, ANCI, UPI e Uncem  per l’attuazione del vigente titolo V della Costituzione
 Sezione “autonomie”
 mercoledì 4 aprile 2012: Parere sullo schema di disegno di legge recante modalità di elezione del Consiglio Provinciale e del Presidente della Provincia, a norma dell’articolo 23, commi 16 e 17, del Decreto-Legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214
 giovedì 29 febbraio 2012:  Documento di sintesi delle principali criticità del testo del Codice delle Autonomie locali (a.s.2259)
 giovedì 24 giugno 2010 -Esame dei profili istituzionali del D.L. 31 maggio 2010, n. 78 “Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica”, coordinato con i Disegni di Legge in materia di Carta delle Autonomie e semplificazione e carta dei doveri della P.A.
 giovedì 24 marzo 2011: Osservazioni ed emendamenti al Disegno di Legge A.S. 2259 “schema di Disegno di Legge recante individuazione delle funzioni fondamentali delle Province e Comuni, semplificazione dell’ordinamento regionale e degli enti locali, nonché delega al Governo in materia di trasferimento di funzioni amministrative Carta delle Autonomie locali riordino di enti e organismi decentrati”

Giovedì 19 aprile 2012: Proposte emendative al testo del DDL A.S. 2259, come risultante dalle proposte di emendamento presentate dai relatori l’11 aprile 2012





































 


( red / 17.05.13 )

+T -T
UE: posizione su Disciplina aiuti di Stato "de minimis"

Conferenza Regioni del 16 maggio 2013

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni del 16 maggio 2013 è stato approvato un documento che esprime la posizione sulla proposta della Commissione di revisione del Regolamento (CE) 1998/2006.
Si tratta in particolare della posizione della Disciplina degli aiuti di Stato dell’Unione Europea. Le Regioni ribadiscono la richiesta di innalzamento della soglia de minimis, degli aiuti di Stato UE.
Si riportadi seguito solo la prima parte del documento (pubblicato integralmente nella sezione "Conferenze" del sito www.regioni.it).
Posizione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sulla proposta della Commissione di revisione del Regolamento relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea agli aiuti "de minimis".
Con il presente documento, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome italiane esprime la propria posizione sulla revisione del Regolamento (CE) relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea agli aiuti "de minimis", ai fini del riscontro alla consultazione pubblica della Commissione europea.
CONSIDERAZIONI GENERALI
A) AUMENTO DELLA SOGLIA
Le Regioni ribadiscono innanzitutto la richiesta di
innalzamento della soglia de minimis, come già espresso nell’ambito del contributo trasmesso il 27 marzo 2012 sul documento di discussione della Commissione europea del 1° marzo 2012 COMP/DG/2012/022543 relativo alla "Modernizzazione degli aiuti di Stato dell’Unione europea", che si riporta integralmente (punto 2):
Si ritiene opportuno mantenere lo strumento
de minimis nell’alveo della natura di "non aiuto", e quindi estraneo alla definizione dell’articolo 107 par. 1. Si ritiene tuttavia necessario innalzarne la soglia fino ad un importo massimo che sia capace di tenere in considerazione gli effetti dell’inflazione dal 2006 ad oggi, nell’ambito delle medesime regole oggi vigenti ai sensi del Regolamento (CE) 1998/2006.
Un massimale più alto consentirebbe, infatti, di intervenire più incisivamente ed efficacemente in situazioni di fallimento di mercato aventi caratteristiche del tutto atipiche rispetto alla gamma di fallimenti del mercato già codificati dalla Commissione europea e oggetto di discipline specifiche, le quali risultano inadeguate alla correzione del fallimento e all’innescamento di un effetto incentivante (come accade tipicamente nelle aree montane).
L’innalzamento della soglia è un’istanza che è stata parimenti rappresentata dal Comitato delle Regioni e dal Comitato economico e sociale europeo in più sedi ed occasioni, da ultimo nell’ambito di parerei di iniziativa, ove si è riscontrata ampia convergenza degli organi consultivi dell’Unione sulla necessità di innalzare la soglia de minimis da 200 a 500 mila euro.
Di seguito si riporta il link al testo integrale del Documento:


( red / 17.05.13 )

+T -T
Assistenza agli anziani: nel 2050 potrebbe assorbire due terzi delle risorse

