Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2261 - lunedì 20 maggio 2013

Sommario
- Emilia-Romagna: ad un anno dal terremoto il punto sulla ricostruzione
- Mobilità sanitaria: accordo interregionale per compensazione
- UE: Comitato delle Regioni, decidere insieme sulla crescita
- Spettacolo: documento sui contributi per le attività dal vivo
- 5° Rapporto sulla condizione dei malati oncologici
- Save the Children: futuro bambini, Italia agli ultimi posti in Europa

+T -T
Spettacolo: documento sui contributi per le attività dal vivo

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni del 16 maggio 2013 ha approvato un documento sui  contributi a favore delle attività dello spettacolo dal vivo. Si tratta di un parere favorevole in merito ai relativi Decreti.
Nel testo la Conferenza ha ribadito di essere sempre in attesa di un confronto sulla governance del settore che consenta di affrontare le questioni aperte da alcune sentenze delle Corte Costituzionale.
Il documento che si riporta integralemente è stato pubblicato nella sezione "Conferenze" del sito www.regioni.it.
Parere, ai sensi degli articoli 2, comma 4, sui Decreti concernenti modalità ed erogazione dei contributi in favore delle attività di spettacolo dal vivo
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome rileva, in termini generali, che l’avvenuto taglio dei fondi aggrava la già complessa situazione finanziaria del settore dello spettacolo dal vivo ed invita, pertanto, a prevedere un reintegro a breve termine del FUS.
Si indicano a seguire alcune osservazioni puntuali.
Appare poco adeguato inserire già nel decreto la possibilità di scostamenti significativi per tutti i settori dei vari ambiti di spettacolo. In questo modo si rende poco incisivo il parere delle Regioni in quanto il MiBAC potrà poi apportare variazioni significative sulla ripartizione dei settori in fase di assegnazione delle risorse.
Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse 2013 per le Attività musicali, si evidenzia il decremento del valore complessivo assegnato al settore. Si propone la diminuzione dello stanziamento per la categoria Concertistica e corali, che racchiude un numero elevato di soggetti eterogenei con la conseguenza di un’eccessiva frammentazione dei contributi.
Anche se ridotti rispetto al 2012, risultano comunque sproporzionate le risorse appostate per i Progetti speciali e le Attività concertistiche all’estero. In un periodo di difficoltà del settore della prosa dovrebbero essere maggiormente tutelate le attività stabili e continuative di forte valenza imprenditoriale. Si propone pertanto la diminuzione della quota di risorse appostata per i Progetti Speciali in favore dei Teatri Stabili e delle imprese di produzione di rilevanza nazionale. Si auspica la necessità di redistribuzione di detta quota a favore di soggetti stabili e continuativi, in particolare i Teatri di tradizione, che svolgono anche attività di tipo concertistico e corale di alto livello qualitativo.
Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse 2013 per le Attività di danza, nel rilevare il permanere dello scarso peso del settore nella ripartizione delle risorse, si propone un innalzamento dello stanziamento per i soggetti di promozione della danza e perfezionamento professionale e un innalzamento dello stanziamento delle rassegne e festival. Si rileva inoltre che gli scostamenti previsti per il settore sono mediamente più alti rispetto agli altri.
Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse 2013 per le Attività teatrali, si evidenzia il decremento del valore complessivo assegnato al settore a fronte del mantenimento dei soggetti beneficiari.
Esprimendo parere favorevole in merito ai Decreti in oggetto, la Conferenza ribadisce, tuttavia, che si è in attesa da anni di avere un confronto sulla governance del settore, a partire dalle sentenze delle Corte Costituzionale che hanno ravvisato la necessità di un adeguamento della vigente legislazione al "nuovo" dettato costituzionale.


( red / 20.05.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top