Studio dell'Università di Milano-Bicocca

(regioni.it) E’ sempre più gravoso il peso economico dell’assistenza agli anziani sul Servizio Sanitario Nazionale. Lo sarà ancor di più in futuro. Lo evidenzia uno studio effettuato dai ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca: nel 2050 l'assistenza agli anziani potrebbe assorbire due terzi delle risorse sanitarie.
In Italia gli over 65 sono un quinto della popolazione. Di questi, quasi il 40 per cento e' affetto da almeno una malattia  cronica. Tanto che il 37,5% dei ricoveri prodotti dalle geriatrie  riguarda appunto malattie croniche, con una tendenza a livello  nazionale in aumento nel triennio 2009-2011.
Ciò comporta 540mila giornate di degenza ordinaria ogni anno, per erogare le quali occorrono circa 1.480 posti letto, con un utilizzo di risorse economiche di oltre 137 milioni di euro. Meno del 2% dei  dimessi dai reparti di geriatria con patologie croniche accede  all'ospedalizzazione domiciliare.
Questi dati sono contenuti nella ricerca 'L'incidenza delle cronicita' nelle geriatrie italiane. Possibili  risparmi per la spesa sanitaria' condotta dai ricercatori di economia della Bicocca. Nel  2011 il numero piu' alto di ricoveri e' stato per cardiovasculopatie  (21.536) e a seguire per broncopneumopatie (13.256).
Per quanto riguarda in generale i ricoveri, a livello nazionale, nel periodo 2009-2011 la crescita nelle geriatrie e' stata contenuta,  attestandosi intorno all'1%. Mentre la crescita dei ricoveri negli stessi reparti per malattie croniche è +15%. A livello nazionale, i ricoveri "a rischio di non appropriatezza" riguardanti patologie croniche sono passati dal  23,73% del 2009 al 18,67% del 2011.
Tra le regioni spicca il dato della Puglia che nel 2011 ha fatto registrare 29,46% "a rischio di non appropriatezza" seguita dalla Campania con il 25,52% e dalla Basilicata con il 25,06%.

 



( red / 17.05.13 )

+T -T
Campania: due nuovi assessori

Fulvio Martusciello e Daniela Nugnes

(regioni.it) In Campania due nuovi assessori: Fulvio Martusciello e Daniela Nugnes. Il presidente della Campania, Stefano Caldoro, ha infatti nominato Fulvio Martusciello, che avrà la delega alle Attività produttive e Daniela Nugnes, che avrà la delega all'Agricoltura. La vice presidenza della Giunta e' stata affidata al prof. Guido Trombetti.
Inoltre è stata affidata la delega al Turismo e Beni culturali all'assessore Pasquale Sommese.
Infine ''ulteriori determinazioni saranno assunte in seguito alle decisioni in ordine alla rimozione dell'incompatibilita' tra la carica di assessore e l'incarico parlamentare dell'onorevole Marcello Taglialatela''
Caldoro spiega che si tratta di ''un discorso ordinario, un'integrazione prevista che rende piu' funzionale il lavoro della Giunta anche se devo dire che i consiglieri delegati hanno lavorato molto bene in questi mesi''.
Per Caldoro ''Erano decisioni gia' prese e oggi le abbiamo formalizzate. Ci sara' ancora qualcosa da fare, aspettiamo la discussione sull'incompatibilita' e le decisioni che prendera' nei prossimi giorni l'assessore Marcello Taglialatela. Sara' un'altra questione che affronteremo con grande serenita' pensando soprattutto, come abbiamo sempre fatto, ai problemi della Campania''.
Caldoro ha inoltre sottolineato come la nomina dei due nuovi assessori sia ''un segnale che rafforza la presenza del Consiglio in Giunta, cosi' come era stato richiesto''.
Quanto alla scelta di nominare l'assessore Guido Trombetti vicepresidente della Giunta al posto del dimissionario Giuseppe De Mita: ''E' una decisione - ha spiegato il presidente della regione Campania - che ho voluto prendere perche' in questa fase era la scelta piu' giusta anche rispetto al nuovo quadro politico senza mortificare nessuno, anche perche' il vicepresidente era dimissionario. Una scelta di profilo piu' tecnico che politico ma anche di una persona che per l'esperienza maturata alla guida di grandi organizzazioni come la Crui ha determinate caratteristiche e l'esperienza necessaria per ricoprire funzioni di coordinamento''.



( red / 17.05.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top